TV e Cinema
di Eva Cabras 9 Febbraio 2015

Gli abiti più brutti nella storia del Festival di Sanremo

Il teatro Ariston degli orrori.

Il Festival è infatti da sempre un’eterna domenica, durante la quale vallette e cantanti si tirano a lucido e si accapigliano per guadagnare un posto sotto i riflettori, per comparire sulle riviste di moda o sui blog leader del fashion.

Non sono mancati momenti di puro orrore nel corso dei decenni, con look evidentemente studiati da stylist ciechi o da sadici che gioiscono nel far andare sul palco gente uscita da un mercatino dell’usato di abiti da cerimonia gipsy. Ecco una compilation con alcuni degli abiti più indecenti visti al Festival di Sanremo, incompleta ma comunque suggestiva.

 

Al Bano e Romina, 1984: Manteniamo l’ordine cronologico e partiamo dall’anno in cui la coppia riluceva nel suo più alto picco di popolarità. Bravi ma certamente non belli, quanto meno col senno di poi. Al Bano pare aver appena lasciato il matrimonio della figlia di Don Corleone, mentre Romina sfoggia con grazia spalline a sbuffo e tre metri di stoffa buttati lì a caso e rifiniti con un nodo. Le scarpe dorate danno quel qualcosa in più.

1984-albano-e-romina-power

 

 

Anna Oxa, 1985: Un tripudio di rosso, tuta rossa con scarpe rosse e giacca rossa, alla faccia di Valentino. Il fisico ce l’aveva, ci mancherebbe, ma il look era più adatto a una lezione di aerobica con Jane Fonda. Ci avesse messo gli scaldamuscoli e la fascia di spugna avrebbe fatto furore.

Annaoxa85

 

 

Jo Squillo e Sabrina Salerno, 1991: Forse la cosa più grunge che abbiamo avuto nella televisione italiana e per grunge intendo la traduzione letterale, ovvero sudiciume. Passi Jo Squillo che personalmente adoro e che almeno ci prova a differenziarsi dalla massa, ma la Salerno non si può proprio guardare. Fa tanto la donna emancipata e libera dalle catene oppressive della morale patriarcale e poi si presenta conciata come le ballerine del Bagaglino. Pollice verso.

sanremo-1991-jo-squillo-e-sabrina-salerno-254170

 

 

Brigitte Nielsen, Alba Parietti e Milly Carlucci, 1992: Un trittico di assoluto disgusto. Da sinistra verso destra: Parietti con tulle asimmetrico, crespo e inutile almeno quanto i capelli; Nielsen che rielabora il concetto delle spalline anni ’80 sostituendole con vere spalle da culturista, il bianco e lunghezza non le vengono in soccorso; Carlucci intrappolata nell’ennesimo tulle e il centrino della nonna.

alba-parietti-brigitte-nielsen-e-milly-carlucci

 

 

Anna Oxa, 1994: Un decennio veramente gustoso quello degli anni ’90, con sperimentazioni di ardita complessità sartoriale. I pantaloni che le perline e il delicatissimo perizoma a vista ne incarnano a pieno il bouquet di ispirazioni.

Annaoxa94

 

 

Simona Ventura e Paola Cortellesi, 2004: State già rimpiangendo Jo Squillo, dite la verità. Capisco che vestire la Ventura sia un incubo data la finezza da portuale che la contraddistingue, ma c’era davvero bisogno di ricoprirla di lustrini e allacciarla come un culatello durante la stagionatura? La Cortellesi non si prende neanche in considerazione, era appena rientrata dalla spiaggia e non aveva avuto il tempo di togliere il costume, porella.

CortellesiVentura2004

 

 

Claudia Gerini, 2005. Lasciamo per un attimo da parte l’acconciatura con le mèches rosse, ma quella è una camicia da notte. Sfiziosa ma sempre una camicia da notte e la cintura sopra non la rende un vestito, neanche se ci aggiungi la collana in fondi di bottiglia.

Gerini2005

 

 

Federica Felini, 2005. Senza dubbio uno degli outfit più brutti e irritanti che abbia mai visto. Ogni singolo capo fa venir voglia di urlare e prendere a pugni le porte, mettendo in campo il peggior turpiloquio immaginabile contro il pezzente che ha osato disegnare quell’oscenità di pantaloncino. Chiunque abbia il coraggio di dire che è bello avrà una perizia psichiatrica gratis, pago io.

federica felini sanremo 2005

 

 

Bianca Guaccero, 2008: Il sogno di ogni fanciulla, peccato che il look sia copiato pari pari dalla Bella e la Bestia. Dejà vu.

guaccero_getty_2008

 

 

Arisa, 2009: Che tenera la ragazza goffa, con gli occhialoni e il naso bitorzoluto, peccato che l’abbiano messa a servire lo spumante agli ospiti, una canzone gliela potevano far cantare. Vuoi vedere che succede come nelle commedie romantiche? Togli gli occhiali, sistemi trucco e capelli e diventa una strafiga! Ehm, vabbè dai…

Arisa2009

 

 

Antonella Clerici, 2010: Sicuramente quella che c’ha provato di più nel corso della medesima edizione e che ha più clamorosamente fallito. Balze, ruches, pieghe, merletti, un accumulo totalmente insensato di elementi pacchiani ed eccessivi. Magari era convinta di puntare sull’originalità, ma non è riuscita a salvarsi neanche mostrando le cosciotte a mezzo paese.

Clerici2010

 

 

Antonella Clerici, 2010 bis: Sempre per il discorso sobrietà si presenta con la medesima accozzaglia di volumi e tinte improbabili, tutto frisé, compresi i capelli. Praticamente la mamma megalomane della sposa.

San Remo Festival - Day One

 

 

Loredana Bertè e Ivana Spagna, 2012. Forse mi sono sbagliata e ho ripescato una foto di vip alla canna del gas che si travestono a Tale e Quale. In caso contrario non posso proprio aggiungere altro.

Bertèspagna2012

 

 

Nina Zilli, 2012. Mi piange il cuore a inserire questo outfit nella lista delle sciagure del Festival, perché il vestito è stupendo, nella forma e nel colore, firmato dall’adorabile Vivienne Westwood ma addosso alla Zilli non mi convince affatto. Innanzitutto la cofana di capelli, che con un vestito del genere fa subito contadina rivestita e secondariamente il tessuto, ovvero un leggerissimo satin che notoriamente è difficilissimo da indossare. Nina peserà 40 chili con le scarpe, eppure in questo caso si notano l’attaccatura delle cosce e la pancia iper fasciata. Caduta di stile imperdonabile.

nina-zilli2012

 

 

Giusi Ferreri, 2014, ovvero la vetta dell’orrore. Una specie di tuta ricamata con un ammasso di accartocciamenti sui fianchi che ricorda un disastro ferroviario. Lo spacco poteva anche starci, pur non essendo una fan dell’ombelico in mostra, ma la Ferreri qui sembra alta un metro e 10 e per un avanzo di magazzino del genere non ne vale assolutamente la pena.

giusy ferreri sanremo¢

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >