TV e Cinema
di Diego Cajelli 17 Febbraio 2016

Abbiamo visto Deadpool e ha lo stesso problema di Vasco Rossi

È il funerale di un certo tipo di cinema e di un certo tipo di fumetto

dp6

Fino a che punto puoi dare al pubblico esattamente quello che vuole? Quanto è lecito studiare il proprio target, per offrirgli un prodotto d’intrattenimento tarato alla perfezione non solo sui suoi gusti, ma anche sulle sue percezioni della vita, l’universo e tutto quanto? Qual è il compito del narratore? Dare al pubblico ciò che vuole? Oppure quello che ancora non sa di volere? Ma soprattutto: Quanto vi frega di queste mie domande? Meno di zero, immagino.

Parliamo del film. Deadpool. L’ho visto e secondo me ha gli stessi problemi di Vasco Rossi. Non è tanto Lui, sono i suoi fan a essere insopportabiliCon Deadpool è più o meno la stessa cosa. È un bel film, mi è piaciuto, è divertente, è un’ottima trasposizione del fumetto, ma… Ma, tre-puntini.

È calibrato al millimetro per piacere da matti a questa generazione di Giovani Disillusi dall’Arido Cuore Post Moderno. Si va oltre il prodotto per fan, si salta a piedi uniti il prodotto per geek-nerd in stile The Big Bang Theory. Si supera il darti di gomito, il farti l’occhietto, l’ammiccare e la rottura della quarta parete, quinta parete, sesta parete, pavimento e soffitto.

 

dp4

 

Deadpool è un ottimo film, però cazzo. Però, visto che il pubblico di riferimento non è più capace di stabilire un patto di complicità con quello che sta guardando, non facciamo nemmeno finta di provarci. Però, visto che il pubblico di riferimento non è in grado di stipulare un rapporto emotivo con un prodotto di finzione, spostiamo continuamente l’asse drammatico, non corriamo il rischio di essere presi per il culo dalla sala. Giochiamo di anticipo e prendiamoli per il culo noi. Però, visto che il pubblico di riferimento è smaliziato e splendidamente post moderno e post narrativo, seppelliamolo di citazioni, rimandi, inside joke, entriamo e usciamo dai personaggi, cappottiamo gli archetipi ed esplicitiamo ogni passaggio di trama in modo frontale.

Mettiamo giù a pecora il corpus narrativo e offriamolo in sacrificio ai geek-nerd, ai forumisti che ne sanno una più della Marvel stessa, agli Youtubers, agli allievi delle scuole del fumetto, ai fan, ai ragazzini con la soglia dell’attenzione pari a quella di un furetto sotto fendimetrazina, ai condivisori compulsivi di robe di fumetti su Facebook. Dopo aver visto Deadpool, usciranno dal cinema più che soddisfatti, sorridendo, con un’espressione di assoluta pace post orgasmica che nemmeno la migliore puntata di Doctor Who potrebbe offrirgli.

La trasposizione su pellicola di Deadpool poteva essere fatta in modo diverso? No. Assolutamente no. Ed è qui che mi cade addosso un paradosso da otto quintali. Spiderman, Iron Man, Captain America, Thor e tutto il cucuzzaro classico di casa Marvel è nato un milione di anni fa. Sono gli Eroi di Base, rendiamoci conto che venivano impressi sulla carta e nell’immaginario collettivo quando i nostri nonni erano giovani.

 

 

Lasciamo stare le continue riscritture e le attualizzazioni. Il nucleo centrale, il cuore pulsante di quel tipo di eroe arriva direttamente dall’epoca dei telefoni in bacheliteDeadpool irrompe nell’universo Marvel nel 1991 ed è il primo eroe autenticamente post moderno della Casa delle Idee. Nicieza e Liefeld creano un anti-eroe consapevole del suo ruolo: è cosciente di essere il personaggio in un mondo di altri eroi di carta.

Gli autori rompono da subito la Quarta Parete, e in questo senso i titoli di testa del film sono il fumetto allo stato puro.
Non è un caso che Deadpool si collochi nel pantheon dei mutanti, vicino a un altro eroe dal carattere post moderno come Wolverine (sì, okay, anche Wolvie si presenta all’inizio indossando un pigiamino, poi arrivano Claremont e Miller e lo lanciano nel mondo contemporaneo). Un personaggio come Deadpool serviva alla Marvel del 1991, e serviva al fumetto in generale, per dimostrare quanto e come si potesse alzare l’asticella narrativa raccontando storie di gente in costume che si mena. Da sempre è stato difficilissimo collocarlo accanto agli altri eroi.

La differenza si notava subito, l’estrema distanza tra classico e post moderno, mette in luce i difetti di entrambe le visioni. Nel film, per dire, Colosso fa la figura del citrullone, e non potrebbe essere altrimenti. Nei fumetti, una delle mie storyline preferite è quella di Devil e Deadpool, per i testi di Joe Kelly, con un Ed McGuinnes al suo meglio ai disegni.

Lo sviluppo più importante, Deadpool, l’ha avuto accanto a un altro mutante: Cable (e una vocina nella testa mi dice che la presenza di Deadpool era necessaria per accettare gli arzigogoli estremi della linea temporale). Visto il punto di partenza sulla carta, non c’era altro modo per trasportare su pellicola il Mercenario Chiacchierone. Ed ecco che arriva il paradosso.

Il film di Deadpool, così come il fumetto, segna il punto esatto in cui muoiono i classici. È il funerale di un certo tipo di cinema e di un certo tipo di fumetto. Un corteo funebre dove i Giovani Disillusi dall’Arido Cuore Post Moderno seguono il feretro ballando sulle citazioni fatte apposta per loro, mentre dalla bara, il personaggio ammicca per un’ultima volta. Ancora una battuta. Ancora un occhiolino. Ti do ancora di gomito, ti dico una cosa per te importante, ti faccio ridere.
Eccomi. Sono tutto tuo. Sono fatto apposta per te. Sono il “Quarto Potere” della tua generazione. E sono bellissimo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >