Tech
di Mattia Nesto 12 Novembre 2018

A cento anni dalla Prima Guerra Mondiale, un videogame per non dimenticare

Abbiamo provato 11-11 Memories Retold, il nuovo gioco a tema storico di Bandai Namco a cento anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale

Con poca voglia di svenarci in sterili (e ormai passate) polemichette su quanto facciano male o bene i videogiochi, a cento anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale abbiamo provato 11-11 Memories Retold, il nuovissimo gioco di casa Bandai Namco che ci porta direttamente in mezzo alle trincee del terribile conflitto bellico. Certamente il titolo, che vede anche la partecipazione di attori come Elijah Wood e Sebastian Koch, presenta un comparto grafico sì molto particolare ma dal grande gusto artistico anche se in molte scelte di gameplay appare forse carente e privo dello spessore necessario per renderlo un bestseller. Tuttavia è un interessante esperimento di narrazione storica, molto fedele, applicata al videogioco.

L’azione si sviluppa, seguendo il modello di quel gioiellino che è stato Valiant Hearts: The Great War (altro gioco sul tema e a cui ritorneremo spesso in questo analisi), attraverso due storie parallele che vedono come protagonista da una parte il canadese Harry, fotografo arruolatosi più per far colpo sulla sua bella che per spirito patriottico e Kurt, un tecnico tedesco che, mentre stava lavorando in una fabbrica di Zeppelin, scopre dalla radio che suo figlio è stato catturato al fronte; decide di arruolarsi per andare a riprenderselo.

Ogni decisione in 11-11 Memories Retold è spinta da pulsioni e sentimenti personali, non si ci concentra mai sulla grande narrazione storica, sui motivi insomma che hanno mosso le Nazioni europee, dopo quel sostanziale periodo di pace successivo alla Guerra Franco-Prussiana del 1870, a dichiararsi guerra vicendevolmente, ma su piccolo/grandi episodi di vita privata che rendono la storia di Harry e Kurt molto vicina alle nostre corde interpretative. Tuttavia, giusto per essere sinceri, va detto subito che le due storie non hanno il medesimo peso specifico.

Quella di Harry, che si muove lungo il fronte occidentale francese, facendo parte egli di una divisione canadese impegnata con la Triplice Intesa (Francia, Regno Unito, di cui faceva parte il Canada inglobato nel Commonwealth e Russia), è una storyline dalla scrittura e dalle motivazioni leggerine. Harry è un personaggio praticamente inconsistente, impalpabile è il suo spessore umano e spesso e volentieri lo vediamo inorridire di fronte alla durezza della vita militare come il più sprovveduto degli uomini. Eppure bisogna considerare il fatto di come noi oggi abbiamo tutta una serie di informazioni, grazie agli storici e ai ricercatori, sulla vita vera che si faceva in frontiera, che le donne e gli uomini di quegli anni non aveva nella maniera più assoluta. Quindi, la prima volta che Harry si trova nel bel mezzo di una trincea e si sorprende del fatto che le divise dei suoi commilitoni non siano linde e pinte come nelle fotografie sui giornali di propaganda, può essere un qualcosa di verosimile.

 

Eppure è Kurt ad entrare subito in empatia con il giocatore perché è un personaggio dolce e malinconico, innamorato di sua moglie e dei suoi due figli, uno perso in guerra e una rimasta a casa, in pensiero per il fratello e il padre al fronte. Uno che non ha paura di arruolarsi volontario nell’esercito del Kaiser non per fare grande il Reich ma per trovare e salvare il proprio figlio. Uno dei momenti più toccanti e riusciti dell’intero gioco è quello nel quale vediamo Kurt in un vagone del treno, mentre si sposta lungo il fronte occidentale in Belgio, mentre scrive, ascoltando due amici camerati suonare la chitarra, una lettera all’adorata figlia.

Siamo noi a scegliere le frasi da dire alla ragazzina. Possiamo infatti decidere di dipingere la guerra come un fatto eroico o semplicemente come un’avventura nel bosco, oppure possiamo essere sì più duri ma più onesti con lei e darle tutte le informazioni del caso. Queste nostre scelte (che vedremo letteralmente incise su carta) influenzeranno il gioco. Quel momento è proprio bello perché è al contempo onirico e reale e la particolare grafica di gioco (e la grande interpretazione degli attori nel gioco) lo rende ancora più suggestivo.

 

La grafica, una componente fondamentale del titolo tale da renderlo speciale. Infatti è una specie di gioco “espressionista”, dato che le scene sono presentate con un particolare stile pittorico che ricorda i quadri che andavano tanto di moda in quel periodo. Ovviamente, a seconda della scena raccontata, lo stile espressionista alimenta ancora di più il dato passionale e di coinvolgimento a livello emotivo. Per esempio una scena di grande gusto è quella che vede, contemporaneamente, Kurt in una galleria sottoterra che ausculta le note della chitarra di Harry mentre suona nel suo accampamento. Non soltanto in questo modo così poetico capiamo quanto fossero dannatamente vicini i fronti contrapposti ma comprendiamo come entrambi gli schieramenti fossero composti non tanto da soldati ma da uomini come noi. E infatti Kurt, nel buio della galleria sotterranea rischiarato da una debole lanterna che fa una luce espressionista così dolce, si mette ad ascoltare la canzone che pochi metri sopra i soldati “nemici” suonano e si dimentica di tutto ma non della propria famiglia.

 

Qui sta il vertice del gioco ma, come dicevamo prima, al contrario di Valiant Hearts: The Great War  di Ubisoft che ingegnosamente inserisce del sano gameplay nel titolo. qui c’è quasi totale assenza di azione. Infatti ciò che il giocatore dovrà fare, al di là di ascoltare e seguire due storie comunque tutti e due i coinvolgimenti, sarà prendere qualche oggetto e portarlo a qualche npc oppure spostare delle casse per accedere a dei percorsi utili. Si possono anche salire le scale a pioli ma non crediamo sia questa grande avventura. Inoltre alcuni dialoghi non principali, come ad esempio quelli dei soldati in trincea, sono pericolosamente ripetitivi. Abbiamo contato quasi una dozzina di volte la frase: “Penso a mio moglie”, ripetuta con impercettibili cambiamenti da un npc dopo l’altro.

 

Rimane quindi la sensazione che questo gioco sia una buonissima idea che poteva e doveva essere sviluppata in modo più legato all’azione. Anche in Valiant Hearts: The Great War  non c’è tantissimo da fare ma in quel gioco, da poco tra l’altro sbarcato su Nintendo Switch e quindi con una nuova vita (tra l’altro questa versione è bellissima e la grafica di gioco risalta ancora di più), quello che si fa è sempre coerente e ingegnoso, c’è un minimo di azione e i piccoli puzzle presenti sono sempre decenti. In 11-11 Memories Retold manca invece completamente questa parte e, dopo qualche ora di gioco, si ha la sensazione di essere dentro un bellissimo quadro dove c’è poco da fare al di fuori di ammirarne la bellezza. Ma, nonostante questo, il prezzo del biglietto per entrare al museo è stato giusto pagarlo.

11-11 Memory Retold per PS4

Compra | Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
13,76 €

Laconic Design LED Night Light

Item Type: Lighting Material: ABS Light Source: LED Luminous Flux: 20 LM (max) Current: 60-80 mA Voltage: 4.5 V , 3 x AAA Batteries Brightness: Max. 20 lumens Color Temperature: 3000K Operating Temperature: -10 to +40 degrees Celsius Sensing Distance: 3-5 m Size: 6.29 inch / 15.98 cm Features: No more searching around for a switch! This lamp will automatically turn on when motion is sensed and automatically turn off after a period of time. Features energy-efficient LEDs that deliver super-bright long-lasting illumination and with a daylight sensor installed the lights only activate in darkness saving the life of the battery! Package Includes: 1 x Night Light    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
52,90 €

Kit da tavolo per trasformare lo smartphone in microscopio

Si chiama Blips Ultra Labkit, è un prodotto italiano e trasforma il tuo cellulare in un microscopio. Le lenti si applicano al cellulare velocemente con un adesivo. Il kit comprende anche delle lenti macro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >