TV e Cinema
di Stefano Yamato 4 Settembre 2011

Jeeg Robot e Himika: ecco la foto esclusiva che ufficializza la Pace

Jeeg robot, uomo d’acciaio (鋼鉄ジーグ Kōtetsu Jeeg) è una sorta di Che Guevara della fantascienza giapponese. Uno degli eroi che più ha influito sulle generazioni degli anni ottanta. Le sue gesta sono state trasmesse per la prima volta in Italia nel 1979.

Tutto ebbe inizio quando il professor Shiba, noto scienziato giapponese, durante una ricerca archeologica, portò alla luca una antica campana di bronzo, che secondo i suoi studi si rivelò appartenente al popolo Yamatai, scomparso millenni prima, durante il regno della regina Himika, una fascinosa biondona con un look a metà tra una cantante gothic metal e Lady Gaga. La perfida e sanguinaria regina era rinomata per la sua totale assenza di pietà, la brama di potere e la tendenza ad uccidere chiunque la contraddicesse. Il suo popolo la temeva e le obbediva in ogni suo delirio. E’ così che la segui anche in un’idea folle: ibernarsi nella roccia. Si, perchè il popolo Yamatai non si era estinto, ma si era congelato in massa all’interno della pietra, in attesa di ritornare in vita e riconquistare il mondo proprio grazie al potere della campana di bronzo. Il professor Shiba, che era uno scienziato tuttologo, aveva intuito che, da lì a poco, sarebbero arrivati guai grossi con quella campana tra le mani. Decise così di nasconderla in un luogo piuttosto curioso. Approfittando di un grave incidente di laboratorio in cui viene tristemente coinvolto suo figlio Hiroshi, il professor Shiba decide di miniaturizzare la campana ed inserirla nel petto del giovane, donandogli poteri straordinari.

Hiroshi cresce ignaro dei suoi poteri, facendo il bullo in motocicletta e vincendo gran premi più di Schumacher. Tutto procedeva egregiamente, fin quando l’impero Yamatai decide di risvegliarsi e riprendersi ciò che gli appartiene. Per prima cosa uccidendo il professore, quindi lanciandosi quindi alla ricerca forsennata della campana dibronzo. Poco prima di morire, il professore Shiba svela a suo figlio il destino a cui andrà incontro, consegnandogli uno strano ciondolo ed un paio di misteriosi guanti da motociclista.

La mente del professore viene quindi trasferita in un computer, non propriamente portatile, che spiegherà a Hiroshi il modo per trasformarsi in un robot, Jeeg, il robot d’acciaio. La procedura è semplice: Hiroshi deve lanciarsi in aria, solitamente saltando giù da un dirupo con la sua motocicletta, quindi unire i pugni e rannicchiarsi. A quel punto, il ragazzo si trasforma in una capoccia di ferro, primo di uno dei tanti componenti che gli saranno lanciati dalla sua amica Miwa, avvenente teenager, pilota del Big Shooter, il grande lanciatore dei pezzi che si uniranno alla capoccia di Jeeg per formare il grande robot d’acciaio che difende l’umanità dagli assalti dell’impero Yamatai e dai suoi terribili mostri  Haniwa. Una lotta infinita tra Hiroshi ed i mostri della regina, comandati dai suoi tre ministri della guerra: Ikima, Mimashi e Amaso. La guerra non ha limiti. Il sangue scorre a fiumi. Jeeg usa ogni arma che il suo corpo magnetico gli consente. Armi tipiche: il roboante raggio protonico e i gommosi raggi delta. Inoltre, il suo corpo componibile gli consente di utilizzare componenti speciali come missili perforanti, bazooka, modulo cavallo Antares, gli scudi rotanti, gli astrocomponenti e i supercomponenti.

Pur combattendo contro le forze del male, Jeeg era mal visto dalla popolazione, che voleva a tutti i costi che il laboratorio venisse chiuso perchè radioattivo, un tema molto attuale.  Comunque, l’impero Yamatai perde puntualmente ogni battaglia, ma si rialza sempre più agguerrito e deciso a conquistare il mondo, con mostri sempre più cattivi.

Una storia emozionante, segnata da odio, distruzione, violenza, sangue. Eppure, dopo tanto tempo, finalmente sembra che le due parti siano arrivate ad una mediazione. Forse stanchi di lottare a oltranza, Hiroshi e Himika hanno deciso di tendersi la mano, sotto gli occhi di Mazinga e Goldrake, intervenuti per l’occasione, nonostante i rispettivi impegni militari.

Dailybest era presente e in esclusiva vi regala la foto che sancisce la pace tra l’umanità ed il popolo Yamatai. Hiroshi e Himika finalmente amici. In fondo l’aspettavamo da quando eravamo bambini.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >