TV e Cinema
di Simone Stefanini 30 Ottobre 2015

10 film horror italiani che fanno davvero paura

Dimenticate Nightmare e Venerdì 13 e passate un Halloween horror tutto Made in Italy

profondo-rosso

 

Halloween è alle porte e già ci prepariamo alle maratone horror per la notte più paurosa dell’anno. Come sempre, gettonatissimi i film americani tipo la saga di Nightmare, quella di Venerdì 13, Scream oppure i grandi classici come L’Esorcista o Psycho, mentre i più raffinati sceglieranno gli horror giapponesi tipo Ringu (The Ring) e compagnia più o meno bella.

Noi italiani però non siamo certo da meno e i nostri film dell’orrore sono apprezzati un po’ ovunque, specialmente quelli dell’epoca d’oro degli anni 70. Cosa importantissima: a riguardarli oggi, promettono urla, inquietudine e notti insonni. Così, con un’impennata di orgoglio nazionale, oggi vi proponiamo la classifica 10 film horror italiani che vi faranno passare una nottataccia per nulla tranquilla.

 

10) Reazione a catena (Mario Bava, 1971)

Il re del film horror all’italiana e una delle sue pellicole meno conosciute, ma più truculente. Spietato, cinico e splatter, Reazione a Catena mostra una serie di omicidi sempre più sanguinari e a loro modo geniali, al punto da essere stati ripresi pari pari in altri film americani. Senza Reazione a catena non ci sarebbe stato Venerdì 13, per dire. Come senza Cani Arrabbiati di Bava non ci sarebbe stato Le Iene di Tarantino. Un vero maestro.

 

9) … E tu vivrai nel terrore! L’Aldilà (Lucio Fulci, 1981)

Un altro grande che ha dedicato gran parte della sua vita agli horror. Questo film di Lucio Fulci è il secondo della Trilogia della Morte di cui fanno parte anche Paura nella città dei morti viventi e Quella villa accanto al cimitero. Una serie di horror splatter estremi di culto anche negli Stati Uniti. Questo in special modo è stato restaurato per gli SUA da Quentin Tarantino. Dello stesso regista, guardate assolutamente Non si sevizia un paperino. Altro capolavoro.

 

8) La casa dalle finestre che ridono (Pupi Avati, 1976)

Uno dei film più perversi e inquietanti di sempre porta la firma di Pupi Avati, regista poi diventato famoso per tutt’altro genere, ma che non ha mai disdegnato di mettere in scena la paura. Quadri maledetti, un pittore folle, un prete molto strano e l’oscura campagna della bassa padana. In origine avrebbe dovuto girarlo in America, ma la provincia italiana si meritava il suo horror definitivo.

 

7) Cannibal Holocaust (Ruggero Deodato, 1980)

Siete andati a vedere The Green Inferno di Eli Roth e vi ha fatto tanta paura? Bene, in confronto a Cannibal Holocaust è Cenerentola. Il mockumentary di Ruggero Deodato viene considerato il film più violento di tutti i tempi e quando uscì fece scalpore per le scene estreme. Il precursore di tutti i cannibal movie.

 

6) Suspiria (Dario Argento, 1977)

I colori di questo film. Magnifici, come la colonna sonora dei Goblin. Il film di Dario Argento più famoso nel mondo, una storia di streghe e di antichi sortilegi nel freddo della Germania. Cast eccezionale e con tutta probabilità il film del regista romano che fa più paura di tutti.

 

5) Buio Omega (Joe D’Amato, 1979)

Un film talmente splatter che quando uscì fu considerato troppo estremo e non ebbe molto successo. Recuperò in seguito diventando di culto in tutto il mondo. Un imbalsamatore, riti voodoo, una strega e un sacco di morti ammazzati. Il regista Joe D’Amato, dopo la parentesi horror è diventato un regista porno tra i più prolifici.

 

4) Blue Movie (Alberto Cavallone, 1978)

Uno dei film culto per eccellenza, scritto, diretto e montato da Alberto Cavallone. Estremo, psichedelico, parla di uno stupro e di un maniaco che conserva escrementi e liquidi organici freschi. Un trip di perversione allucinante. Cavallone è un regista unico nel suo genere e totalmente fuori di testa.

 

3) Dèmoni (Lamberto Bava, 1985)

Demoni sembra un telefilm degli anni 80 declinato all’horror. Lamberto è il figlio del grande Mario Bava e nella sua carriera girerà anche Fantaghirò. In ogni caso questo film è un classico di terrore e comicità involontaria, perfetto per spezzare l’atmosfera dei film un po’ troppo seri.

 

2) Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer (Giuliano Carmineo, 1972)

https://www.youtube.com/watch?v=ZYEnor68C3M

Credete che Edwige Fenech abbia girato solo le commedie con Lino Banfi? Allora guardatevi questo thriller crudo e violento, in cui la bella francese è vittima predestinata di un misterioso assassino. Meravigliosa la colonna sonora di Bruno Nicolai e il titolo, lunghissimo, nella tradizione italiana dei 70s.

 

1) Profondo Rosso (Dario Argento, 1975)

https://www.youtube.com/watch?v=vtc__KMfaJw

Last but not least, il capolavoro. Regia strepitosa, morti spietate, la colonna sonora dei Goblin, un giallo da risolvere e una Torino spettrale che fa da cornice a uno dei film horror più belli di sempre, di cui ricorre il quarantennale proprio quest’anno. Dario Argento al suo meglio.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >