TV e Cinema
di Marco Villa 7 Luglio 2016

I 10 personaggi più odiosi nella storia delle serie tv

Non per forza i più cattivi, ma quelli proprio insopportabili

dawson-leery

I cattivi si rispettano: possono essere tremendi sotto ogni punto di vista, ma un vero cattivo si rispetta. Funziona da sempre così, in letteratura come al cinema e ovviamente le serie tv non fanno eccezione. Quello che invece non rispetti è il personaggio insopportabile, quello che vorresti veder sparire dalla faccia della terra, al di là del ruolo e dell’importanza. Non conta che sia un protagonista assoluto o un comprimario con poco spazio: quando lo vedi, inizi a grattarti dal fastidio e a imprecare contro lo schermo. Quello che ci è accaduto sempre con questi che trovate qui sotto, semplicemente i 10 personaggi più odiosi (e da odiare) nella storia delle serie tv.

 

10. Jack Shephard (Lost)

jack-shephard-lost

Mr. Perfettino al potere. Mr. tranquilli che ci penso io, non fosse che ogni volta non ci capisce niente. Nell’eterna sfida con Sawyer esce sempre sconfitto, se non nei fatti, almeno moralmente. E non potrebbe essere altrimenti, perché è lo scontro tra la razionalità e l’istinto, tra il medico e il truffatore, tra quello che ha grandi piani e quello che vuole solo vivere alla giornata. Povero Jack, non è nemmeno tutta colpa sua, però un posto in classifica era sacrosanto

 

9. Dana Brody (Homeland)

dana-brody-homeland

Personaggio minore, quello della figlia del roscio sergente Nicholas Brody di Homeland. Qual è il suo ruolo nella serie? Annoiare lo spettatore, che è tutto preso dalle vicende dell’ex marine che forse-ha-tradito-la-sua-patria-forse-no e invece deve sorbirsi decine di minuti di crisi adolescenziali della piccola Dana, un morbo apparentemente impossibile da debellare, che acquista sempre più spazio. Memorabili, in senso negativo, quelle puntate in cui scappava in macchina con il fidanzatino tutto matto. Un odiosissimo chissenefrega.

 

8. Skyler White (Breaking Bad)

skyler-white-breaking-bad

Qui affrontiamo il primo punto complicato. Skyler White è a tutti gli effetti una vittima: la moglie del protagonista di Breaking Bad è a lungo all’oscuro dei traffici del marito, professore di chimica che si reinventa produttore di anfetamine. Soprattutto nelle ultime puntate, Skyler di fatto si ritrova un boss del narcotraffico in casa e non deve essere una cosa piacevole. Però da spettatori non possiamo fare altro che arrabbiarci con lei, con il suo continuo lamentarsi e -in fin dei conti- la sua ostinazione nel non voler essere complice di un criminale. Odiosità preterintenzionale, o colposa. In ogni caso, colpevole.

 

7. Joffrey Baratheon (Game of Thrones)

joffrey-baratheon-game-of-thrones

Scegliere i più odiati all’interno di Game of Thrones è impresa difficilissima, perché di cattivissimi ce ne sono davvero tanti. Tra tutti, Joffrey ha un posto in prima fila, perché il giovanissimo sovrano biondo è un sadico di primissima categoria, uno che sembra tenerci parecchio a finire al più presto la tessera punti delle depravazioni. Torture, uccisioni, sadismo generalizzato e soprattutto una smorfia da pazzoide senza pari. Sembrava impossibile che qualcuno potesse superarlo. E invece…

 

6. Ted Mosby (How I Met Your Mother)

ted-mosby-how-met-your-mother

L’uomo indecisione, l’ignavo per eccellenza. Fosse un nostro amico, passeremmo metà del tempo a scuoterlo a livello motivazionale e l’altra metà a scuoterlo a livello fisico. Un uomo incapace di prendere in mano la propria vita, eterno bambino anche ben oltre i 30 anni, asfissiato da un romanticismo che farebbe venire il diabete al più mieloso autore di Baci Perugina. La nostra più sincera solidarietà va ai suoi figli, che hanno dovuto ascoltare l’interminabile e dettagliatissimo resoconto di tutte le conquiste amorose del genitore. Una cosa non proprio piacevole da immaginare.

 

5. Piper Chapman (Orange Is The New Black)

Piper-Chapman-orange-is-the-new-black

Non è mai stata un mostro di simpatia, con i suoi modi da fighettina prima della classe, ma vabbé, uno ci poteva anche passare sopra. Nel corso delle puntate e delle stagioni di Orange Is The New Black, però, è diventata petulante come poche e soprattutto la meno interessante delle donne protagoniste di questa bellissima serie tv. All’inizio tutti eravamo dalla sua parte, viste le disavventure che stava passando, ma ormai non vediamo l’ora che venga rilasciata dal carcere, per non doverla più vedere sullo schermo.

 

4. Dawson Leery (Dawson’s Creek)

dawson

L’adolescente più vecchio che si sia mai visto sul pianeta Terra. A livello fisico, perché siamo ancora nel periodo in cui gli adolescenti vengono interpretati da ultratrentenni, ma soprattutto a livello caratteriale. Dawson è in fondo un 45enne annoiato dalla vita, che passa le giornate a flagellarsi la coscienza e a porsi paletti e limitazioni che esistono solo nella sua testa. Il tutto all’insegna di un solo e unico imperativo: VIETATO SCOPARE. Non che chi gli sta intorno gli sia d’aiuto eh, però Dawson è davvero su un altro pianeta.

 

3. Hannah Horvath (Girls)

hannah-horvath-girls  .

Girls è una serie bellissima e la sua creatrice Lena Dunham un genio assoluto. Ma la protagonista Hannah è una persona che prenderesti a sberle dieci minuti dopo averla conosciuta. Il narcisismo che raggiunge livelli mai sperimentati nella storia dell’umanità, la capacità di rendersi insopportabile in ogni gesto, fosse anche girare lo zucchero nel caffè. Eppure la serie è un capolavoro assoluto: e anche questa, in fondo, è una conferma della bravura di Lena Dunham.

 

2. Ramsay Bolton (Game of Thrones)

ramsay-bolton-game-of-thrones

Ed eccoci al grande torturatore, al personaggio che più di ogni altro ha alzato l’asticella della violenza in una serie già di per sé non certo innocente come Game of Thrones. Tutti gli spettatori erano convinti che Joffrey sarebbe rimasto il campione imbattuto della serie e invece è arrivato Ramsay Bolton a farsi odiare ancora di più. In questa classifica un po’ strana, Ramsay è uno di quelli da odiare per i motivi più chiari e palesi, senza grossi giri di parole: è un bastardo – in tutti i sensi e in tutti i modi. Un sadico torturatore con un sorrisino tremendo, reso alla perfezione dal bravissimo Iwan Rheon.

 

1. Meredith Grey (Grey’s Anatomy)

Meredith-Grey

Direte: può esserci qualcuno più odioso e odiabile di un essere laido e spregevole che fa sbranare persone dai propri cani? Certo, una studentessa-poi-medico che attraversa ogni fase della propria vita con il volto dell’afflizione perenne e dell’ammorbamento costante. Il guaio? La serie porta il suo nome, quindi è impossibile che sparisca, muoia o -perché no?- venga sbranata da cani. Tutte le sue scelte, amorose e non, sono segnate da turbamenti senza ritorno, che segnano il mood della serie per settimane, per poi non risolversi mai e ripresentarsi identiche a se stesse con una regolarità che impressiona per metodo e precisione. Perché i protagonisti di una serie non solo possono essere odiosi: possono essere IL MALE!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >