TV e Cinema
di Mattia Nesto 4 Aprile 2017

Affinità e divergenze tra Sei Forte Maestro con Emilio Solfrizzi e Great Teacher Onizuka

Via http://www.fiction.mediaset.it  Via http://www.fiction.mediaset.it

 

Great Teacher Onizuka (anche conosciuto come GTO) è stato uno dei manga prima e degli anime poi di maggiore successo tra la fine degli anni ’90 ed i primi dei 2000. Protagonista assoluto è Eikichi Onizuka, insegnante di 22 anni del liceo privato di Kissho con un passato da teppista di strada. Fondamentalmente Onizuka è un tipo buono, un ragazzo intelligente ma un po’ tontolone che, seppure ai quattro venti sbandieri il fatto che l’unico motivo che lo ha spinto ad insegnare sia “provarci con le studentesse”, in realtà è animato dal “sacro fuoco” dell’educatore.

Il manga, che non si discosta troppo dall’anime, è stato trasmesso in Italia per la prima volta da MTV dal 2002 al 2004 e poi successivamente da GXT e Coolton. La versione italiana, soprattutto quella andata in onda su MTV, era stata ampiamente censurata (specialmente  i dialoghi ed alcune scene considerate troppo sconce) perché abbondava le situazioni come dire, piccanti e scollacciate (per usare una terminologia da Rai democristiana anni Sessanta) tra l’insegnante e le varie studentesse. Tuttavia, nonostante qualche taglio di troppo, GTO (e la sua incredibile sigla iniziale) conquistò il pubblico e non c’è adolescente che non si ricordi “l’anime-night” di MTV con il classico episodio in Eikichi sgomina una banda di vandali in motocicletta, si traveste da Doraemon oppure, per aiutare una ragazza in crisi, sfonda con un martello la parete di camera sua per metterla direttamente in contatto con i genitori.

Fare qualcosa di riuscito per raccontare, anche in maniera esagerata ed assurda come nel caso di GTO, il mondo della scuola non è impresa facile. In Italia, giusto in quegli stessi anni, è andata in onda su Canale 5 (dal 2000 al 2001) una serie tv proprio ambientata fra i banchi e le lavagne: Sei forte maestro.

Sei forte maestro è la classica serie televisiva italiana dell’inizio degli anni Zero, ovvero caratterizzata da un miscuglio (a volte riuscito, il più delle volte meno) di ansia della modernità (il desiderio di raccontare sempre e comunque il mondo dei giovani anche se di questo mondo non si conosce proprio nulla) e la volontà di rimanere attaccati agli stili consueti del gusto mainstream, quindi le battutine leggere, le situazioni zuccherose e  i dialoghi a metà tra il posticcio e il simil-teatrale.

sei_forte_maestro_solfrizzi_de_laurentis  Via http://www.emiliosolfrizzi.com/

 

Sei forte maestro ruota attorno alla figura di Emilio, cito testualmente da Wikipedia “giovane maestro elementare” interpretato da Emilio Solfrizzi (che poi tanto giovane non era se si considera che all’epoca aveva 38 anni). Solfrizzi è un volto abbastanza noto sia della televisione come del cinema dato che, qualche anno prima faceva parte del cast di Selvaggi (il mitologico film dei fratelli Vanzina,  sino a poco tempo fa trasmesso, praticamente almeno una volta all’anno , su Italia 1 tanto da generare la frase “Ma l’anno scorso siamo tornati da Rimini prima o dopo la seconda replica di Selvaggi”) più varie comparsate televisive in tv in qualità di comico che si esprimeva in slang barese. Quindi Solfrizzi è un personaggio per carità riconoscibile ma non così noto (e che poi, a conti fatti, non avrà questa carriera eccezionale): bene questa sarà, a parte per qualche rarissima eccezione, una caratteristica di tutti gli interpreti di questa serie.

Basta scorrere il cast per rendersene conto:  Gaia De Laurentis che interpreta Barbara, l’insegnante di cui Emilio è innamorato, è sostanzialmente sparita dopo che, forse incarnando un tipo di bellezza abbastanza androgina tipica degli anni Novanta, aveva trovato la notorietà con la conduzione di Target. Ma anche Francesca Rettondini/Claudia, la “fiamma” del giovane maestro, all’epoca molto nota per essere la compagna di Alberto Castagna, non ha mai veramente sfondato nel mondo del cinema come del resto anche altri interpreti della serie.

Discorso a parte per i “big” di Sei forte maestro, ovvero Massimo Ciavarro, nel ruolo del Preside e “fidanzato in pectore” di Barbara e di un, sempre formidabile, Gastone Moschin che interpreta il padre di Emilio, ex dell’Arma e connotato da una rigida quanto bonaria declinazione verso la disciplina, ben coadiuvato da Valeria Fabrizi, sua moglie.  In questo caso le carriere degli attori citati, seppur non verranno rilanciate eccessivamente dalla partecipazione alla serie, non subiranno un brusco stop come quelle di altri.

Ma quale era la puntata tipo di Sei forte maestro? Solitamente la puntata si svolgeva in questo modo: vi era una trama principale, che solitamente coinvolgeva Emilio e le peripezie sentimentali con Barbara (il classico e asfissiante tira-e-molla all’italiana) su cui si inserivano tante micro-storie con protagonisti ora i personaggi comprimari ora, fatto questo molto interessane, i ragazzi.

c_46_articolo_557_upiimmaginebig  Via http://www.fiction.mediaset.it

 

Ed era proprio questo che, ai bambini che guardavano il programma, saltava di più agli occhi. Rispetto a serie dello stesso tema (ad esempio Caro maestro, di qualche anno prima sempre delle reti Mediaset, con protagonista, nientepopodimenoche, Marco Columbro ed Elena Sofia Ricci), in Sei forte maestro gli alunni la facevano da padrone, con tantissime scene con loro protagonisti e dove vi era un, va detto apprezzabile, sforzo di ricreare i dialoghi delle elementari. Non era una cosa comune, specie in una serie italiana, poter osservare dei bambini che, semplicemente, si comportavano come dei bambini e quindi potevano, senza quasi soluzione di continuità, essere bravi, cattivi, rubacchiare la merenda al compagno, spendersi in una buona azione improvvisa o esprimere un pensiero sorprendentemente complesso.

Ecco che allora, oltre agli orridi maglioni pesantissimi che sfoggiava maestro Emilio (quella scuola, invece di essere in Umbria, pareva stesse in qualche sperduta steppa siberiana), Sei forte maestro era bello da vedere perché parlava e si rivolgeva direttamente al suo pubblico principale ovvero i bambini. A questo proposito, circa sei anni fa, proprio a Terni dove era ambientata la serie, è stato organizzato una reunion del cast. E questa nostalgia per quelle puntate sì tutte uguali ma anche simbolo di un’età un po’ più tranquilla e pacata per tutti, deve aver fatto breccia. Infatti su Facebook si sprecano sul serio  i gruppi sulla serie, tanto che, qualche tempo fa, si adombrava l’idea di una possibile riproposizione in televisione (come in questo articolo).

giphy-8

 

Sia come sia, nonostante le evidente e marchiane differenze tra un anime e una serie tv, sia GTO che SFM si sono rivelati, a conti fatti, due architravi della nostra più o meno scalcagnata infanzia. Se Eikichi Onizuka è il maestro “che tutti quanti noi avremmo voluto essere”, Emilio è il maestro che “avremmo tutti potuti avere ma che forse non abbiamo avuto”. Infatti Emilio, nella sua assoluta normalità (ecco che si capisce bene come il “new-normal”  sia stato istituito molto prima del 2014) rappresentava l’insegnante perfetto: non troppo innovativo (tipo quei ridicoli prof che rappano su Dante pensando di essere moderni) ma neppure vetusto ed antiquato come gli insegnanti “gentiliani” di Amarcord di Fellini. Sei forte maestro rappresenta insomma una realtà possibile e alla portata di tutti: in senso lato, un partito riformista e aperto al centro. Che non sia questa la ricetta perfetta per, non solo educare, ma anche governare il nostro Paese?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >