Cosa ci ha lasciato George A. Romero, il padre dei moderni zombie

È morto George A. Romero, che ha dedicato gran parte della sua vita a reinventare il mito degli zombie, rendendoli protagonisti di una rivoluzione culturale

 talkymovie

Un cancro ai polmoni si è portato via George A. Romero, il regista americano 77enne che ha modernizzato e reso attuale il mito degli zombie, grazie al film di culto La notte dei morti viventi del 1968 e ai suoi sequel, tra cui l’indimenticabile Zombi (Dawn of the Dead, 1981), in seguito rimontato da Dario Argento e rimusicato dai Goblin. Non è stato l’inventore dei morti viventi, quelli esistevano già al cinema negli anni ’30 (White Zombie del 1932 con Bela Lugosi). Il suo grande, enorme merito in proposito, è quello di averli resi famosi nell’iconografia pop mondiale e allo stesso tempo di aver creato un’allegoria sociale.

 

 

Gli zombie, per natura, nascono come mostri di serie B: non hanno il fascino o il carisma di Dracula, l’intelligenza del Dr. Frankenstein o i secoli di storia della Mummia, sono solo delle persone decedute e riportate in vita dio solo sa come, vuoi per un virus o per un esperimento governativo andato a male.

I loro corpi sono sgraziati, decomposti e la loro intelligenza è ridotta ai minimi termini. Desiderano solo mangiare gli altri esseri umani e diffondere il contagio. Dietro questa minaccia assurda, si nasconde la voglia di raccontare i nemici dell’America borghese, una nazione contraddittoria sempre pronta a trovarsi una nemesi per giustificare la propria natura guerrafondaia.

 

 

Ecco che nella saga di 6 film di Romero (La notte dei morti viventi, Zombi, Il giorno degli zombi, La terra dei morti viventi, Le cronache dei morti viventi, L’isola dei sopravvissuti), volta per volta il pubblico vede un’invasione zombie da fermare con qualsiasi mezzo, ma anche il nemico pubblico numero uno, che sia il terrorista odierno o il russo durante la Guerra Fredda.

I suoi film sugli zombie hanno svelato il volto debole dell’America, che una volta minacciata, prende decisioni talvolta ottuse e fin troppo sproporzionate, facendo spesso tifare per i morti viventi, che come profughi in un mondo ostile, vivono una seconda vita di dolore.

 

 cbc.ca

 

Il primo film, quello non si scorda mai. Sarebbe bastato solo La notte dei morti viventi per portare Romero nell’Olimpo dei grandi registi che hanno fatto la storia del cinema di un certo tipo. Artigianale e sperimentale, fatto di inquadrature agghiaccianti e trovate sceniche povere ma efficaci. Di quel primo film in bianco e nero, che a causa di un errore del distributore oggi è di pubblico dominio, Romero aveva fatto tutto: regia, fotografia, sceneggiatura, montaggio e persino le musiche. Quella volta, alla fine degli anni ’60, in molti videro nei suoi zombie le persone di colore, vinte dal razzismo americano, mentre per altri rappresentavano i reduci del Vietnam, tornati dalla guerra non più vitali degli zombie e con un bagaglio di orrore in testa che non si può cancellare. Un esercito di disperati, disagiati e reietti, che ispirano orrore, sì, ma anche empatia.

 

 

Ecco ciò che George A. Romero ci ha lasciato: un forte contenuto sociopolitico nei film apparentemente solo d’intrattenimento (perché la paura è un intrattenimento niente male), ci ha insegnato a leggere tra le righe e a non non giudicare superficialmente. In più, ha creato l’archetipo di un nuovo mostro che è diventato un classico, basti pensare a The Walking Dead, Dead Set, In the Flesh, Les revenants e tutte le altre serie tv a tema morti viventi uscite negli ultimi anni.

Che la terra sia lieve, almeno a lui.

 

Qui sotto, tutto il film La notte dei morti viventi:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >