Society
di Simone Stefanini 13 Gennaio 2015

Pastore americano spiega come ha picchiato un bambino che non voleva prendere Dio seriamente

Un pastore americano spiega come ha preso a pugni un bambino perché non prendeva Dio seriamente. Brividi.

Vorremmo scrivere un’introduzione sensata e piena di profonde riflessioni, ma abbiamo capito che semplicemente non serve. Abbiamo capito che in questo caso non ha molto senso parlare di massimi sistemi e tirare in mezzo confronti tra le religioni.

Oggi vi proponiamo un video che sta girando da qualche tempo e che viene dagli Stati Uniti. Protagonista è il pastore Eric Dammann, che gestisce un gruppo di preghiera e che racconta di come abbia portato sulla retta via un ragazzino che non stava al suo posto.

“C’era questo ragazzino di nome Ben. Era un bambino intelligente e furbo, il che non aiuta, anzi, rende le cose ancora più pericolose. Eravamo all’aperto, col gruppo giovanile di preghiera e lui continuava a provocarmi, a non prendere il Signore seriamente. Sono andato verso di lui e BAM, gli ho dato un pugno nello stomaco, più forte che potevo, l’ho spezzato quel bambino. Poi gli ho detto: Ben, quando smetterai di giocare con Dio? … Ci sono tempi in cui questi atti sono giustificati.”

Il pastore, chiamato in causa per violenza ed istigazione alla violenza, risponde al NY Daily News:

“Non approvo gli abusi sui minori o la violenza fisica. La mia intenzione in quel sermone era di spiegare come Dio può entrare dentro di noi anche attraverso i nostri errori. Il clip che è diventato virale, non mostra quando dico che ciò che avevo fatto era sbagliato.”

Certo. Riguardatevi il video nell’attimo in cui mima il pugno: lo fa piuttosto bene, sembra sereno, addirittura compiaciuto.

pastore

Conosco il Vangelo a livello scolastico, non sono un esperto, ma provengo da una famiglia fortemente cattolica. Ho pure uno zio prete. Ho domandato in giro e sembra che non esista un passaggio nelle Sacre Scritture che dica: “Laddove il miscredente non voglia farsi indottrinare, inculcategli Dio a son di pugni nello stomaco.”

Il pastore Eric Dammann è solo uno dei tanti che usa Dio per giustificare i propri crimini e la propria coscienza.
Perché prendere a pugni un bambino è un crimine.
Brividi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >