10 motivi per cui Holly e Benji è entrato nel mito (e non ne uscirà mai)

Il campo infinito, i tiri impossibili e tutte le altre cose che ci hanno fatto innamorare del cartone animato giapponese sul calcio

holly-benji Youtube

 

Compie 32 anni la prima puntata trasmessa in Italia di Holly e Benji, il cartone animato sul calcio tratto dal manga Captain Tsubasa di Yoichi Takashi. Poche storie, l’abbiamo visto tutti e ce ne siamo innamorati. Le partite che duravano settimane, il campo in salita e lungo come il Canada, la folla oceanica negli stadi per vedere una partitella juniores, i tiri incredibili e quel titolo, Holly e Benji, che in realtà è un po’ una forzatura, perché il cartone seguiva le avventure di Oliver Hutton, l’attaccante e molto meno quelle di Benjamin Price, il portiere.

Oggi vogliamo rinfrescarvi la memoria sul perché quel cartone era e rimane mitico, a tratti mitologico.

 

10) La sigla originale italiana

Niente a che vedere col rifacimento di Cristina D’Avena. I veri fan di Holly e Benji conoscono a memoria questa, scritta da due giganti delle sigle tv come Augusto Martelli e Alessandra Valeri Manera e cantata dal piccolo Paolo nel 1986. Ed è subito na na na na na na na.

 

9) Il campo lungo 18 km e i giocatori super veloci

holly-e-benji-dimensioni-terreno-di-gioco darlin.it

Secondo alcuni studi scientifici, una ricercatrice italiana ha stabilito che il terreno di gioco del cartone animato misurava 18 km di lunghezza e 5 km di larghezza. I giocatori correvano 250 km a partita e a volte raggiungevano la velocità di 150 km/h. Praticamente come la Juve ai tempi di Moggi, Giraudo e Bettega.

 

8) Questa parodia

Sarò di parte, ma il doppiaggio del Nido del Cuculo, con un giovane Paolo Ruffini, del noto cartone giapponese mi ha fatto venire gli addominali a tartaruga dalle risate.

 

7) La catapulta infernale dei gemelli Derrick

Ma cosa fanno i gemelli Derrick? Dopo aver creato il tiro incrociato, con tanto di volo sulla traversa di uno dei due, eccoli nuovamente in un gioco di prestigio atletico e balistico, che solo loro possono fare, forse perché hanno un dente solo in bocca, chissà.

 

6) Il tiro della tigre di Mark Lenders e il contro tiro di Holly Hutton

Mark Lenders era il più amato dalle donne. Bello, dannato e con le spalle in bella vista. Il suo Tiro della Tigre diventava talmente veloce da essere classificato come arma di distruzione di massa in una risoluzione dell’ONU. Quando Holly riesce a neutralizzarlo con un contro tiro al volo, non solo segna, ma spacca rete e muro. Con tutta probabilità, in un secondo momento gli hanno sostituito il piede.

 

5) Roberto Baggio

L’Italia andava forte nei tardi anni ’80 e anche Holly e Benji tributa il giusto onore al nostro più grande campione, Roberto Baggio. Che in questa mitica sequenza diventa, per un eccesso di indulgenza nella scelta del doppiatore, Robbertobbaggio.

 

4) I veri calciatori giapponesi che provano il tiro doppio

Holly e Tom Becker riuscivano a colpire la palla al volo nello stesso momento, in modo da dare il doppio della potenza al tiro. Ci hanno provato anche in real life  Takahiro Ogihara e Hotaru Yamaguchi, due giocatori della serie A giapponese e incredibilmente ci sono riusciti, regalando un sogno a milioni di fan.

 

3) Le 8 statue dei personaggi a Tokyo

Tom_Becker1 screenweek.it

A Tokyo, nel quartiere di Katsushika Ku ci sono 8 statue dei protagonisti del cartone, sparse per le strade. Se siete da quelle parti, vi sfidiamo a trovarle tutte.

 

2) Il fuorigioco spiegato a chi non ha mai seguito il calcio

Roberto Sedinho è il maestro di vita, l’ex calciatore con lo sguardo trombino che dal Brasile è arrivato in Giappone per insegnare a questi pischelli come si gioca a pallone. Tra le tante cose Sante che ha fatto, ha anche svolto una lezione su come funziona il fuorigioco, ad uso e consumo di quelle persone che non c’hanno mai capito una mazza.

 

1) Holly che schianta gli avversari a pallonate fotoniche

Momento storico: Holly Hutton tira certe fiammate che spaccano gli organi interni agli avversari, che si immolano come giocatori del biliardino e che verosimilmente finiranno tutti in prognosi riservata. Sono tiri talmente violenti che la loro traiettoria ha la scia luminosa come un meteorite o una cometa. L’ultimo tiro manda il difensore direttamente in porta (e in prognosi riservata).

 

Bonus: Il povero Julian Ross e la sua invalidante malattia

 corrieredellosport.it

Una preghiera per lui e per la sua famiglia. Però suvvia, se sei malato di cuore non dovresti correre 250 km a partita, lo dice anche Studio Aperto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >