Addio Daria Nicolodi, musa di Dario Argento: cinque curiosità più una su Profondo Rosso

La pellicola ha segnato il sodalizio professionale e sentimentale tra i due. Ma cosa c’è dietro?

Ieri il mondo del cinema ha salutato Daria Nicolodi, icona del genere horror e thriller. Ex moglie e musa di Dario Argento, durante gli anni del loro matrimonio, girarono diversi film insieme. Figlia d’arte, da sempre ha cercato la bellezza nel suo lavoro. Diceva che la sua vita era lo spettacolo anche se, ad un certo punto, bisogna scendere dal palcoscenico e applaudire a qualcun altro. Tra le sue molteplici interpretazioni, quella che maggiormente ricordiamo è Gianna Brezzi in Profondo Rosso (1975). Il film è di fondamentale importanza sia per la Nicolodi che per Dario Argento. Oltre all’inizio del sodalizio sentimentale tra i due, Profondo Rosso segna il passaggio tra la fase thriller e horror del regista.

Sappiamo che il film ha riscosso un notevole successo, ma cosa c’è dietro la pellicola?

Un provino con poche speranze

Inizialmente il provino della Nicolodi non ebbe un gran successo. Il rapporto tra i due non fu dei migliori e l’attrice, per conquistare il regista, si presentò alle audizioni con le treccine cosparse di zucchero. Il regista non apprezzò il gesto della donna e disse: “Lavati la testa e ne riparliamo”.

La colonna sonora

La colonna sonora di Profondo Rosso è riconoscibilissima dalle prime note. Enigmatica e inquietante, ogni volta che la si sente è come se ci fosse qualcuno dietro che ti stia rincorrendo. Poche persone sanno che in realtà Dario Argento aveva pensato di farla scrivere ai Pink Floyd, ma non accettarono poiché erano impegnati nella scrittura di Wish You Were Here.

Il titolo

Inizialmente era previsto un titolo completamente diverso. L’idea iniziale di Argento era quella di intitolare la pellicola La tigre con i denti a sciabola, per restare fedele ai titoli precedenti, ma durante un viaggio in macchina decise di intitolarlo Profondo Rosso. L’idea inizialmente non piacque ai produttori, ma Argento si oppose e alla fine scelsero il titolo che conosciamo tutti.

L’ex

Nella scena in cui Gianna, Daria Nicolodi, entra in casa di Marcus, la donna si accorge di una foto di una donna sul mobile. Quando capisce che la foto è di un’ex, la donna la butta nel cestino. La foto, in realtà, era di Marilù Tolo, ex compagna di Dario Argento.

Un personaggio mascolino

Il personaggio interpretato dalla Nicolodi è ispirato al regista stesso. Il cineasta cercava in tutti i modi di rendere più mascolina l’attrice.

La scena dello specchio (spoiler)

Argento ha sempre ingannato lo spettatore. Sin dalle prime scene il regista rivela l’assassino. Il protagonista, Marcus, attraversa un corridoio pieno di dipinti e intravede nello specchio il volto del killer scambiandolo per un quadro.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >