TV e Cinema
di Marco Villa 11 Maggio 2016

I 5 film più attesi del Festival di Cannes 2016, che parte oggi

Da Nicolas Winding Refn a Sean Penn, passando per Jim Jarmusch e il talento assoluto di Xavier Dolan

cannes-refn-neon-demon

 

Ci siamo, inizia oggi il Festival di Cannes, alla sua 69esima edizione. Un’edizione piena di nomi e titoli molto interessanti, ma con una scarsissima presenza di italiani. Abbiamo già detto che questo non è necessariamente un aspetto negativo, per il nostro cinema e anche per come verrà raccontato il festival. I giornali e i tg non si concentreranno sulle possibilità di premi o riconoscimenti per i nostri attori e registi e ci sarà finalmente spazio per i film. Ecco, i film: abbiamo spulciato la lista di quelli in concorso per capire quali sono i più attesi, quelli che vorremo vedere il giorno stesso dell’uscita in sala. La nostra selezione è larghissima, con pellicole per ogni genere e gusto.

 

1. The Neon Demon, di Nicolas Winding Refn

Il regista più importante degli ultimi dieci anni, al momento cruciale della sua carriera. Dopo la sorpresa della trilogia di Pusher, la conferma di Bronson e la consacrazione di Drive è arrivato il mezzo passo falso Solo Dio perdona. The Neon Demon, in concorso a Cannes, è l’occasione giusta per ripartire di slancio. Della trama non si sa praticamente nulla, solo che si tratta di un horror sui generis, che ha come tematica centrale la bellezza e che dovrebbe essere ambientato nel mondo della moda. Rispetto al passato, il cast non ha nomi altisonanti, ma il trailer promette benissimo.

 

2. Juste la fin du monde, di Xavier Dolan

Se Refn è il nome più atteso, poco distante si posiziona Xavier Dolan, il talento più chiaro e forte del cinema contemporaneo. 27 anni, canadese, Dolan si presenta a Cannes con il suo sesto film, che arriva due anni dopo Mommy, Premio della Giuria proprio al festival francese. La trama è di quelle drammaticissime: Juste la fin du monde racconta la storia di uno scrittore che scopre di essere in fin di vita e decide di tornare a casa dalla famiglia dopo molti anni. Il cast è di altissimo livello: oltre al protagonista Gaspard Ulliel, ci sono Marion Cotillard, Vincent Cassel e Lea Seydoux.

 

3. Paterson, di Jim Jarmusch

https://www.youtube.com/watch?v=vWHA1lcjUt4

È diventato grande con Girls, ha dovuto affrontare le prese in giro dopo aver mostrato il suo volto come Kylo Ren in Star Wars, ora è il momento di prendersi i giusti riconoscimenti: Adam Driver ha tutto per essere la new sensation del cinema mondiale e la scelta di girare un film con un regista di culto come Jim Jarmusch appare perfetta. Nel film, Driver è un autista di autobus che conduce una vita fatta di pura routine in un paesino degli Stati Uniti, dove vive con la moglie Laura (Golshifteh Farahani). Una trama che non pare spettacolare, per un film che promette di scavare nell’animo dei personaggi e degli spettatori.

 

4. The Last Face, di Sean Penn

sean_penn

Un quartetto di attori da urlo: Charlize Theron, Javier Bardem, Jean Reno e Adele Exarchopoulos, la splendida protagonista de La vita di Adele. Sono loro gli interpreti scelti da Sean Penn per il suo ritorno alla regia a quasi dieci anni da Into The Wild. The Last Face, questo il titolo del film, racconta l’amore tra la responsabile di un ente che si occupa di aiuti umanitari e un medico che si trova con lei in missione in Liberia. La trama potrebbe sembrare quella di un polpettone, ma è sicuro che il red carpet di The Last Face sarà il più attteso di tutta Cannes 2016.

 

5. The Handmaiden (Agassi), di Park Chan Wook

Ritorna il maestro sudcoreano, con un film che promette tensione e ansia, come da tradizione. The Handmaiden ha come protagonista Sookee, una ragazza che negli anni della colonizzazione giapponese della Corea del Sud viene assunta come cameriera da una ricca giapponese che vive soggiogata a uno zio. A naso, potrebbe essere nuovamente una storia di rivalsa, una di quelle che Park sa raccontare benissimo. A dieci anni dalla fine della trilogia della vendetta, le aspettative sono altissime.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >