La Grande Bellezza torna al cinema con 30 minuti di scene inedite

Paolo Sorrentino a ruota libera sul suo cinema e sulla sua serie tv The Young Pope

Paolo Sorrentino e il Vaticano deejay tv - Paolo Sorrentino e il Vaticano

 

La grande bellezza è il film che ha regalato il Premio Oscar a Paolo Sorrentino nel 2014, come sapete tutti. Non è il suo ultimo film, in seguito ha girato Youth (2015) e sta attualmente finendo di lavorare a The Young Pope, una miniserie tv che andrà in onda su Sky Atlantic nell’ottobre di quest’anno. Perché allora parliamo di nuovo dell’epopea di Jep Gambardella (Toni Servillo) alle prese con una Roma onirica e squallida allo stesso tempo?

Presto detto: lunedì 27, martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il film tornerà di nuovo nelle sale italiane con l’aggiunta di 30 minuti di scene inedite in più, nelle quali potremmo vedere un anziano regista mentre spiega a Jep che il suo incanto più grande è stato vedere l’accensione del primo semaforo a Milano (nel 1925), oppure Fiammetta Baralla che interpreta la madre di Sabrina Ferilli, o ancora un altro semaforo, per niente incantato, incontrato da Gambardella nel mezzo della natura, che non svolge nessuna funzione di regolamentazione del traffico.

Così ha detto Paolo Sorrentino, intervistato da Paolo Mereghetti all’interno della rassegna Parlare di Cinema a Castiglioncello. Un luogo, quello sulla costa livornese, che in passato ha ospitato le ville di Alberto Sordi e di Marcello Mastroianni, in cui poco più lontano è stata girata la famosa scena de Il sorpasso. Una cittadina che vive anch’essa di una grande bellezza ormai quasi dimenticata.

 

Una foto pubblicata da @simonestefanini in data:

 

Sono stati molti gli spunti interessanti venuti fuori d questa chiacchierata. Sorrentino si dichiara disadattato, come ogni regista che sceglie di fare un lavoro che lo possa portare ad aggrapparsi a un’altra vita. Ad oggi, il regista non vede più molti film nuovi, specialmente mentre gira. Preferisce guardare e riguardare i suoi preferiti, che sono L’uomo che amava le donne di Truffaut, quelli di Fellini e di Scorsese e Tempesta di ghiaccio di Ang Lee, che definisce un didattico della sceneggiatura.

Quando si parla dell’Oscar, ammette con modestia e ironia di aver avuto il timore che ogni suo film fosse l’ultimo e di aver vissuto l’ambito trofeo come la garanzia di poterne girare almeno un altro. Qualcuno dal pubblico gli chiede quale attore italiano, secondo lui, avrebbe dovuto vincere l’Oscar e Sorrentino non ha dubbi: Gian Maria Volonté, ma anche Ugo Tognazzi e Marcello Mastroianni.

 

jep-gambardella letteratura.rai.it - Yep Gambardella / Toni Servillo

 

E de La grande bellezza, a qualche anno di distanza? “Il pubblico si è diviso in due: i disonesti hanno detto che quella società non esiste, gli onesti invece hanno detto che sono stato troppo buono nel rappresentarla. Se un giorno dovessi fare un sequel di quel film, mi addentrerei di più nella degenerazione di quel mondo. Ma poi non lo so, perché tutto il degrado che mostro nel film, fa parte di un disagio e su quel disagio bisogna porre uno sguardo benevolo e trovare una sua coerenza estetica.”

Visto l’impegno che si è assunto nel raccontare la storia del giovane papa americano in The Young Pope, una delle domande più telefonate riguarda proprio il suo rapporto con la fede, ma lui dice ridendo di non averci ancora pensato, perché ha sempre dei traumi da risolvere quando a 14 anni è stato costretto a fare il liceo coi preti. Della serie tv invece ancora non parla, è troppo presto, non l’ha ancora metabolizzata a sufficienza.

 

La domanda che merita il premio Pulitzer però arriva non dal famoso critico, bensì da una signora del pubblico: Paolo Sorrentino lo sa che esistono altri attori diversi da Toni Servillo?
“Sì, ne sono al corrente, ci sono tanti attori italiani bravi. Solo che ho sempre fatto film in cui l’età del protagonista corrispondeva all’età di Toni Servillo e per comodità ho usato lui, abbiamo un’intesa molto facile che mi consente di lavorare meno. Si confà benissimo con la mia pigrizia perché capisce in anticipo quello che voglio. Un altro attore con cui mi piacerebbe lavorare è Sergio Castellitto

Finisce l’incontro con un lapsus di Mereghetti, che saluta Paolo Sorrentino chiamandolo Toni Servillo, facendo scoppiare a ridere tutti i presenti. La grande bellezza è anche questo.

 

tumblr_n05ih9DN3x1rdqbfro1_500

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >