TV e Cinema
di Simone Stefanini 5 Febbraio 2020

BoJack Horseman racconta la depressione meglio di qualsiasi film

BoJack Horseman racconta storie di narcisismo, fallimento, droga, alcolismo, depressione, di amori finiti e abusi, come fosse una sit-com animata

Da adulti, capita di smettere di guardare i cartoni animati. Molti di noi non sentono più il trasporto, la sospensione dell’incredulità che li faceva volare da bambini con Peter Pan o piangere per la mamma di Bambi, e allora niente più chance all’animazione, da mettere in cantina insieme ai giocattoli. Poi ci si imbatte in un cavallo parlante che mette a nudo tutte le nostre difficoltà sociali, la nostra depressione e il nostro continuo fallimento, e lì capiamo come in un flash che il posto dei cartoni animati non era in cantina, ma su Netflix.

BoJack Horseman è una serie tv animata creata da Raphael Bob-Waksberg e disegnata da Lisa Hanawalt. La trama è molto semplice: in una Hollywoo(d/b) corrosa da aspirazioni e vizi, umani e animali antropomorfi convivono e non ci fanno neanche caso alle differenze di specie, i problemi sono altri.

 

 

Un raro caso in cui ogni stagione è migliore della precedente, per intensità e intreccio narrativo, ma anche per enfasi del dramma, che si fa sempre più oscuro, come il male di cui quasi tutti i protagonisti della serie soffrono: la depressione. Non quella patinata di facciata, quella reale, che ti fa sbagliare ogni passo e ti fa aver bisogno delle persone accanto, perché ti dicano che sei una persona buona, quando da solo non ci credi più.

BoJack è un cavallo di mezza età, che come recita la sigla, era molto famoso in uno show degli anni ’90, poi la gloria gli ha voltato le spalle e lui ci ha messo del suo per rovinarsi, tra alcol, droga, soldi e confusione in testa. Figlio di madre anaffettiva e padre assente, vive tutto male, sempre e comunque. È implicato nella morte di una giovane attrice che lavorava con lui, riesce ad andare in rehab, ma alla fine sembra che il vizio abbia altri piani per lui.

 

La sua ex fidanzata e agente, Princess Carolyn, una gatta persiana rosa non è da meno. Per lei, l’unica ragione di vita è il lavoro e quando le cose private si mettono male, sogna un futuro in cui una trisnipote parli in classe di quanto fosse figa sua prozia, e di quanto sia andato tutto bene. Ha i suoi bei problemi anche quando ha una figlia e un bello spasimante. Proprio non riesce a godersela (quasi) fino alla fine.

 

A casa di BoJack abita abusivamente Todd, un giovane umano asessuale e disoccupato di 24 anni, che tenta la via dell’indipendenza buttandosi dentro progetti stupidi e inconcludenti, spesso aiutato da Mr. Peanutbutter, un Labrador affascinante, anch’egli ex stella di una sit-com e sempre sempre sempre positivo, al limite della sciocchezza. La sua ex ragazza è il suo esatto contrario. Si chiama Diane, è umana e fa la ghostwriter. Sempre insoddisfatta e polemica, si getta anima e corpo nelle cause perse, quelle in cui i valori e l’etica contano ancora, finché non trova l’amore della sua vita e s’incasina a scrivere un’autobiografia.

 

Ogni personaggio ha una profondità rara, anche quelli non protagonisti e ogni storia è importante. Ci sono episodi in cui BoJack si vede a malapena, incentrati sulla vita degli altri personaggi, eppure non vorresti finissero mai, aggiungono sostanza a quel mondo e dall’episodio successivo in poi li guardi in maniera diversa, come fossero amici che ti hanno confessato un segreto che sai solo tu.

Ogni stagione ha il suo fil rouge, ma non è il caso di dire proprio niente in proposito, per non rovinarvi la sorpresa e il batticuore. Se non l’avete mai visto, iniziate oggi stesso. Se il primo episodio non vi convince, continuate. Potrebbe non essere amore a prima vista, ma alla lunga è uno dei migliori prodotti originali di Netflix e ogni battuta, ogni scena, ogni assurdità, disastro, lutto, amore finito o speranza parla di noi, della nostra condizione di esseri fallibili e del magone che arriva quando non riusciamo a raggiungere ciò che ci siamo prefissi.

Pensate l’ironia: ci voleva un cavallo parlante per farci guardare dentro senza maschere, alibi o scuse. A volte facciamo schifo, a volte tocchiamo il fondo senza neanche morire. Pazienza.

Non resta che guardare la sesta e ultima stagione su Netflix (attenzione: fa piangere e in alcune parti è un vero e proprio incubo), e tornare da lui ogni volta che abbiamo bisogno di sentirci umani, con tutte le nostre debolezze e fragilità, per assolverci e consolarci ancora una volta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >