TV e Cinema
di Simone Stefanini 13 Febbraio 2018

Chiude l’ultimo Blockbuster del Texas. Ode alle videoteche che non ci sono più

In ricordo del Blockbuster e delle videoteche di provincia, luoghi di magia e perversione, strani labirinti fatti di usanze che non esistono più

 

Dopo la chiusura dell’ultimo Blockbuster a Edinburg, Texas, sono rimasti attivi solo 8 negozi della ex famosissima catena di videonoleggio: due sono in Oregon, gli altri sei in Alaska. Ultimi baluardi di un mondo che non c’è più.

Pensate che nel 2004, Blockbuster aveva 9000 negozi nel mondo e dava lavoro a 85000 persone, poi internet è diventato il centro di tutto e con lui lo scaricamento pirata, lo streaming legale o meno, i network a pagamento, il multiformato, il Bluray, il 4k, lo smartphone, il tablet, la smart tv e tutte le altre occasioni per poter guardare un film.

Il 2004 tra l’altro è stato un anno stupendissimo per quanto riguarda i film: oltre a Spiderman 2 e Kill Bill 2, nelle sale sono usciti due capolavori dello spleen contemporaneo: Lost in Translation e Eternal Sunshine of a Spotless Mind (Se mi lasci ti cancello, per i masochisti). Giusto per contestualizzare il periodo.

 

 amazon

 

Se andate indietro coi ricordi, quando è l’ultima volta che siete entrati in un videonoleggio? Personalmente non ho mai amato troppo i Blockbuster, luoghi piuttosto asettici in cui si trovavano 40 copie del blockbuster di turno (appunto) e poca scelta di roba strana, quella che piace a me. Ricordo i commessi con le divise tipo quelli di Footlocker ma coi colori dell’Hellas Verona e grandi file di dvd coi faccioni di Tom Hanks o Tom Cruise.

Io ho ancora nel naso l’odore dei vecchi videonoleggi di provincia, specializzati in VHS. Quelli che sembravano labirinti in cui perdersi tra copertine di poliziotteschi, capolavori horror di serie z, pretenziosi film del tardo Godard e l’ultima uscita che non ce la trovavi mai. Una copia sola c’era, ed era sempre fuori.

 

 

Ricordo nitidamente l’epoca pre-stalking in cui seguivamo lo sconosciuto che si era appena accaparrato il film che volevamo vedere noi. Ci segnavamo fattezze, numero di targa, abitudini e facevamo le nostre ricerche per capire quando l’avrebbe restituito, per non farselo sfuggire di nuovo.

Come dimenticare la paura e la voglia di entrare nel reparto proibitissimo dedicato al porno, in cui tutte quelle scene di accoppiamenti mascherati e caserecci che spuntavano dalle fottute pareti ci davano la labirintite, e poi non si poteva mai sapere chi ci avremmo incontrato. Il vicino di casa, il prete, svariati conoscenti, altri adulti insospettabili. E una volta scelto il trastullo, respirone e nonchalance settata al massimo per uscire dal reparto e andare a pagare, come se fosse una cosa normale, da uomini navigati, evitando accuratamente qualsiasi sguardo.

 

 

È stato lì che io, timidissimo minorenne alla ricerca di sensazioni forti, ho noleggiato un Moana d’annata proprio mentre sopraggiungeva casualmente la ragazza della quale ero vanamente innamorato, che ha sgamato la mia perversione e da allora mi ha guardato come si guarda la cacca pestata coi sandali.

Senza internet a portata di mano, le informazioni dei film sconosciuti erano relegate alla foto/disegno di copertina e alle sporadiche foto sul retro, con la descrizione di quattro righe che spesso ci ha fatto costruire una cultura su film rinnegati anche da produzione, cast e tecnici.

 

 

Spesso il nastro dei VHS si smagnetizzava dopo la milionesima visione e creava rumori video analogici, effetto neve, colonne sonore inquietanti che sembravano suonate da ubriachi e scene di nudo talmente consunte di fermo immagine da non riuscire a vedere proprio niente.

Lo sguardo torvo del gestore del negozio quando non riavvolgevamo la videocassetta, tutte le migliaia di lire spese per i giorni di ritardo, che romanticheria.

Ora ci vorrebbe un finale tipo “avevamo meno ma stavamo meglio” e invece per niente: viva internet, viva lo streaming, i vari Netflix e Sky, viva l’alta definizione, lo schermo piatto da 55 pollici, il making of e gli easter eggs, viva tutto quello che concorre a rendere la nostra vita più semplice, con più qualità. E ciao còre al Blockbuster texano.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >