TV e Cinema
di Simone Stefanini 9 Novembre 2018

I 100 film non in lingua inglese più importanti della storia

Tutti i film girati in lingua non inglese che sono entrati a pieno diritto nella storia del cinema

BBC Culture ha pubblicato spesso sondaggi svolti da critici cinematografici, con l’obiettivo di stilare una classifica dei film più belli dell’ultimo secolo, quelli più belli di Hollywood in generale e così via. Dopo tante pellicole anglofone, è giunto il momento di parlare dei film del resto del mondo, quelli non in cui non si parla inglese. Qui sotto vedete la classifica dei 100 film non in lingua inglese più belli della storia.

Il risultato sono 100 film diretti da 67 registi diversi, provenienti da 24 paesi e girati in 41 lingue differenti. Vince la Francia che piazza 27 film in classifica, seguita dalla Cina con 12 e da Giappone e Italia con 11. Nonostante alcune mancanze di rilievo (non c’è nessun film di Takeshi Kitano, Jean Cocteau o Elio Petri, per dirne tre), questa classifica è un bel compendio per guardare tutti quei capolavori che non avete mai visto e che fanno parte della storia del cinema.

 

100. Paesaggio nella nebbia (Theo Angelopoulos, 1988)
99. Cenere e diamanti (Andrzej Wajda, 1958)
98. Giorni di sole cocente (Jiang Wen, 1994)
97. Il sapore della ciliegia (Abbas Kiarostami, 1997)
96. Shoah (Claude Lanzmann, 1985)
95. Floating Clouds (Mikio Naruse, 1955)
94. Dov’è la casa del mio amico? (Abbas Kiarostami, 1987)
93. Lanterne rosse (Zhang Yimou, 1991)

92. Scene da un matrimonio (Ingmar Bergman, 1973)
91. Rififi (Jules Dassin, 1955)
90. Hiroshima Mon Amour (Alain Resnais, 1959)
89. Il posto delle fragole (Ingmar Bergman, 1957)
88. Zangiku Monogatari (Kenji Mizoguchi, 1939)
87. Le notti di Cabiria (Federico Fellini, 1957)
86. La Jetée (Chris Marker, 1962)
85. Umberto D (Vittorio de Sica, 1952)
84. Il fascino discreto della borghesia (Luis Buñuel, 1972)
83. La Strada (Federico Fellini, 1954)

82. Il favoloso mondo di Amélie (Jean-Pierre Jeunet, 2001)
81. Celine and Julie vanno in barca (Jacques Rivette, 1974)
80. I figli della violenza (Luis Buñuel, 1950)
79. Ran (Akira Kurosawa, 1985)
78. La tigre e il dragone (Ang Lee, 2000)
77. Il conformista (Bernardo Bertolucci, 1970)
76. Y Tu Mamá También (Alfonso Cuarón, 2001)
75. Bella di giorno (Luis Buñuel, 1967)

74. Il bandito delle undici (Jean-Luc Godard, 1965)
73. L’uomo con la macchina da presa (Dziga Vertov, 1929)
72. Ikiru (Akira Kurosawa, 1952)
71. Happy Together (Wong Kar-wai, 1997)
70. L’Eclisse (Michelangelo Antonioni, 1962)

69. Amour (Michael Haneke, 2012)
68. I racconti della pallida luna d’agosto (Kenji Mizoguchi, 1953)
67. L’angelo sterminatore (Luis Buñuel, 1962)
66. La paura mangia l’anima (Rainer Werner Fassbinder, 1973)
65. Ordet (Carl Theodor Dreyer, 1955)
64. Film blu (Krzysztof Kieślowski, 1993)

63. Xiǎochéng zhī chūn (Fei Mu, 1948)
62. Touki Bouki (Djibril Diop Mambéty, 1973)
61. L’intendente Sansho (Kenji Mizoguchi, 1954)
60. Il disprezzo (Jean-Luc Godard, 1963)

59. Và e vedi (Elem Klimov, 1985)
58.I gioielli di madame De… (Max Ophüls, 1953)
57. Solaris (Andrei Tarkovsky, 1972)
56. Hong Kong Express (Wong Kar-wai, 1994)
55. Jules e Jim (François Truffaut, 1962)

54. Mangiare bere uomo donna (Ang Lee, 1994)
53. Tarda primavera (Yasujirô Ozu, 1949)
52. Au Hasard Balthazar (Robert Bresson, 1966)
51. The Umbrellas of Cherbourg (Jacques Demy, 1964)
50. L’Atalante (Jean Vigo, 1934)
49. Stalker (Andrei Tarkovsky, 1979)
48. Viridiana (Luis Buñuel, 1961)
47. 4 mesi, 3 settimane e 2 giorni (Cristian Mungiu, 2007)
46. Amanti perduti (Marcel Carné, 1945)
45. L’Avventura (Michelangelo Antonioni, 1960)

44. Cleo dalle 5 alle 7 (Agnès Varda, 1962)
43. Beau Travail (Claire Denis, 1999)
42. City of God (Fernando Meirelles, Kátia Lund, 2002)
41. Vivere! (Zhang Yimou, 1994)
40. Andrej Rublev (Andrei Tarkovsky, 1966)
39. Close-Up (Abbas Kiarostami, 1990)
38. A Brighter Summer Day (Edward Yang, 1991)
37. La città incantata (Hayao Miyazaki, 2001)

36. La Grande Illusione (Jean Renoir, 1937)
35. Il gattopardo (Luchino Visconti, 1963)
34. Il cielo sopra Berlino (Wim Wenders, 1987)
33. Playtime (Jacques Tati, 1967)
32. Tutto su mia madre (Pedro Almodóvar, 1999)

31. Le vite degli altri (Florian Henckel von Donnersmarck, 2006)
30. Il settimo sigillo (Ingmar Bergman, 1957)
29. Oldboy (Park Chan-wook, 2003)
28. Fanny e Alexander (Ingmar Bergman, 1982)
27. Lo spirito dell’alveare (Victor Erice, 1973)
26. Nuovo Cinema Paradiso (Giuseppe Tornatore, 1988)
25. Yi Yi (Edward Yang, 2000)
24. La corazzata Potemkin (Sergei M Eisenstein, 1925)
23. La passione di Giovanna D’Arco(Carl Theodor Dreyer, 1928)

22. Il labirinto del fauno (Guillermo del Toro, 2006)
21. Una separazione (Asghar Farhadi, 2011)
20. Lo specchio (Andrei Tarkovsky, 1974)
19. La battaglia di Algeri (Gillo Pontecorvo, 1966)
18. Città dolente (Hou Hsiao-hsien, 1989)
17. Aguirre, furore di Dio (Werner Herzog, 1972)
16. Metropolis (Fritz Lang, 1927)

15. Il lamento sul sentiero (Satyajit Ray, 1955)
14. Jeanne Dielman (Chantal Akerman, 1975)
13. M – il mostro di Dusseldorf(Fritz Lang, 1931)
12. Addio mia concubina (Chen Kaige, 1993)
11. Fino all’ultimo respiro (Jean-Luc Godard, 1960)
10. La Dolce Vita (Federico Fellini, 1960)
9. In the Mood for Love (Wong Kar-wai, 2000)

8. I 400 colpi (François Truffaut, 1959)
7. 8 1/2 (Federico Fellini, 1963)

6. Persona (Ingmar Bergman, 1966)
5. La regola del gioco (Jean Renoir, 1939)
4. Rashomon (Akira Kurosawa, 1950)
3. Viaggio a Tokyo (Yasujirô Ozu, 1953)
2. Ladri di biciclette (Vittorio de Sica, 1948)
1. I sette Samurai (Akira Kurosawa, 1954)

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
40,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >