Cosa ci ha lasciato George A. Romero, il padre dei moderni zombie

È morto George A. Romero, che ha dedicato gran parte della sua vita a reinventare il mito degli zombie, rendendoli protagonisti di una rivoluzione culturale

 talkymovie

Un cancro ai polmoni si è portato via George A. Romero, il regista americano 77enne che ha modernizzato e reso attuale il mito degli zombie, grazie al film di culto La notte dei morti viventi del 1968 e ai suoi sequel, tra cui l’indimenticabile Zombi (Dawn of the Dead, 1981), in seguito rimontato da Dario Argento e rimusicato dai Goblin. Non è stato l’inventore dei morti viventi, quelli esistevano già al cinema negli anni ’30 (White Zombie del 1932 con Bela Lugosi). Il suo grande, enorme merito in proposito, è quello di averli resi famosi nell’iconografia pop mondiale e allo stesso tempo di aver creato un’allegoria sociale.

 

 

Gli zombie, per natura, nascono come mostri di serie B: non hanno il fascino o il carisma di Dracula, l’intelligenza del Dr. Frankenstein o i secoli di storia della Mummia, sono solo delle persone decedute e riportate in vita dio solo sa come, vuoi per un virus o per un esperimento governativo andato a male.

I loro corpi sono sgraziati, decomposti e la loro intelligenza è ridotta ai minimi termini. Desiderano solo mangiare gli altri esseri umani e diffondere il contagio. Dietro questa minaccia assurda, si nasconde la voglia di raccontare i nemici dell’America borghese, una nazione contraddittoria sempre pronta a trovarsi una nemesi per giustificare la propria natura guerrafondaia.

 

 

Ecco che nella saga di 6 film di Romero (La notte dei morti viventi, Zombi, Il giorno degli zombi, La terra dei morti viventi, Le cronache dei morti viventi, L’isola dei sopravvissuti), volta per volta il pubblico vede un’invasione zombie da fermare con qualsiasi mezzo, ma anche il nemico pubblico numero uno, che sia il terrorista odierno o il russo durante la Guerra Fredda.

I suoi film sugli zombie hanno svelato il volto debole dell’America, che una volta minacciata, prende decisioni talvolta ottuse e fin troppo sproporzionate, facendo spesso tifare per i morti viventi, che come profughi in un mondo ostile, vivono una seconda vita di dolore.

 

 cbc.ca

 

Il primo film, quello non si scorda mai. Sarebbe bastato solo La notte dei morti viventi per portare Romero nell’Olimpo dei grandi registi che hanno fatto la storia del cinema di un certo tipo. Artigianale e sperimentale, fatto di inquadrature agghiaccianti e trovate sceniche povere ma efficaci. Di quel primo film in bianco e nero, che a causa di un errore del distributore oggi è di pubblico dominio, Romero aveva fatto tutto: regia, fotografia, sceneggiatura, montaggio e persino le musiche. Quella volta, alla fine degli anni ’60, in molti videro nei suoi zombie le persone di colore, vinte dal razzismo americano, mentre per altri rappresentavano i reduci del Vietnam, tornati dalla guerra non più vitali degli zombie e con un bagaglio di orrore in testa che non si può cancellare. Un esercito di disperati, disagiati e reietti, che ispirano orrore, sì, ma anche empatia.

 

 

Ecco ciò che George A. Romero ci ha lasciato: un forte contenuto sociopolitico nei film apparentemente solo d’intrattenimento (perché la paura è un intrattenimento niente male), ci ha insegnato a leggere tra le righe e a non non giudicare superficialmente. In più, ha creato l’archetipo di un nuovo mostro che è diventato un classico, basti pensare a The Walking Dead, Dead Set, In the Flesh, Les revenants e tutte le altre serie tv a tema morti viventi uscite negli ultimi anni.

Che la terra sia lieve, almeno a lui.

 

Qui sotto, tutto il film La notte dei morti viventi:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >