TV e Cinema
di Simone Stefanini 22 Settembre 2015

Non solo PigGate. Tutte le volte che Black Mirror ha anticipato la realtà

La notizia del rapporto sessuale tra il premier inglese e un maiale non è la prima analogia tra serie inglese e la cronaca. Ecco tutte le altre.

Black_mir

Black Mirror è stato un vero e proprio pugno nello stomaco. La serie tv inglese ideata da Charlie Brooker ci ha portato in un luogo e in un tempo in cui la distopia e la fantascienza si fanno reali, facendoci pensare ogni volta: “Potrebbe succedere davvero.”

I 7 episodi di Black Mirror (due stagioni da tre episodi cadauna più uno special natalizio, tutto tra  il  2011 e il 2014) toccano gli argomenti più attuali: la politica, i reality, i social e l’avanzamento tecnologico, estremizzandone le conseguenze e spingendoli al limite, fino a farli risultare inquietanti parabole sui pericoli che corriamo nella società contemporanea.

Niente però poteva far presagire che il primo episodio di Black Mirror, “Messaggio al Primo Ministro” (ottobre 2012), uno dei più iconici e inquietanti, potesse avere una così diretta attinenza con la realtà. Il motivo ve lo spieghiamo tra poco, prima i fatti. I titoli dei quotidiani inglesi infatti stanno strillando una roba davvero incredibile: il Primo Ministro David Cameron avrebbe infilato le sue parti intime nella bocca di un maiale morto.

 

black mirror The Guardian - David Cameron e un suino

 

Così è scritto nella biografia non autorizzata del Premier inglese, firmata da Lord Ashcroft, un tempo amico e alleato del premier e adesso suo strenuo oppositore. Oltre ai festini a base di cannabis quando entrambi frequentavano l’Università di Oxford, viene fuori che Cameron, per entrare nella società segreta Pier Galveston Society, ha partecipato al rito d’iniziazione bizzarro e sicuramente eccessivo che abbiamo descritto prima.

 

 

Il parallelismo con Black Mirror è più che evidente. In quell’episodio il premier inglese deve affrontare il sequestro di Susannah, la principessa amatissima del Regno Unito. I rapitori la rilasceranno solo se il Primo Ministro avrà un rapporto sessuale con un maiale in diretta nazionale e lui alla fine sarà costretto dall’opinione pubblica a farlo. Alla luce della notizia anche Brooker, creatore della serie tv, ha twittato: “Merda, ho scoperto che Black Mirror è un documentario.”

 

black mirror @charltonbrooker - Merda.

 

La notizia è più inquietante dell’episodio stesso, ma non è l’unica volta in cui la serie di Channel 4 anticipa la realtà. Ricordate l’episodio 6, “Vota Waldo!”, in cui un comico fallito diventa la voce e l’anima di un orsetto blu di nome Waldo? Il pupazzo ha talmente tanto successo che viene candidato alle elezioni in mezzo ai veri politici, sparandole grosse e facendo incetta di voti. Quando uscì in Italia nel marzo del 2013, in molti videro in quell’episodio un’allegoria della storia politica del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo che alle elezioni politiche del febbraio 2013 prese la bellezza di 8,7 milioni di voti e diventò il primo partito italiano.

 

black mirror Outerplaces - Vota Waldo

 

In “Torna da me”, primo episodio della seconda stagione andato in onda il 19 marzo 2013 si parla di Martha ed Ash, una coppia innamoratissima e di come lei non si rassegni alla morte di lui. Tramite i profili social di Ash e i suoi messaggi, una ditta riuscirà a creare un compagno virtuale con cui Martha potrà parlare post-mortem. Arriverà a comprare un corpo artificiale, creando di fatto un clone del povero ragazzo. Ecco, oggi è possibile ricevere un messaggio dall’oltretomba con il social LivesOn,  che prende atto della vostra routine su Twitter: i followers, i tipi di tweet, la frequenza dei cinguettii, i retweet e quant’altro. Nel momento in cui si passa a miglior vita (dopo che il decesso è stato segnalato da una persona incaricata) il proprio account continua la sua esistenza come se noi fossimo ancora tra i vivi. [fonte] Un filino inquietante, non trovate?

 

Black Mirror Lives On - Per twittare dopo la morte

 

Vi ricordate dei due elicotteri del reality francese Dropped (una sorta di Isola dei Famosi) che si sono scontrati nei cieli argentini? Rimasero uccisi i passeggeri tra cui Camille Muffat, medaglia d’oro di nuoto nei Giochi olimpici di Londra, Florence Arthaud, velista che aveva battuto il record della traversata dell’Atlantico Nord in solitario e Alexis Vastine, medaglia di bronzo di boxe all’Olimpiade cinese del 2008. O dei due morti annegati nel Survivor bulgaro e pakistano? In questi show  i concorrenti devono affrontare prove fisiche al limite delle facoltà umane e con una certa frequenza c’è scappato l’incidente, ma lo spettacolo continua imperterrito e fa il botto di ascolti. Un po’ come nell’episodio “Orso Bianco” della seconda stagione di Black Mirror, in cui la giornata del tutto allucinante, piena di pericoli e agguati ai danni di una persona qualunque si scopre essere un reality di tortura e morte in diretta ad uso e consumo del pubblico pagante. Che anche nella tv nella vita reale non si volta più davanti a niente.

 

black mirror Decider - Il reality della morte

 

Nell’episodio “Ricordi pericolosi”, un “grain” (una sorta di chip) impiantato nell’utente fa rivivere alle persone ciò che vedono, facendogli guardare i ricordi come se si trattassero di un film, con la possibilità di mettere in pausa, mandare avanti o indietro veloce. Non vi vengono in mente i Google Glass che permettono di registrare ciò che vediamo?

 

 

L’universo dell’episodio “15 milioni di celebrità” è totalmente computerizzato, controllato con movimento della mano, come nei migliori film di fantascienza. Bene, Leap Motion ha inventato un controller usb che fa funzionare il computer a gesti. Non funziona ancora come nei fiamma ci siamo quasi.

 

 

Certo, si tratta di innovazioni tecnologiche che serviranno a qualcosa, invece non siamo del tutto sicuri che le pratiche sessuali estreme da parte del Primo Ministro di cui abbiamo parlato siano una prova di coraggio che i sudditi della Regina Elisabetta apprezzeranno più di tanto.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >