Eccessiva e tamarra, American Gods è la serie tv dark d’autore che ci fa impazzire

Sangue e sesso, splatter e visioni, la trasposizione del romanzo di Neil Gaiman ha un sacco di effetti speciali eppure mantiene la componente d’autore

Neil Gaiman è uno di quegli autori che ammettono poche sfumature: o li ami e ne collezioni ogni cosa, o ci provi e lasci perdere. American Gods è uno dei suoi romanzi più epici, pur partendo da un presupposto vecchio come il mondo: gli dei che scendono dal loro piedistallo e si stabiliscono sulla Terra come uomini (quasi) normali.

Quando è uscita fuori la news che ne avrebbero fatto una serie tv, l’eccitazione e la paura si sono date più volte il cambio nella classifica dei sentimenti, perché di certo non è un libro facile da trasferire sullo schermo, in cui si intersecano trame e sotto-trame, un sacco di culture diverse, dalla celtica all’egizia e mille suggestioni emotive, che passano dalla commedia all’horror senza soluzione di continuità.

Dopo le prime due puntate di American Gods di Bryan Fuller e Michael Green per Starz/Amazon Video, devo dire che la cifra stilistica con cui è stato affrontato l’enorme lavoro è pressoché perfetta: gli autori hanno calcato la mano sull’estremizzazione di ogni dettaglio preso in considerazione, aggiungendo più commedia, più atrocità, più erotismo, una fotografia lucida e contrastata, da godere in alta definizione e un sacco di computer grafica.

 

Ian McShane è Mr. Wednesday  Ian McShane è Mr. Wednesday

 

Ne viene fuori una tamarrata d’autore che facilita il compito al pubblico televisivo di decifrare la storia, molto intricata nel libro, rendendo subito iconici i suoi personaggi principali, quasi caricaturali, come se fossero dei fumetti.

Abbiamo il tonico e incazzato Ricky Whittle che interpreta il protagonista Shadow Moon, un uomo che esce dal carcere dopo aver subito un lutto e si ritrova in un mondo in cui tutto può accadere, una volta preso a lavorare per Mr. Wednesday, interpretato dal grande Ian McShane, il capo dei vecchi dei. Tra gli incontri appena fatti dal povero Shadow, quello con il Leprecauno aggressivo Pablo Schreiber, con Gillian Anderson nei panni di Media, il volto pubblico dei nuovi dei, con Czernoborg, il dio macellaio del buio interporetato al solito magistralmente da Peter Stormare e con Bruce Langley che interpreta il dio della tecnologia, nemico assoluto dei vecchi dei che vuole riprogrammare la realtà.

 

Peter Stormare è Czernobog  Peter Stormare è Czernobog

 

A margine o come prologo, Anansi, il dio imbroglione africano col volto di Orlando Jones e Bilquis, la dea dell’amore interpretata da Yetide Badaki, che nelle sue orge cannibalizza i suoi (e le sue) amanti ingoiandoli con la vagina. Già, accade di tutto nelle prime due puntate e stare a parlare di trama sarebbe riduttivo, semplicemente vanno viste.

Cosa aspettarsi? Una grande dose di peni e vagine in bella vista, tanto per iniziare, quindi se siete sensibili all’argomento, statene alla larga. Splatter, sangue come se piovesse, quindi vedasi sopra. Bravi attori che interpretano personaggi talmente caratterizzati che li ami o li odi istantaneamente, dopo la prima battuta. Effetti computerizzati tamarri come non ci aspettavamo, ma che alla fine ci stanno, in una veste grafica molto connotata come questa. Visioni, sogni a occhi aperti, assurdità senza capo né coda che saranno tutte propedeutiche allo svolgimento della storia, state sicuri.

 

Yetide Badaki è Bliquis  Yetide Badaki è Bliquis

 

La serie tv di American Gods è un X Men come non potremmo mai aspettarci dalla Marvel o da Netflix, politicamente molto scorretta e vietata ai minori. È lo scontro pop tra il vecchio e il nuovo, più che tra il bene e il male, ed è una battaglia interna che viviamo quotidianamente, quando parliamo male di Facebook su Facebook, o quando siamo troppo attaccati alla nostra cultura per capirne un’altra, giusto per fare due esempi banali.

Gli X Men stavolta sono dei che non se la passano troppo bene e il protagonista è un uomo che ha già avuto dalla vita una dose di merda talmente gigante da abbattere il più grosso dei tori. Eppure è lì, a combattere per non sa neanche lui cosa. Lo scopriremo presto, nel frattempo siamo in fibrillazione per vedere cosa succederà nel prossimo episodio. La vedete su Prime Video di Amazon, basta avere un account Prime.

 

Ricky Whittle è Shadow Moon  Ricky Whittle è Shadow Moon

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >