Alta infedeltà: quando un programma tv diventa il teatro dell’assurdo

Tre attori interpretano lui, lei e l’amante mentre altri tre attori ricostruiscono le scene del tradimento

akjhfgKHG carotelevip.net

Intanto un chiarimento per il titolo: in questa sede non approfondiremo il deliberato abbandono della struttura drammaturgica razionale né il rifiuto del linguaggio logico-consequenziale di artisti come Alfred Jarry o Samuel Beckett (esponenti, quelli sì, del vero Teatro dell’Assurdo).

Nel programma Alta Infedeltà, in onda su Real Time da 3 stagioni e composto in toto da 120 puntate di 23 minuti cadauna, tutto va come deve andare, soprattutto a livello drammaturgico. Perché di drammaturgia si deve parlare di fronte a così tante storie che adattano veri tradimenti, in quello che dovrebbe essere il primo scripted reality italiano.

 

 

Ma che vuol dire scripted reality? Semplice: storie vere pettinate e rese trasmissibili in tv, reinterpretate da attori professionisti. 6 a puntata: 3 che interpretano traditore, tradito e amante che parlano a turno della loro storia e altri 3 che, muti ma di solito più gradevoli d’aspetto, ricostruiscono il tutto tramite l’utilizzo del corpo, e lì, sovente, si sfocia nel soft erotismo.

 

014-alta-infedelta-primapuntata tvblog.it

 

Facciamo un rapido calcolo: 3 stagioni, 40 puntate a stagione per sei attori a puntata uguale 7920 attori impiegati. A occhio ce n’erano meno nella battaglia finale del Signore degli Anelli. Ma passiamo alle storie, Simona Ercolani, patron di Stand By Me (la società che produce la trasmissione), dichiara che sono tutte vere: aggiungiamo che sono tutte anche molto simili e potrebbero riassumersi così:

 

-649068 dagospia.com

 

Elisabella e Adamello si incontrano in una maglieria, lei è la titolare e lui adora il suono della lana tra le sue mani. I due si sposano dopo 2 mesi e vanno a vivere insieme in casa di lui, che lavora presso se stesso in qualità di freelance. Passati tre anni di follie, Elisabella è infelice perché Adamello non è mai in casa, nonostante su Facebook abbia scritto lavoro presso me stesso. Egli infatti esce spesso per frequentare i peggiori bar della zona in qualità di nullafacente coi soldi di famiglia.
Nel negozio di Elisabella un giorno entra Gianfausto, un bellimbusto con la passione per l’uncinetto. I due si guardano e subito si prendono sul bancone, in orario d’apertura, mentre nessuno li nota.
Da quel giorno, Elisabella e Gianfausto giaceranno ogni mattina a livello sessuale, corrompendo tutti i filati della bottega con la loro ardente e peccaminosa passione. Adamello una sera decide di non andare a finirsi di grappa al bar e si reca a prendere la moglie a lavoro, ma si accorge che la lana merino sfoggia impronte di sedere umano maschile. PUBBLICITÀ.

 

Real_TIme_Alta_Infedelta mondodonne.com

 

Il giorno dopo, Adamello segue la moglie e la vede coi suoi occhi mentre viene selvaggiamente posseduta dal fusto Gianfausto, il quale invece ha il vizio di montare donne altrui perché da piccolo balbettava. Adamello impazzisce e giura vendetta.
La sera stessa, quando Ely torna a casa, lui è già uscito ed è andato di nascosto a cambiare tutte le etichette ai filati del negozio. Ely ha un brutto presentimento e chiama Gianfy. Si recano insieme al negozio dove è chiaro che sia entrato un teppista. Impauriti, i due si ingroppano, quando dal cesto dei gomitoli di misto cotone esce Adamello. Gianfy se la dà a gambe mentre Ely rimane impietrita. Adamello la costringe a dar fuoco al negozio e la butta fuori di casa.
Scioglimento: sono passati tre anni, i due sono divorziati.

Elisabella, ripudiata dal marito, dall’amante e dal paese, che è piccolo e la gente mormora, oggi vive in un convento di suore coi baffi e prega col rosario elettronico. Non ha più rivisto Gianfy.
Gianfausto ha smesso di possedere in modo selvaggio le mogli altrui e, per quella fastidiosa balbuzie, è andato da un logopedista.
Adamello non beve più come Gianluca Grignani, ma ha messo a frutto il passato da alcolista e i soldi di famiglia per aprire un bar. Convive con Erminia, una sua dipendente e crede ancora nel matrimonio, ma solo con la persona giusta.
SIGLA.

 

001-alta-infedelta-primapuntata tvblog.it

 

Se pensate che qui sopra abbiamo esagerato, non è esattamente così. È un’iperbole, ma le storie, pressappoco, sono quelle. I tre attori che interpretano i “veri” Adamello, Elisabella e Gianfausto narrano a turno la storia dal loro punto di vista, mentre i 3 stunt-man che interpretano la ricostruzione litigano, si baciano e si montano come se il domani non arrivasse mai. Non ci credete? Prendetevi 20 minuti per guardare una puntata a caso e poi ne riparliamo.

 

https://youtu.be/lP3r21beBm8

 

Alla fine, restiamo con quell’amaro in bocca tipico della lezione di catechismo: cosa ci avete voluto insegnare? Che il tradimento è brutto? Che se ti sgamano ti corcano? Che come nei migliori film americani, se hai tradito poi la tua vita poi farà schifo e invece il povero cornuto, per un ritorno potentissimo di karma, avrà tutta la fortuna del mondo? Che se sei un amante, non potrai mai avere una famiglia? Welcome to 2016, Vaticano edition. Ah quanto ci piace giudicare, signora mia.

 

11081044_814265478611442_4744922662593894495_n lineadiretta24.it

 

Dal momento che il format è italiano, non copiato e che viene sbandierato il fatto che si parli di vere corna vissute (che era anche il titolo di un fumetto porno degli anni ’80, ma qui siamo off topic) a quel punto perché gli stessi attori che parlano non fanno anche le scene di ricostruzione sul set? Probabilmente per far cadere gli spettatori più ingenui nel tranello che i tre che parlano siano i reali protagonisti della vicenda, riportati dagli avvocati in studio per dire a tutta Italia di quanto fosse sbagliata la propria condotta.

 

CORNAVISSUTE168 fumetto-online.it

 

Ma al netto di tutto questo, perché migliaia di italiani, compreso il sottoscritto, non se ne perdono una puntata? Forse per la sicurezza che alla fine, allo sfigato andrà meglio così e che i furbetti saranno scoperti e puniti dal destino. C’è grossa crisi e tanto bisogno d’essere rassicurati, anche per finta.

 

maxresdefault-9 youtube.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >