TV e Cinema
di Marco Villa 13 Aprile 2012

Diaz – Un film che va visto [recensione]

Quando iniziano a riaccendersi le luci, con i titoli che ancora scorrono, in sala qualcuno sta parlando. Voce delicata, tono concitato. È evidente che è piuttosto scontento del film e di quello che racconta. Basta poco per riconoscere Vittorio Agnoletto, uno dei volti di quel Genoa Social Forum che organizzò le manifestazioni contro il G8 genovese del 2001. Lo scontento è dovuto ad alcune inesattezze, alla decisione di non fare i nomi dei responsabili di quanto accaduto, al fatto che non vengono spiegate “le ragioni del movimento”. Ecco, peggiore coda al film non poteva esserci. Non per il contenuto (comunque discutibile) delle parole di Agnoletto, ma proprio per la presenza di quelle parole, a rompere un silenzio forse necessario.

Diaz è un film che annulla. Un nucleo concentratissimo di violenza, che inghiotte tutto quello che ha intorno. Parte male, con dialoghi da brutta fiction, fatti di frasi e parole inverosimili, troppo scritte. Dopo pochi minuti la sensazione è di un altro film italiano non all’altezza delle proprie ambizioni. Non è così: quando entra in scena la violenza, inizia un film diverso, che riesce a trasmettere a chi guarda il dolore fisico che viene messo in scena.

Perché Diaz ha un pregio enorme: fa male. La visione lascia sensazioni concrete: stretta allo stomaco, leggero sudore, fastidio crescente. Ma Diaz ha anche un secondo pregio enorme: racconta tutto in modo pulito, lineare.

È la storia di un gruppo di persone che abusa del proprio potere ai danni di un altro gruppo di persone. Punto. Fine. Drammaticamente semplice. E in questa semplicità, nella rinuncia a qualsiasi tipo di discorso più complesso, sta uno dei punti di forza principali del film. Proprio per questo motivo, non ha senso cercare in Diaz l’opera che chiarisca una volta per tutte cosa è successo alla scuola Diaz e alla caserma di Bolzaneto. Non ha senso cercare i tratti del documentario d’inchiesta in un film che si basa sugli atti dei processi, ma costruisce e romanza storie e personaggi. Al contrario, bisogna prendere atto e registrare la potenza di quella stretta allo stomaco, perché è un’espressione sensibile della potenza del film di Daniele Vicari.

Diaz non è un film perfetto, per i problemi di scrittura cui si accennava prima, per le oggettive difficoltà di sceneggiatura che accompagnano sempre un film corale, per non essere riuscito a evitare la tentazione di un casting lombrosiano. Per il suo essere fisico, però, Diaz è qualcosa di raro nel cinema italiano, abituato a viaggiare con il freno tirato. Quello che ne esce è un’opera importante, forte. E da vedere rigorosamente al cinema.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >