TV e Cinema
di Simone Stefanini 30 Ottobre 2015

10 film horror italiani che fanno davvero paura

Dimenticate Nightmare e Venerdì 13 e passate un Halloween horror tutto Made in Italy

profondo-rosso

 

Halloween è alle porte e già ci prepariamo alle maratone horror per la notte più paurosa dell’anno. Come sempre, gettonatissimi i film americani tipo la saga di Nightmare, quella di Venerdì 13, Scream oppure i grandi classici come L’Esorcista o Psycho, mentre i più raffinati sceglieranno gli horror giapponesi tipo Ringu (The Ring) e compagnia più o meno bella.

Noi italiani però non siamo certo da meno e i nostri film dell’orrore sono apprezzati un po’ ovunque, specialmente quelli dell’epoca d’oro degli anni 70. Cosa importantissima: a riguardarli oggi, promettono urla, inquietudine e notti insonni. Così, con un’impennata di orgoglio nazionale, oggi vi proponiamo la classifica 10 film horror italiani che vi faranno passare una nottataccia per nulla tranquilla.

 

10) Reazione a catena (Mario Bava, 1971)

Il re del film horror all’italiana e una delle sue pellicole meno conosciute, ma più truculente. Spietato, cinico e splatter, Reazione a Catena mostra una serie di omicidi sempre più sanguinari e a loro modo geniali, al punto da essere stati ripresi pari pari in altri film americani. Senza Reazione a catena non ci sarebbe stato Venerdì 13, per dire. Come senza Cani Arrabbiati di Bava non ci sarebbe stato Le Iene di Tarantino. Un vero maestro.

 

9) … E tu vivrai nel terrore! L’Aldilà (Lucio Fulci, 1981)

Un altro grande che ha dedicato gran parte della sua vita agli horror. Questo film di Lucio Fulci è il secondo della Trilogia della Morte di cui fanno parte anche Paura nella città dei morti viventi e Quella villa accanto al cimitero. Una serie di horror splatter estremi di culto anche negli Stati Uniti. Questo in special modo è stato restaurato per gli SUA da Quentin Tarantino. Dello stesso regista, guardate assolutamente Non si sevizia un paperino. Altro capolavoro.

 

8) La casa dalle finestre che ridono (Pupi Avati, 1976)

Uno dei film più perversi e inquietanti di sempre porta la firma di Pupi Avati, regista poi diventato famoso per tutt’altro genere, ma che non ha mai disdegnato di mettere in scena la paura. Quadri maledetti, un pittore folle, un prete molto strano e l’oscura campagna della bassa padana. In origine avrebbe dovuto girarlo in America, ma la provincia italiana si meritava il suo horror definitivo.

 

7) Cannibal Holocaust (Ruggero Deodato, 1980)

Siete andati a vedere The Green Inferno di Eli Roth e vi ha fatto tanta paura? Bene, in confronto a Cannibal Holocaust è Cenerentola. Il mockumentary di Ruggero Deodato viene considerato il film più violento di tutti i tempi e quando uscì fece scalpore per le scene estreme. Il precursore di tutti i cannibal movie.

 

6) Suspiria (Dario Argento, 1977)

I colori di questo film. Magnifici, come la colonna sonora dei Goblin. Il film di Dario Argento più famoso nel mondo, una storia di streghe e di antichi sortilegi nel freddo della Germania. Cast eccezionale e con tutta probabilità il film del regista romano che fa più paura di tutti.

 

5) Buio Omega (Joe D’Amato, 1979)

Un film talmente splatter che quando uscì fu considerato troppo estremo e non ebbe molto successo. Recuperò in seguito diventando di culto in tutto il mondo. Un imbalsamatore, riti voodoo, una strega e un sacco di morti ammazzati. Il regista Joe D’Amato, dopo la parentesi horror è diventato un regista porno tra i più prolifici.

 

4) Blue Movie (Alberto Cavallone, 1978)

Uno dei film culto per eccellenza, scritto, diretto e montato da Alberto Cavallone. Estremo, psichedelico, parla di uno stupro e di un maniaco che conserva escrementi e liquidi organici freschi. Un trip di perversione allucinante. Cavallone è un regista unico nel suo genere e totalmente fuori di testa.

 

3) Dèmoni (Lamberto Bava, 1985)

Demoni sembra un telefilm degli anni 80 declinato all’horror. Lamberto è il figlio del grande Mario Bava e nella sua carriera girerà anche Fantaghirò. In ogni caso questo film è un classico di terrore e comicità involontaria, perfetto per spezzare l’atmosfera dei film un po’ troppo seri.

 

2) Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer (Giuliano Carmineo, 1972)

https://www.youtube.com/watch?v=ZYEnor68C3M

Credete che Edwige Fenech abbia girato solo le commedie con Lino Banfi? Allora guardatevi questo thriller crudo e violento, in cui la bella francese è vittima predestinata di un misterioso assassino. Meravigliosa la colonna sonora di Bruno Nicolai e il titolo, lunghissimo, nella tradizione italiana dei 70s.

 

1) Profondo Rosso (Dario Argento, 1975)

https://www.youtube.com/watch?v=vtc__KMfaJw

Last but not least, il capolavoro. Regia strepitosa, morti spietate, la colonna sonora dei Goblin, un giallo da risolvere e una Torino spettrale che fa da cornice a uno dei film horror più belli di sempre, di cui ricorre il quarantennale proprio quest’anno. Dario Argento al suo meglio.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >