TV e Cinema
di Mattia Nesto 3 Dicembre 2018

Baby di Netflix funziona anche fuori Roma Nord

La serie scritta dal collettivo under 30 Grams, al netto di errori e ingenuità, è molto interessante. E sorprendentemente sociologica

È davvero molto facile fermarsi alla prima impressione che ci coglie, forte e prepotente come il vento freddo che ci sbatte in faccia tutte le mattine, quando vediamo l’inizio di Baby, la nuova serie tutta italiana di Netflix ideata dai Grams, un collettivo di autrici e autori under 30.

Questa prima impressione, lo ripetiamo, potentissima, è quella di un racconto che, facendo il “verso” (più o meno filtrato dalle canzoni de I Cani, non tanto “I pariolini di diciott’anni” quanto da “Baby Soldato”) a Elite, si esaurisce in una sequenza ininterrotta di luoghi comuni sulle ragazze e sui ragazzi dei Parioli: ricchi, belli, stronzi, perduti e senza arte né parte. Ma questo è solo la superficie di una serie che, specie dalla terza puntata in poi, esplode in un crescendo che va nel profondo non tanto della società di Roma Nord, quanto della società intera. E sì parla un linguaggio contemporaneo nel modo più classico possibile.

Chiaramente non è semplice fare questo esercizio di astrazione dato che, quasi in ogni dove, la serie ci ricorda dove siamo e che tipo di ambiente venga raccontato: ovvero il demi-monde dell’alta borghesia romana, quella che abita ai Parioli, in ville o attici immensi, tra servitù in livrea, macchinette al posto dei motorini e un senso di superiorità globale, confermato dalla frequentazione delle più esclusive tra le scuole private della Capitale (quelle in cui si va in divisa, per capirsi). Eppure questi figlie e figli di papà, nella narrazione dei Grams si dimostrano per quello che sono, cioè ragazze e ragazzi contemporanei, con gli stessi problemi, sbatti e errori dei loro coetanei delle altre zone di Roma, dell’Italia e del mondo, con quel misto di senso di inadeguatezza perenne e di possente spirito di onnipotenza che solo a vent’anni si ha.

 

Questa normalità delle loro emozioni, che spesso tracima (nelle parti peggiori) nei più triti luoghi comuni del “teen-drama” – dal bullo di periferia interpretato dal Viktor Crum capitolino Damiano, interpretato da Riccardo Mandolini che viene redento dall’amore di una ragazza “fintamente bene”, Benedetta Porcaroli, passando per i genitori eterni traditori che però vogliono salvare le apparenze, sino alla femme fatale in realtà ragazza fragile e piena di problemi Ludovica, interpretata da Alice Pagani che i più attenti di noi si ricordano, molto bene, in Loro di Paolo Sorrentino –  si sposa tuttavia con eleganza con l’apparente grande tema della serie: i fatti di cronaca legati alle cosiddette baby squillo dei Parioli”. In realtà, così come la localizzazione geografica nel prosieguo degli episodi ha sempre minore peso, così anche il fatto di cronaca non è così centrale come la stampa e i primi media che se ne occupati hanno fatto credere.

Baby non è solo la storia romanzata delle baby squillo, anzi è anche e soprattutto un racconto, con qualche buon spunto e qualche sfondone francamente incomprensibile (la mamma di Ludovica, interpretata da Isabella Ferrari, concorrere alla vittoria del personaggio più stereotipato dell’anno) dei ventenni al giorno d’oggi, che forse non potranno permettersi i lussi e gli agi della dorata gioventù romana, ma che hanno i medesimi sentimenti che si agitano nello stomaco.

Delusione, rabbia, senso di appartenenza, amicizia e difficoltà a comunicare in famiglia: tutto ciò non è appannaggio solo dei Parioli.  Ecco quindi che Baby, corredato da una colonna sonora un po’ didascalica ma fedele agli ascolti in heavy rotation sugli account Spotify dei millennials, si lascia guardare e lascia un giudizio nel complesso molto positivo, con trovate anche molto interessanti, come il tentativo, ad esempio, di raccontare la vita sui social dei ragazzi (specie su Instagram).

 

Ultima ma non ultima cosa, merito dei registi Anna Negri e Andrea De Sica, è l’assoluta perizia e grazia nel raccontare i corpi di questi adolescenti che non sono mai, passateci il termine, carne da macello o pretesto per questa o quella inquadratura (nonostante tutti siano veramente fighi) ma sono sempre narrati con il giusto tocco. Se oltre a Baby avessero pensato di mettere come sottotitolo, giusto per sedare i vecchi parrucconi, “Un’educazione sentimentale” sarebbe stato tutto molto diverso. Ma in fondo non siamo a Parigi ma a Roma Nord no?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >