TV e Cinema
di Eva Cabras 17 Aprile 2015

I film horror trash perfetti per la maratona di Venerdì 17

Quale giorno migliore di Venerdì 17 per guardare una maratona di film horror trash?

Oggi è venerdì 17. I più superstiziosi saranno da ore intenti a fare scongiuri e spargere cornetti rossi portafortuna per tutta la casa, sperando che la sfiga decida di portare altrove il suo carico di malevoli eventi. Per coloro che alla sfiga ci credono fino a certo punto, venerdì 17 può sembrare semplicemente l’inizio del fine settimana, ma perché non approfittare della data tanto temuta per fare una bella maratona di film horror? Ma spingiamoci ancora oltre. Perché non fare una bella maratona di film horror trash improbabili con personaggi assurdi, animali pazzeschi e trame al limite dell’immaginabile? Così, per movimentare un po’ le cose.

Di seguito trovate una lista, assolutamente parziale, di film horror trash che definire strani sarebbe un mero eufemismo. Se avete il gusto per l’eccentrico queste splendide opere sapranno saziare la vostra fame e se volete semplicemente farvi due risate con budella finte ed eroi di cartapesta troverete certamente qualcosa con cui divertirvi. Ecco la lista dei film horror trash più adatti alla maratona di venerdì 17.

Splatters – Gli schizzacervelli (1992)

Prima di diventare un pezzo grosso di Hollywood, Peter Jackson si divertiva a fare film favolosamente trash, pieni di personaggi grotteschi e con fiumi di sangue a ricoprire ogni cosa. Vi piacciono le interiora di zombie? In questo film ce ne sono a bizzeffe!

Il ritorno dei pomodori assassini (1978)

Avere paura di zombie e serial killer non basta più. Adesso dovete aver timore anche della vostra pomarola preferita, perché dietro un pomodoro può nascondersi un mostro. Perché vi propongo il sequel e non il primo film? Semplice, perché nel secondo capitolo della serie c’è un giovane e cotonato George Clooney.

Surf Nazis Must Die (1987)

Non ci crederete, ma questa perla trash a tema nazi-horror ha partecipato al Festival del Cinema di Cannes. Fatto con un budget presumibilmente inferiore ai 10 euro, il film è diventato ben presto un cult e non sarebbe davvero possibile negargli tale definizione.

Zombies Vs. Strippers (2012)

Quando l’apocalisse zombie scoppia in città, il posto migliore per rifugiarsi e attendere la morte è un sordido strip club frequentato da personaggi equivoci. Sangue e tette, l’accoppiata vincente per ogni horror trash che si rispetti.

Zombie Ass: Toilet of the Dead (2011)

Volete ancora zombie? Eccovi accontentati. Ci spostiamo in Giappone, patria di alcuni dei film più deliranti mai lontanamente immaginati, e proprio lì troviamo Zombie Ass. Il contagio stavolta avviene tramite un parassita del pesce, che lentamente si appropria del colon ospitante. Il resto non si può spiegare a parole, è pura poesia trash.

Tokio Gore Police (2008)

Il Giappone non ci delude mai, tanto meno per quanto riguarda i film horror trash. Tokio Gore Police è ambientato nel futuro, è una specie di fanta-poliziesco ad alto tasso di violenza e squartamenti, trasformazioni cibernetiche e una storia commovente di vendetta a fare da collante. Imperdibile.

Paganini Horror (1989)

La presenza della meravigliosa Daria Nicolodi rende ancora più strano un film che a prima vista sembrerebbe girato con i piedi. Totalmente sconclusionato e con effetti speciali commoventi per la loro bruttezza, Paganini Horror tocca picchi di trash trascendentali. Italians do it better.

Zombeavers (2014)

Zombie e castori, un abbinamento clamoroso e vincente. Il film s’inserisce nel filone della new wave dell’horror trash capitanato dalla casa di produzione The Asylum (quella di Sharknado) e vivacizza con creature improbabili quella che sarebbe stata altrimenti la solita commedia scema con il killer psicopatico.

Scannati Vivi (2004)

Lo slasher movie portato ai massimi livelli dell’incomprensibile. Personaggi folli incorniciati da una storia alla Non aprite quella porta, ma talmente assurda da rasentare la perfezione. Budget inesistente e incassi limitati ai 10 euro spesi da me medesima per il dvd di questo esempio folgorante di genio trash.

La croce dalle sette pietre (1987)

Meglio noto come Il lupo mannaro contro la camorra e chiudiamo col botto. Quando il poliziesco maccheronico incontra gli effetti “speciali” dell’horror trash nasce un tripudio di perplessità e recitazione negativamente sbalorditiva. In poche parole, un capolavoro.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >