Le 10 peggiori imprecazioni e fuori onda della televisione italiana

Le parolacce in tv non si dicono, altrimenti poi vai a finire in una lista come questa

Amadeus si24.it - Amadeus raggiunto dal tapiro

 

In tv non si possono dire le parolacce. Non è che sia la scoperta dell’acqua calda, tanto più se si parla di televisione di stato, di fascia protetta, di nonne e bambini che guardano. Figuriamoci poi se le imprecazioni sono bestemmie o battute allusive, sessuali. Si va subito nel penale e soprattutto su YouTube. Dev’essere una brutta sensazione quando stai facendo lo splendido in televisione e poi ti capita di spararla grossa, com’è successo nei giorni scorsi a Fiorello o Amadeus. Vieni subito raggiunto dal fantasma di Striscia la notizia, di Blob, delle condivisioni di quei maledetti dell’internet e la tua fama, finora immacolata, viene intaccata per sempre.

Diventi in un batter d’occhio personaggio poco raccomandabile, cattivo esempio e vorresti sparire, ma non puoi. Allora ti tocca sottostare alla dura legge della rete, trollato e reso ridicolo da una lista in 10 punti come quella che vi stiamo per mostrare.  Perché le parolacce non si dicono, ecco.

 

10) Fiorello bestemmia a Deejay chiama Italia

https://www.youtube.com/watch?v=vUQxp4Jey-c

Il buon Fiorello, pochi giorni fa, intervistato da Linus e da Nicola Savino all’interno di Deejay chiama Italia, si lascia andare a una sonora bestemmia che riguarda l’unione tra una figura sacra (ma anche una famosa cantante) e un animale famoso per gli insaccati. Sulle prime ci ride su, poi si rende conto di averla detta grossa e sbianca, consapevole che tutti ne avrebbero parlato per secoli. E infatti.

 

9) Laura Tangherlini a Rainews

Bella voce, bel figurino e ottima giornalista, Laura Tangherlini di Rainews. Purtroppo ognuno prima o poi ha la giornata storta e allora capita di rompersi il pazzo a lavoro. Almeno, questo è ciò che abbiamo sentito noi, voi avete forse interpretato le sue parole in altro modo?

 

8) Antonino Cannavacciuolo impreca a Cucine da incubo

Quando l’ospite proprio non ce la fa a seguire ciò che gli autori hanno scritto, allora può capitare che si prenda una bella strigliata da un personaggio di certo imponente come lo chef Cannavacciuolo, che nell’impeto del momento, può capitare che se la prenda verbalmente con la sorella dell’ospite. È un intercalare, suvvia, non facciamone un dramma.

 

7) Tremonti chiama Brunetta cretino

Ah, che nostalgia il ventennio Berlusconi. Dite di no? Forse perché non vi ricordate quei momenti in cui i fuori onda erano più importanti del discorso del Presidente alla nazione. In questo momento di puro avanspettacolo economico, Tremonti apostrofa Brunetta come cittadino onorario di Creta.

 

6) Gordon Ramsey bestemmia in italiano a Hell’s Kitchen

Come il collega Cannavacciuolo, anche Ramsey sovente si adira con i concorrenti del suo show, e quando un aspirante cuoco italiano non conosce i vari dessert del menu, lui glielo fa notare imprecando prima in inglese, e poi in italiano. Nella fattispecie inneggiando all’animale da insaccati di cui sopra e al famoso Ronnie James Dio, cantante di metal.
5) Giovanni Trapattoni impreca su Italia-Germania

https://www.youtube.com/watch?v=Nlva2EdCswk

Lo sanno tutti che Giovanni Trapattoni è un signore istintivo, che non si fa imbrigliare dalle logiche politicamente corrette dei commentatori sportivi della Rai. Se poi parliamo di Italia contro Germania, la partita è talmente sentita che anche se si tratta di amichevole o di beneficienza, qualche parolaccia ci può scappare. Ma noi, a Trapattoni, gli perdoniamo tutto.

 

4) Massimo Ceccherini bestemmia all’Isola dei famosi

Ceccherini è un animale raro, portatore sano della toscanità più triviale, post processo Pacciani. Se lo porti su un’isola e lo affami, lo fai dormire in una capanna e non lo fai fumare, è possibile che gli scappi qualche parola che in diretta non si può proprio dire. Tipo quelle associazioni tra gli insaccati e il cantante di metal. La colpa non è neppure sua ma di chi lo ha voluto sottoporre a una tortura del genere.

 

3) Amadeus che impreca a Mezzogiorno in famiglia

I sogni nel cassetto, si sa, ognuno ha i propri. E allora ben venga quello di Amadeus di volere il membro come quello dei nativi del continente africano. Ecco, magari sarebbe il caso di non cantarlo in un programma che si chiama Mezzogiorno in famiglia, davanti a milioni di nonne inorridite. Ma lui che poteva saperne, aveva anche già salutato il pubblico da casa. Oh, non si può proprio più scherzare in tv.

 

2) Tiberio Timperi bestemmia a Uno mattina in famiglia

Quando in una trasmissione Rai metti la parola famiglia, può accadere di tutto. Tipo che un giornalista educato come Tiberio Timperi sbagli il lancio del servizio e tiri un bestemmione in diretta tv, credendo di  stare registrando. L’entità della blasfemia può essere un minimo ridotta se si pensa che magari l’ingiuria, il buon Tiberio l’ha riferita alla cantante Madonna, che è solita portarsi in giro con abiti succinti.

 

1) Emilio Fede, il signore dei fuori onda

Qui si vola talmente alti nel cielo del fuori onda da rischiare di bruciarsi come Icaro al Sole. Emilio Fede è il true king delle figure di guano rimediate durante le registrazioni del Tg4, che un tempo era di sua proprietà. Tra canzoni inneggianti a Forza Italia e commenti piccanti sull’avvenenza di colleghe o di personalità dello spettacolo, fino alle grandi lavate di capo alla regia, Fede non si è fatto mai mancare nulla, regalandoci anni e anni di televisione di qualità.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >