10 motivi per cui Holly e Benji è entrato nel mito (e non ne uscirà mai)

Il campo infinito, i tiri impossibili e tutte le altre cose che ci hanno fatto innamorare del cartone animato giapponese sul calcio

holly-benji Youtube

 

Compie 32 anni la prima puntata trasmessa in Italia di Holly e Benji, il cartone animato sul calcio tratto dal manga Captain Tsubasa di Yoichi Takashi. Poche storie, l’abbiamo visto tutti e ce ne siamo innamorati. Le partite che duravano settimane, il campo in salita e lungo come il Canada, la folla oceanica negli stadi per vedere una partitella juniores, i tiri incredibili e quel titolo, Holly e Benji, che in realtà è un po’ una forzatura, perché il cartone seguiva le avventure di Oliver Hutton, l’attaccante e molto meno quelle di Benjamin Price, il portiere.

Oggi vogliamo rinfrescarvi la memoria sul perché quel cartone era e rimane mitico, a tratti mitologico.

 

10) La sigla originale italiana

Niente a che vedere col rifacimento di Cristina D’Avena. I veri fan di Holly e Benji conoscono a memoria questa, scritta da due giganti delle sigle tv come Augusto Martelli e Alessandra Valeri Manera e cantata dal piccolo Paolo nel 1986. Ed è subito na na na na na na na.

 

9) Il campo lungo 18 km e i giocatori super veloci

holly-e-benji-dimensioni-terreno-di-gioco darlin.it

Secondo alcuni studi scientifici, una ricercatrice italiana ha stabilito che il terreno di gioco del cartone animato misurava 18 km di lunghezza e 5 km di larghezza. I giocatori correvano 250 km a partita e a volte raggiungevano la velocità di 150 km/h. Praticamente come la Juve ai tempi di Moggi, Giraudo e Bettega.

 

8) Questa parodia

Sarò di parte, ma il doppiaggio del Nido del Cuculo, con un giovane Paolo Ruffini, del noto cartone giapponese mi ha fatto venire gli addominali a tartaruga dalle risate.

 

7) La catapulta infernale dei gemelli Derrick

Ma cosa fanno i gemelli Derrick? Dopo aver creato il tiro incrociato, con tanto di volo sulla traversa di uno dei due, eccoli nuovamente in un gioco di prestigio atletico e balistico, che solo loro possono fare, forse perché hanno un dente solo in bocca, chissà.

 

6) Il tiro della tigre di Mark Lenders e il contro tiro di Holly Hutton

Mark Lenders era il più amato dalle donne. Bello, dannato e con le spalle in bella vista. Il suo Tiro della Tigre diventava talmente veloce da essere classificato come arma di distruzione di massa in una risoluzione dell’ONU. Quando Holly riesce a neutralizzarlo con un contro tiro al volo, non solo segna, ma spacca rete e muro. Con tutta probabilità, in un secondo momento gli hanno sostituito il piede.

 

5) Roberto Baggio

L’Italia andava forte nei tardi anni ’80 e anche Holly e Benji tributa il giusto onore al nostro più grande campione, Roberto Baggio. Che in questa mitica sequenza diventa, per un eccesso di indulgenza nella scelta del doppiatore, Robbertobbaggio.

 

4) I veri calciatori giapponesi che provano il tiro doppio

Holly e Tom Becker riuscivano a colpire la palla al volo nello stesso momento, in modo da dare il doppio della potenza al tiro. Ci hanno provato anche in real life  Takahiro Ogihara e Hotaru Yamaguchi, due giocatori della serie A giapponese e incredibilmente ci sono riusciti, regalando un sogno a milioni di fan.

 

3) Le 8 statue dei personaggi a Tokyo

Tom_Becker1 screenweek.it

A Tokyo, nel quartiere di Katsushika Ku ci sono 8 statue dei protagonisti del cartone, sparse per le strade. Se siete da quelle parti, vi sfidiamo a trovarle tutte.

 

2) Il fuorigioco spiegato a chi non ha mai seguito il calcio

Roberto Sedinho è il maestro di vita, l’ex calciatore con lo sguardo trombino che dal Brasile è arrivato in Giappone per insegnare a questi pischelli come si gioca a pallone. Tra le tante cose Sante che ha fatto, ha anche svolto una lezione su come funziona il fuorigioco, ad uso e consumo di quelle persone che non c’hanno mai capito una mazza.

 

1) Holly che schianta gli avversari a pallonate fotoniche

Momento storico: Holly Hutton tira certe fiammate che spaccano gli organi interni agli avversari, che si immolano come giocatori del biliardino e che verosimilmente finiranno tutti in prognosi riservata. Sono tiri talmente violenti che la loro traiettoria ha la scia luminosa come un meteorite o una cometa. L’ultimo tiro manda il difensore direttamente in porta (e in prognosi riservata).

 

Bonus: Il povero Julian Ross e la sua invalidante malattia

 corrieredellosport.it

Una preghiera per lui e per la sua famiglia. Però suvvia, se sei malato di cuore non dovresti correre 250 km a partita, lo dice anche Studio Aperto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >