36 anni fa moriva Alfred Hitchcock, questi sono i suoi 10 migliori film

Non è facile fare una lista dei suoi migliori film, perché ha diretto solo capolavori. Ci abbiamo provato lo stesso

alfreddd supersagacinema.it

Alfred Hitchcock amava la suspense. Come ha spiegato al suo collega e fan François Truffaut nella celebre intervista divenuta quest’anno un film documentario, la sorpresa dura solo il momento del grido e poco più, mentre la suspense si insinua nello spettatore e non lo lascia più.

 

Hitchcock è morto a Los Angeles il 29 aprile del 1980 e noi vogliamo rendergli tributo ricordando i suoi 10 capolavori più belli, scelti tra i suoi oltre 50 film.

 

10) La congiura degli innocenti (1955)

tumblr_nxj13bpA2c1qcoaf4o1_500

Film grottesco a tratti comico, con uno humour nero e pungente. Chi è Harry Worp? Perché tutti potrebbero averlo ucciso? Chi si occupa del corpo? Tra gli attori spicca una giovane Shirley MacLaine adorabile.

 

9) Nodo alla gola (1948)

tumblr_m5a45lscko1qhoafqo1_r4_500

Un omicidio, il cadavere chiuso in un baule sul quale viene imbandita la tavola per un party. Un film girato dentro una casa in un solo piano sequenza. Meraviglioso.

 

8) Marnie (1964)

tumblr_meqeik85Ik1qzi80do1_r2_500

Un thriller psicologico, gelido e traumatico che ha per protagonista una ladra frigida e disturbata. Alcune scene fanno ancora venire i brividi. Bravissima Tippi Hedren, della quale si dice Hitchcock fosse innamorato non corrisposto.

 

7) Il delitto perfetto (1954)

tumblr_lg4o0gZEVJ1qdx4k4o1_500

Il delitto perfetto non esiste e questo film bellissimo ce lo dimostra ampiamente. Ogni parola in più potrebbe essere uno spoiler. Un nome su tutti: Grace Kelly.

 

6) Intrigo internazionale (1959)

tumblr_n2repeLquB1s0lxi0o1_500

Cary Grant interpreta questo classico di spionaggio e avventura con un tocco di thriller, con scene d’inseguimento e fughe rocambolesche e spettacolari. Film politico con i momenti tipici della commedia, nonostante tutto.

 

5) Uccelli (1963)

giphy-100

Vero e proprio horror di quelli che non si dimenticano. Gli uccelli, simbolo di gentilezza e libertà, diventano veri e propri assassini che assalgono i cittadini di Bodega Bay. Dopo averlo visto, molti spettatori sono diventati ornitofobici.

 

4) La finestra sul cortile (1954)

tumblr_mkyjygWt4c1ry6iu9o1_500

La bellezza di Grace Kelly in questo film non è comparabile. Lei e James Stewart formano una coppia cinematografica perfetta, mentre tentano di risalire all’assassino dell’omicidio visto attraverso la finestra.

 

3) Notorious (1946)

tumblr_nj4p8jQmuJ1qazanuo1_500

Spionaggio, processo, prigione e politica in questo thriller magnificamente interpretato da Cary Grant e Ingrid Bergman. È entrato nella lista sia dei thriller che dei film sentimentali più belli di tutti i tempi.

 

2) Psycho (1960)

psycho-gif

Anthony Perkins è Norman Bates, un ragazzo schivo che gestisce un motel e che, apparentemente, ha un bel po’ di problemi con la madre. Il resto, probabilmente, lo sapete già. Agghiacciante, ancora oggi.

 

1) La donna che visse due volte (1958)

tumblr_mhp8gf1EG01qcga5ro1_500

Non adatto a chi soffre di vertigini. È uno dei più bei film di tutti i tempi, James Stewart e Kim Novak sono perfetti, nel raccontare questa storia misteriosa di una donna che cade nel vuoto e che poi torna in vita sotto mentite spoglie. Da vedere e rivedere.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >