TV e Cinema
di Simone Stefanini 13 Febbraio 2018

Chiude l’ultimo Blockbuster del Texas. Ode alle videoteche che non ci sono più

In ricordo del Blockbuster e delle videoteche di provincia, luoghi di magia e perversione, strani labirinti fatti di usanze che non esistono più

 

Dopo la chiusura dell’ultimo Blockbuster a Edinburg, Texas, sono rimasti attivi solo 8 negozi della ex famosissima catena di videonoleggio: due sono in Oregon, gli altri sei in Alaska. Ultimi baluardi di un mondo che non c’è più.

Pensate che nel 2004, Blockbuster aveva 9000 negozi nel mondo e dava lavoro a 85000 persone, poi internet è diventato il centro di tutto e con lui lo scaricamento pirata, lo streaming legale o meno, i network a pagamento, il multiformato, il Bluray, il 4k, lo smartphone, il tablet, la smart tv e tutte le altre occasioni per poter guardare un film.

Il 2004 tra l’altro è stato un anno stupendissimo per quanto riguarda i film: oltre a Spiderman 2 e Kill Bill 2, nelle sale sono usciti due capolavori dello spleen contemporaneo: Lost in Translation e Eternal Sunshine of a Spotless Mind (Se mi lasci ti cancello, per i masochisti). Giusto per contestualizzare il periodo.

 

 amazon

 

Se andate indietro coi ricordi, quando è l’ultima volta che siete entrati in un videonoleggio? Personalmente non ho mai amato troppo i Blockbuster, luoghi piuttosto asettici in cui si trovavano 40 copie del blockbuster di turno (appunto) e poca scelta di roba strana, quella che piace a me. Ricordo i commessi con le divise tipo quelli di Footlocker ma coi colori dell’Hellas Verona e grandi file di dvd coi faccioni di Tom Hanks o Tom Cruise.

Io ho ancora nel naso l’odore dei vecchi videonoleggi di provincia, specializzati in VHS. Quelli che sembravano labirinti in cui perdersi tra copertine di poliziotteschi, capolavori horror di serie z, pretenziosi film del tardo Godard e l’ultima uscita che non ce la trovavi mai. Una copia sola c’era, ed era sempre fuori.

 

 

Ricordo nitidamente l’epoca pre-stalking in cui seguivamo lo sconosciuto che si era appena accaparrato il film che volevamo vedere noi. Ci segnavamo fattezze, numero di targa, abitudini e facevamo le nostre ricerche per capire quando l’avrebbe restituito, per non farselo sfuggire di nuovo.

Come dimenticare la paura e la voglia di entrare nel reparto proibitissimo dedicato al porno, in cui tutte quelle scene di accoppiamenti mascherati e caserecci che spuntavano dalle fottute pareti ci davano la labirintite, e poi non si poteva mai sapere chi ci avremmo incontrato. Il vicino di casa, il prete, svariati conoscenti, altri adulti insospettabili. E una volta scelto il trastullo, respirone e nonchalance settata al massimo per uscire dal reparto e andare a pagare, come se fosse una cosa normale, da uomini navigati, evitando accuratamente qualsiasi sguardo.

 

 

È stato lì che io, timidissimo minorenne alla ricerca di sensazioni forti, ho noleggiato un Moana d’annata proprio mentre sopraggiungeva casualmente la ragazza della quale ero vanamente innamorato, che ha sgamato la mia perversione e da allora mi ha guardato come si guarda la cacca pestata coi sandali.

Senza internet a portata di mano, le informazioni dei film sconosciuti erano relegate alla foto/disegno di copertina e alle sporadiche foto sul retro, con la descrizione di quattro righe che spesso ci ha fatto costruire una cultura su film rinnegati anche da produzione, cast e tecnici.

 

 

Spesso il nastro dei VHS si smagnetizzava dopo la milionesima visione e creava rumori video analogici, effetto neve, colonne sonore inquietanti che sembravano suonate da ubriachi e scene di nudo talmente consunte di fermo immagine da non riuscire a vedere proprio niente.

Lo sguardo torvo del gestore del negozio quando non riavvolgevamo la videocassetta, tutte le migliaia di lire spese per i giorni di ritardo, che romanticheria.

Ora ci vorrebbe un finale tipo “avevamo meno ma stavamo meglio” e invece per niente: viva internet, viva lo streaming, i vari Netflix e Sky, viva l’alta definizione, lo schermo piatto da 55 pollici, il making of e gli easter eggs, viva tutto quello che concorre a rendere la nostra vita più semplice, con più qualità. E ciao còre al Blockbuster texano.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >