Il Grande Fratello di Barbara D’Urso e la voglia di toccare il fondo per vedere com’è

Il Grande Fratello di Barbara D’Urso è il finale di stagione della vita vera

 

Non ha senso nel 2018 guardare il Grande Fratello. Iniziamo sottolineando l’ovvio, che proprio ovvio non è, dal momento che nonostante il mezzo flop, il programma più trash di tutti i palinsesti è stato guardato da 3 milioni e 600 mila persone, molte delle quali hanno diritto di voto.

Alla conduzione è tornata Barbara D’Urso, sinonimo di televisione zeppa di casi umani creati ad arte, lontana millenni dalla leggerezza  e dalla serietà della Daria Bignardi del primo sperimento sociale di convivenza tra sconosciuti sotto l’occhio vigile delle telecamere.

Dall’avvento dei social, siamo abituati a spiare la gente. Se conosciamo qualcuno, il giorno dopo andiamo a guardare tutte le sue foto su Facebook o Instagram e leggiamo i post per capire se c’interessa o no, seguiamo vip e rispondiamo ai loro status come fossero amici di vecchia data, facciamo gli screenshot dei post o delle foto proibite, guardiamo quando sono online i nostri contatti per capire se ci hanno snobbato volontariamente, ci dichiariamo, ci scanniamo e facciamo sesso a distanza, quindi la componente novità è già morta da almeno 10 anni.

In più, questo nuovo Grande Fratello ha alzato ancora l’asticella del brutto, inserendo nella casa oltre ai soliti bonazzi palestrati che staranno senza maglietta h24 per tutta la durata della trasmissione e alle aspiranti veline che nel 2018 manco trovano più un lavoro part time a Mediaset, oltre al personaggio dalla sessualità dibattuta e a quello di etnia diversa dalla nostra, anche i semi vip: fratelli, cugini, nuore, ex di qualche persona che è diventata famosa per meriti propri, personali, non trasferibili. Vip, raccomandati e persone normali, pronti a sfoggiare perle di ignoranza che ormai neanche la Gialappa’s ci ride più sopra.

Perché quasi quattro milioni di elettori  danno corda e spazio mentale a tutta questa varia umanità, pensionata da anni dal buon gusto e dal buon senso? Le soluzioni sono tante: la nostalgia per il ventennio Berlusconi, l’ammirazione sincera per Barbara D’Urso, la necessità di criticare persone nuove prima sbraitando davanti alla tv e poi continuando sui social. Per finire, la necessità di toccare il fondo.

Come hanno insegnato molte scelte politiche non solo italiane degli ultimi anni, quando gli elettori sono chiamati ad esprimere la propria opinione in un momento di crisi, hanno il desiderio del caos, sono presi dalla sindrome di Ofelia e si scoprono depressi, guerrafondai, giustizialisti, abbrutiti. C’è chi tenta di risalire la china e chi è curioso di scoprire a che livello di bassezza si trovi il fondo, come se la propria caduta fosse una serie tv da guardare tutta d’un fiato fino al finale di stagione.

Ecco cos’è il Grande Fratello di Barbara D’Urso nel 2018: il finale di stagione della vita vera.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >