enrico papi sarabanda
TV e Cinema
di Simone Stefanini 14 Ottobre 2016

Compie 19 anni Sarabanda, il gioco musicale più allucinante della tv italiana

Gli anni ’90 e il gioco della musica in tv, quello che ha fatto cantare tutta l’Italia e che ha creato mostri che non potremo dimenticare mai

uomo-gatto enrico papi sarabanda youtube - Una sfida epocale

 

Era il 13 ottobre 1997, quando la trasmissione Sarabanda, in onda su Italia Uno e condotta da Enrico Papi, cambiava pelle e dopo un anno passato in versione varietà televisivo, diventava il gioco a premi che tutti abbiamo conosciuto. Siamo dunque negli anni della depressione naif, quella arrivata dopo i favolosi anni ’80 e poco prima della crisi mondiale.

In quel tempo (come direbbe l’evangelista Giovanni) in America era tutto un sobbollire di depressione gridata agli schermi di MTV, che raccoglieva le istanze del giovane Kurt Cobain e le restituiva al mondo incredulo.

In Italia invece, indietro di almeno 5 anni sulle cose della vita, si respirava sempre un clima di festa di paese, ben corroborato dalla messa in onda di Non è la Rai, del Karaoke di Fiorello e di tutte le altre trasmissioni che hanno favorito la scesa in campo di Silvio Berlusconi.

Mediaset cavalcava i primi vagiti di quella nostalgia infondata che è diventata il marchio di fabbrica dei millennials. Si pensi al testo de Gli anni degli 883: un giovane che rimpiange i tempi di quando era più giovane.

Fatto un rapido affresco del contesto, inoltriamoci nello specifico con una parola: mooooseca!

 

enrico papi sarabanda playstationforum

 

Enrico Papi, già principe dei paparazzi televisivi, faccia da studente di ingegneria che non vuol fare un cazzo, sorriso stampato in faccia, gel per capelli, occhio furbo. La parlantina che non si ferma mai.

Viene scelto per presentare Sarabanda e diventerà il suo più grande successo televisivo. In quel contesto, Papi è perfettamente a suo agio: canta, balla, fa il mattatore e inventa una nuova lingua tutta sua che però in breve entrerà nel vocabolario degli italiani del tempo e che viene lodata ancora oggi in una pagina Facebook ad hoc: Diventare ignoranti guardando Sarabanda con Enrico Papi.

 

 

Il gioco consisteva in una battaglia tra geni e folli, che dovevano indovinare le canzoni da alcuni indizi a dir poco esigui. Il Countdown, il Pentagramma, il Gong, i Sessanta secondi.

Due erano i giochi che lasciavano il pubblico col fiato sospeso: l’Asta musicale e il 7×30. Nel primo, i concorrenti partecipavano a un’asta al ribasso con le note della canzone, fino ad arrivare a veri e propri miracoli. Esempio tipico:

Papi – Dieci note a vostra disposizione, l’asta è aperta!

Concorrente XLa indovino con una!

[fa diesis a caso]

Concorrente XÈ chiaramente “Suggestioni di un ritorno in campagna” del Banco del Mutuo Soccorso, tratta da Garofano Rosso, pubblicato nel febbraio del 1976

Pubblico in sala e a casaSconcerto! Prodigio! Giubilo! Trionfo!

 

enrico papi sarabanda  giphy - L’Uomo Gatto la indovina con una

 

Il 7×30 era il gioco finale, il duello tra i due concorrenti finalisti per diventare campioni ed eventualmente vincere il montepremi finale. Una sfida epica in cui i due dovevano indovinare in men di 30 secondi 7 canzoni, dalla più semplice tipo Terra Promessa di Eros a quella impossibile, tipo un’oscura b-side in giapponese di un pezzo di Alberto Fortis, pezzo da lui stesso rinnegato.

Un gioco che riusciva a tenere tutta l’Italia col fiato sospeso e che ha regalato performance veramente sovrumane, come quella che vi mostriamo qui sotto.

 

Già, i concorrenti. Qualcuno lo ricorderete senz’altro, tipo il mitico Uomo Gatto, vero simbolo del programma. Papi era solito dare dei soprannomi ai concorrenti, facendoli diventare veri e propri supereroi, col costume e tutto. Una pratica che sulle prime sembrava curiosa, ma che alla lunga si rivelò troppo troppo infantile persino il pubblico di Italia Uno. Qualche nome: Fragolone, Ciuri Ciuri, Tiramisù, Testina, Allegria, Pikachu, Coccinella, Denghiu, Professore, Funghetto.

 

Il gioco s’ispirava a quelli ben più seriosi dei primi anni ’60, come Il Musichiere di Mario Riva e presentava più di una similitudine con Furore di Alessandro Greco, quiz musicale di Rai Due.

Sarabanda però, a differenza dei vari programmi di genere, è diventato un fenomeno di massa come mai prima e mai poi, un gioco in cui la musica era davvero presente, nonostante tutti gli artifici che tenevano in piedi lo show e che poi l’hanno portato alla chiusura.

Oggi sarebbe possibile un programma del genere, che unisce il trash a 24 carati con la musica? In molti dicono di no, che la tv è morta e che tutto è in mano agli Youtuber, ma se proprio un Rovazzi qualunque ha scalato ogni classifica col suo Andiamo a comandare e ne ha fatto un tormentone transgenerazionale, ascoltato dai nonni ai bambini, allora è chiaro che nulla è perduto per gli amanti della spazzatura.

Ma intanto che fine ha fatto Enrico Papi? Ultimamente l’abbiamo visto concorrere all’undicesima edizione di Ballando con le stelle e alla sesta edizione di Tale e Quale Show, tutti sulla Rai.

Allo show di Carlo Conti interpreta proprio Fabio Rovazzi. E se non è karma questo…

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >