TV e Cinema
di Simone Stefanini 9 Febbraio 2017

Il trio Brignano, Cirilli e Insinna a Sanremo è stato lo spettacolo più imbarazzante di sempre?

Un intervento di 12 minuti che sembrava eterno, un riassunto di tutto ciò che non si deve fare per divertire il pubblico

Durante la seconda, soporifera serata di Sanremo 2017 ci sono stati due momenti che hanno regalato sinceri brividi di terrore e rossori d’imbarazzo in quantità: l’intervista a Keanu Reeves e il trio comico romano formato da Enrico Brignano, Gabriele Cirilli e Flavio Insinna.

Due momenti di impaccio che hanno messo a disagio buona parte del pubblico a casa e in sala. Il primo ormai è un classico: l’attore famoso straniero, meglio se sul viale del tramonto, sale sul palco di una manifestazione canora che non conosce e che, secondo i suoi standard, sembra di sicuro un prediciottesimo macedone, poi viene infilzato di domande ad cazzum per giustificarne la presenza: l’Italia, la pasta, ah ma tu suonavi, perché non ci fai 4 note in croce?

L’attore di Matrix se l’è cavata con un flow simil avvinazzato e un abbigliamento da carcere duro, fortunatamente ha guadagnato le quinte senza dover limonare Maria (co0me invece ha fatto Robbie Williams), quindi per lui Sanremo è stato oro colato.

 

 newsly

Tutt’altra questione quella del trio comico di romani seguaci della scuola di Gigi Proietti, cioè Gabriele Cirilli, un fedelissimo del Tale e Quale di Carlo Conti, il Flavio Insinna re dei pacchi e delle pubblicità che ti viene voglia di tirare una ciabatta contro la tv e Enrico Brignano, alfiere di quella comicità che i giovani degli anni ’60 già reputavano vecchia.

Giunti sul palco, iniziano a parlare molto velocemente senza costrutto di cose di poco conto, mentre Cirilli, il punk dei tre, urla più volte Forza Roma Forza Carlo. Da casa, sembra stiano facendo un esperimento su come far perdere lo share a una trasmissione che sta volando.

 ilsecoloXIX

Abbiamo bene impressa la comicità naif e surreale di Gigi Proietti, le sue canzoni in finto francese, la storia del Cavaliere Bianco e del Cavaliere Nero, la telefonata in cui non riesce mai a parlare e tutto il resto del suo repertorio. A metà degli anni ’70 è stato protagonista di uno degli one man show più famosi e riusciti di sempre, A me gli occhi please. Era dissacrante, sperimentale, rompeva gli schemi e lo faceva molto bene.

Che la montagna abbia partorito il topolino sembra cosa ovvia, dal momento che i tre dovrebbero come minimo onorarne la carriera e invece non fanno ridere mai, neanche un mezzo sorriso. Le battute legate insieme con lo sputo, nessun applauso dalla platea e poi l’anticlimax: l’avanspettacolo. I tre si mettono a cantare Tre somari e tre briganti, Sentimental, Un bacio a mezzanotte, Donna, Aggiungi un posto a tavola e Raggio di sole, tutte canzoni proprie di un intrattenimento morto e sepolto, che a riesumarlo potrebbe addentarti al collo, goloso di carne umana.

Occorre ricordare a Carlo che i nonni dei suoi tempi sono quasi tutti morti, non puoi fare uno show con i ragazzini dei talent per far rimanere alla tv i teenager se poi gli proponi una cosa così. I tre oltretutto non hanno neanche fatto troppe prove, perché vanno fuori tempo, sbagliano parole e inforcano tutti i possibili paletti dell’attenzione umana. Un intervento di 12 minuti che sembra eterno.

 

Quando negli anni ’80 Benigni, Grillo e il Trio Solenghi, Marchesini, Lopez venivano ingaggiati come comici sanremesi, davano scandalo, squarciavano il velo morale e a pensarci ora, erano davvero i Bill Hicks e George Carlin dell’epoca, declinati alla tradizione italiana. Oggi una figura del genere potrebbe essere Giorgio Montanini, ma ce lo vedete sul palco del Festival a parlare di quanto sia più facile scopare da ubriaco o di quanto lo Stato non ci ammazzi più perché siamo già morti?

Per rincorrere il politicamente corretto, ieri abbiamo dato al mondo un esempio di ciò che ti fa cambiare canale e che ti imbarazza anche la mattina dopo, quando ti svegli sperando di vivere in un paese che guarda avanti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >