Esistono centri di disintossicazione per curare la dipendenza da Netflix

Netflix può diventare una droga e i tossici di serie tv possono fare il rehab nei centri specializzati

Che Netflix fosse una droga potevamo sospettarlo, ma così, un po’ per dire, per fare del sarcasmo. Poi abbiamo letto un articolo su Mic.com e siamo basiti. Netflix, con la sua app perfettamente funzionante, coi suoi contenuti divisi per genere, con la sua facilità di utilizzo e soprattutto col rilascio delle serie tv in binge watching, può creare una seria dipendenza, che non fa ridere per niente.

Hilarie Cash è una counselor di salute mentale specializzata in dipendenze da internet o dalla tv ed è co-fondatrice del centro di riabilitazione reSTART, in cui opera personale qualificato per curare la dipendenza da Netflix.

 

 theodysseyonline

 

Definiamo tale dipendenza: durante le maratone di serie tv, in cui senza rendercene neanche conto, stiamo molte ore davanti allo schermo a seguire storie di fiction, sviluppiamo una tolleranza sempre più alta all’esposizione e il cervello è continuamente sovrastimolato. Quando guardiamo Netflix cerchiamo distrazione ed emozione immediata e quando tre ore davanti allo schermo non bastano più, allora ne vogliamo quattro, poi cinque e così via. Dormiamo di meno, facciamo minore vita sociale o familiare, ci svegliamo in ritardo per andare a scuola o a lavoro, abbiamo minor cura di noi stessi.

 

 

La dipendenza da Netflix sta diventando prevalente per via della quantità illimitata di accesso ai contenuti e per la possibilità di usufruirne ovunque, su ogni tipo di device, dallo smartphone alla tv. Se siete genitori con un certo tipo di dipendenza dallo streaming, i vostri figli tenderanno a emularvi.L’impatto sulla cultura popolare è enorme e il problema sta crescendo a vista d’occhio.

La dipendenza da Netflix non è ancora stata inserita nel Manuale dei Disordini Mentali, ma molti centri si stanno attrezzando per curare questa nuova malattia. Di solito i pazienti devono stare dai 45 ai 90 giorni senza guardare nessun contenuto, devono fare attività fisica e dormire, mangiare sano, imparare nuove abilità e parlare con un tutor per capire il motivo della caduta nella dipendenza.

 

 

Per alcuni pazienti questa fase non è sufficiente e sono costretti per un breve periodo a vivere in appartamenti senza tv, internet, computer o smartphone. Per quelli che non possono permettersi i centri di recupero, i consigli di Cash sono due: farsi il cold turkey (la ròta, in gergo) oppure smettere gradualmente. Nel primo caso succede proprio come nella disintossicazione con gli assuefatti da sostanze stupefacenti, il paziente smette da un giorno all’altro e fronteggia tutte le conseguenze, fino a liberarsi del tutto dalla dipendenza (ma ci vuole una volontà di ferro), mentre il secondo caso prevede una serie di regole autoimposte, ma anche app che limitano l’uso di Netflix, fino ad arrivare a smettere del tutto.

 

 

Il punto di ogni terapia è far capire al paziente che la propria vita può essere interessante anche fuori dallo schermo, basta concentrarsi sulla propria e non su quella dei personaggi delle serie tv.

 

FONTE | Mic

 

LEGGI ANCHE:

Le regole fondamentali per fare la perfetta maratona di serie tv

20 regali fantastici per i maniaci delle serie tv

10 segnali che sei totalmente dipendente dalle serie tv

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >