TV e Cinema
di Mattia Nesto 3 Dicembre 2018

Baby di Netflix funziona anche fuori Roma Nord

La serie scritta dal collettivo under 30 Grams, al netto di errori e ingenuità, è molto interessante. E sorprendentemente sociologica

È davvero molto facile fermarsi alla prima impressione che ci coglie, forte e prepotente come il vento freddo che ci sbatte in faccia tutte le mattine, quando vediamo l’inizio di Baby, la nuova serie tutta italiana di Netflix ideata dai Grams, un collettivo di autrici e autori under 30.

Questa prima impressione, lo ripetiamo, potentissima, è quella di un racconto che, facendo il “verso” (più o meno filtrato dalle canzoni de I Cani, non tanto “I pariolini di diciott’anni” quanto da “Baby Soldato”) a Elite, si esaurisce in una sequenza ininterrotta di luoghi comuni sulle ragazze e sui ragazzi dei Parioli: ricchi, belli, stronzi, perduti e senza arte né parte. Ma questo è solo la superficie di una serie che, specie dalla terza puntata in poi, esplode in un crescendo che va nel profondo non tanto della società di Roma Nord, quanto della società intera. E sì parla un linguaggio contemporaneo nel modo più classico possibile.

Chiaramente non è semplice fare questo esercizio di astrazione dato che, quasi in ogni dove, la serie ci ricorda dove siamo e che tipo di ambiente venga raccontato: ovvero il demi-monde dell’alta borghesia romana, quella che abita ai Parioli, in ville o attici immensi, tra servitù in livrea, macchinette al posto dei motorini e un senso di superiorità globale, confermato dalla frequentazione delle più esclusive tra le scuole private della Capitale (quelle in cui si va in divisa, per capirsi). Eppure questi figlie e figli di papà, nella narrazione dei Grams si dimostrano per quello che sono, cioè ragazze e ragazzi contemporanei, con gli stessi problemi, sbatti e errori dei loro coetanei delle altre zone di Roma, dell’Italia e del mondo, con quel misto di senso di inadeguatezza perenne e di possente spirito di onnipotenza che solo a vent’anni si ha.

 

Questa normalità delle loro emozioni, che spesso tracima (nelle parti peggiori) nei più triti luoghi comuni del “teen-drama” – dal bullo di periferia interpretato dal Viktor Crum capitolino Damiano, interpretato da Riccardo Mandolini che viene redento dall’amore di una ragazza “fintamente bene”, Benedetta Porcaroli, passando per i genitori eterni traditori che però vogliono salvare le apparenze, sino alla femme fatale in realtà ragazza fragile e piena di problemi Ludovica, interpretata da Alice Pagani che i più attenti di noi si ricordano, molto bene, in Loro di Paolo Sorrentino –  si sposa tuttavia con eleganza con l’apparente grande tema della serie: i fatti di cronaca legati alle cosiddette baby squillo dei Parioli”. In realtà, così come la localizzazione geografica nel prosieguo degli episodi ha sempre minore peso, così anche il fatto di cronaca non è così centrale come la stampa e i primi media che se ne occupati hanno fatto credere.

Baby non è solo la storia romanzata delle baby squillo, anzi è anche e soprattutto un racconto, con qualche buon spunto e qualche sfondone francamente incomprensibile (la mamma di Ludovica, interpretata da Isabella Ferrari, concorrere alla vittoria del personaggio più stereotipato dell’anno) dei ventenni al giorno d’oggi, che forse non potranno permettersi i lussi e gli agi della dorata gioventù romana, ma che hanno i medesimi sentimenti che si agitano nello stomaco.

Delusione, rabbia, senso di appartenenza, amicizia e difficoltà a comunicare in famiglia: tutto ciò non è appannaggio solo dei Parioli.  Ecco quindi che Baby, corredato da una colonna sonora un po’ didascalica ma fedele agli ascolti in heavy rotation sugli account Spotify dei millennials, si lascia guardare e lascia un giudizio nel complesso molto positivo, con trovate anche molto interessanti, come il tentativo, ad esempio, di raccontare la vita sui social dei ragazzi (specie su Instagram).

 

Ultima ma non ultima cosa, merito dei registi Anna Negri e Andrea De Sica, è l’assoluta perizia e grazia nel raccontare i corpi di questi adolescenti che non sono mai, passateci il termine, carne da macello o pretesto per questa o quella inquadratura (nonostante tutti siano veramente fighi) ma sono sempre narrati con il giusto tocco. Se oltre a Baby avessero pensato di mettere come sottotitolo, giusto per sedare i vecchi parrucconi, “Un’educazione sentimentale” sarebbe stato tutto molto diverso. Ma in fondo non siamo a Parigi ma a Roma Nord no?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >