TV e Cinema
di Sandro Giorello 18 Maggio 2016

Abbiamo visto Dov’è Mario? la nuova serie di Corrado Guzzanti e non è quello che ci aspettavamo

Niente sketch: è proprio una serie, con una trama, dei personaggi e uno stile di regia chiaro. E vi stupirà

Dov-è-mario-Guzzanti Mario-Bambea-Guzzanti dov'è mario corrado guzzanti Sky - Corrado Guzzanti

 

Il prossimo 25 maggio andrà in onda Dov’è Mario?la nuova serie tv di Corrado Guzzanti. Scritta dallo stesso Guzzanti insieme a Mattia Torre (già autore di Boris) e diretta da Edoardo Gabbriellini (che ha esordito facendo l’attore protagonista in Ovosodo di Virzì ma poi ha intrapreso anche la carriera da regista). È la prima serie comedy prodotta da Sky e arriva dopo un periodo di lavoro veramente lungo: per avere in mano i quattro episodi hanno dovuto aspettare più di quattro anni.

La prima notizia è che non sono degli sketch, più o meno collegati tra loro, come i soliti programmi di Guzzanti: è proprio una serie, con una trama, dei personaggi e uno stile di regia chiaro. La seconda è che Dov’è Mario? non è solo una serie tv comica ma mette insieme anche altri generi: aspira a far incontrare la saggistica con l’horror, così come il thriller con la stand-up comedy.

 

Mario-Bambea-Guzzanti dov'è mario corrado guzzanti Sky - Mario Bambea

 

Senza eccedere negli spoiler, Dov’è Mario? racconta la storia dell’intellettuale Mario Bambea che, dopo un violento incidente in macchina, esce dal coma e inizia a soffrire di disturbi di personalità: di giorno continua la sua vita di sempre – tra scrivere libri, occuparsi di critica d’arte e fare interventi in radio – ma la notte si trasforma in Bizio, un comico, di quelli romanacci e super volgari, che si esibisce in un pessimo locale per cabarettisti davanti a casa sua.

Tra i due personaggi – Mario e Bizio – sembra vincere il secondo. È una critica verso gli intellettuali snob che ormai non hanno più uno loro spazio né una loro dignità nella società di oggi. Quel mondo te lo descrive bene: c’è Santoro che va a trovarlo in ospedale, Floris e Mentana gli fanno gli auguri di guarigione in diretta e Travaglio è tra i primi a scoprire i sintomi della schizofrenia: “Mi ha detto porca di mignotta, ma con una r da coatto che non puoi capire”, commenta il giornalista.

 

 

L’idea che tutto si risolva in questo dualismo tra radical chic e radical trash non lo trovo poi così stimolante ma non sembra essere il punto centrale della serie. La cosa più importante sta nella bravura di Guzzanti nel creare dei protagonisti assolutamente credibili e veri che, mai come questa volta, sono decisamente lontani dall’essere semplici caricature. C’è un sentimento di tristezza e di solitudine che forse era emerso poco nei suoi programmi precedenti.

Di solito, per riuscirci, l’attore deve pescare nella propria intimità per rendere più umano ciò che sta interpretando. Ho chiesto delucidazioni a riguardo e Guzzanti mi ha risposto così: “Di me stesso ho messo l’esperienza, le cose che ho visto… I miei personaggi sono sempre un po’ dei Frankenstein che mettono insieme dei pezzi che forse neanche io riconosco. Nascono da notti insonni passate a guardare la tv: molti anni fa, prima ancora dell’epoca digitale o di quella satellitare, a Roma c’erano dei canali che trasmettevano degli show molto cruenti con dei comici molto volgari. E non lo erano perché dicevano le parolacce ma perché portavano in scena personaggi pieni di arroganza, era gente che costruiva gran parte della loro performance insultando la gente del pubblico o scrivendo battute davvero aggressive. Bizio nasce da questo tipo di mondo, insomma”.

 

 

E Mario, invece? “Mario nasce da un patchwork diverso” – risponde Guzzanti – “È un po’ la generazione di mio padre, mi ricordo che in casa nostra passavano personaggi molto affettuosi e caldi ma che, in realtà, erano del tutto spietati, saccenti e snob. A questi ho aggiunto dei pezzi di quegli altri intellettuali, quelli che oggi vediamo spesso in televisione, ed ho ottenuto Mario Bambea. Che non è un mostro, abbiamo scelto di non estremizzarlo troppo. È pur sempre un essere umano”.

Con Dov’è Mario? non si ride così tanto e forse questa lieve tensione da thriller è persino fastidiosa, ma i personaggi sono molto belli – non solo i due protagonisti, tutto il cast funziona alla grande – e la storia promette sviluppi che vanno oltre il semplice gioco Dr. Jekyll/Mr Hyde.

P.S. per i fan: a breve dovrebbe arrivare – sempre su Sky – un commento di Aniene a Game Of Thrones. Fossi in voi non me lo perderei.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >