David Cronenberg, ecco la classifica dei suoi 10 migliori film

Il meglio di David Cronenberg, il regista che come nessuno ha raccontato perversioni e ibridazioni

david cronenberg film migliori via

 

David Cronenberg è un regista di culto. Il pioniere del body horror, cioè di quel quel genere che esplora le mutazioni del corpo e della carne, nella sua carriera ha saputo studiare le devianze e le ossessioni di ogni genere, dirigendo film tanto belli quanto (talvolta) ripugnanti, per metterci di fronte alla materia di cui è fatto l’uomo: la carne.

Ha diretto horror, film fantascientifici e specialmente negli ultimi tempi, noir violenti come A History of Violence.

Un paio d’anni fa siamo stati al Lucca Film Festival, in cui Cronenberg veniva insignito del premio alla carriera. Purtroppo, per motivi personali il regista non è stato presente in sala ma ha parlato con pubblico via Skype del suo ultimo film, Maps to the Stars del 2015: “Nei miei ultimi film mi sono occupato della condizione umana. È come vedere la realtà attraverso le diverse facce di un diamante: appariranno cose differenti ma il nucleo è sempre lo stesso. Maps to the stars è una tragedia greca sulla condizione umana nel contesto di Hollywood. Non vuole essere necessariamente una critica all’ambiente hollywoodiano, ho scelto Hollywood perché le persone che vivono lì sono molto esposte al pubblico”. 

Ecco la nostra classifica dei 10 film più belli di David Cronenberg:

 

10) eXistenZ (1999)

david cronenberg film via

eXistenZ (scritto proprio così) è un videogioco nuovo, in cui i giocatori, tramite dei collegamenti biologici, vivono un’avventura allucinata in una dimensione parallela. Per collegamenti biologici, s’intenda i controller di carne collegato direttamente alla carne. Il film è molto bello, ma vuoi per l’argomento trattato (troppo avanti per il 1999) vuoi per la morbosità di molte scene, è stato un terribile flop al botteghino.

 

9) Scanners (1981)

david cronenberg film via

Il primo successo di David Cronenberg: ha avuto 4 sequel, ma Cronenberg non c’entra niente. Telepatia, poteri psichici e stress. Michael Ironside è uno scanner che riesce a far esplodere la testa della gente col pensiero. Basta solo questo perché sia un bellissimo film, no?

 

 

8) A History of Violence (2005)

david cronenberg film via

La prima collaborazione tra David Cronenberg e Viggo Mortensen, che di certo si toglie grazie a questo film l’immagine di eroe implacabile nella trilogia del Signore degli Anelli. Segreti, bugie e come suggerisce il titolo, tanta violenza in una cittadina di provincia dell’Indiana. Tratto da un graphic novel di Wagner e Locke.

 

 

7) Spider (2002)

david cronenberg film via

Tratto dal bellissimo romanzo di Patrick McGrath, che ha scritto anche la sceneggiatura, questo film vede una prova attoriale impressionante di Ralph Fiennes che interpreta Spider, un paziente di un ospedale psichiatrico della Londra degli anni ’50, che si trova a venire a patti con i ricordi di bambino. Il finale nasconde una rivelazione che di certo non stiamo a spoilerare.

 

6) Crash (1996)

david cronenberg film via

Altro romanzo famoso e controverso, quel Crash di J.G. Ballard, in cui alcune persone tra cui Ballard stesso, si eccitano alle rappresentazioni dei più famosi incidenti stradali. Una storia perversa e morbosa, sicuramente non adatta al grande pubblico. Anche la colonna sonora dissonante rimane in testa e suggerisce sinistra eccitazione.

 

5) La mosca (The Fly – 1986)

david cronenberg film via

Il più grande successo commerciale di David Cronenberg è il remake di L’esperimento del dottor K del 1958. Stavolta, grazie al trucco e all’affiatata coppia Jeff Goldblum e Geena Davis, si vede ciò che per forza di cose negli anni ’50 non era consentito. La storia è quella di un dottore che prova ad inventare il teletrasporto, ma nella capsula entra anche una mosca che dà vita a un orribile mostro mutante.

 

4) Il pasto nudo (The Naked Lunch – 1991)

david cronenberg film via

Come sia venuto in mente a David Cronenberg di mettere su pellicola Il pasto nudo di William S. Burroughs, siamo ancora qui a domandarcelo. Il film però è molto bello e la storia dello sterminatore di scarafaggi, tra visioni, eroina, mondi immaginari e flussi di coscienza sta miracolosamente in piedi, regalando alcune sequenze da storia del cinema.

 

3) Inseparabili (Dead Ringers – 1988)

david cronenberg film via

Jeremy Irons, che attore meraviglioso. Riesce a reggere benissimo i due gemelli Beverly ed Elliot, entrambi ginecologi di fama internazionale e della loro inquietante liaison con l’attrice Claire. Gelosia e ginecologia vanno a braccetto in questa tragedia dalle tinte perverse. Ispirato ad una storia vera, che non vi diciamo altrimenti spoiler.

 

2) La zona morta (The Dead Zone – 1983)

david cronenberg film via

Che strana coppia, David Cronenberg e Stephen King. Eppure il film è uno dei migliori del regista canadese. Dopo un incidente stradale, Johnny Smith cade in coma e al suo risveglio scopre un oscuro potere che lo porta a prevedere il futuro. Le cose cambieranno quando, stringendo la mano a un Senatore, lo vedrà diventare Presidente e scatenare una guerra nucleare. Un Christopher Walken in un performance totale.

 

1) Videodrome (1983)

david cronenberg film via

La mutazione della carne all’ennesima potenza. James Woods (il nemico giurato di Peter Griffin, ma questa è un’altra storia) e Debbie Harry (voce dei Blondie) in un film che riesce davvero a essere profetico. Si parla di film snuff, di morte in diretta, di visioni e di lavaggi del cervello in un intricato e malato puzzle surreale. Tutto parte dalla televisione, che ti chiama e ti ipnotizza. Fortunatamente, questo non è successo. O sì?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >