TV e Cinema
di Simone Stefanini 3 Novembre 2016

L’epico telefilm Love Me Licia con Cristina D’Avena, visto a 30 anni di distanza

Qualcosa andò storto e la trasposizione divenne talmente trash da non poterne più fare a meno.

maxresdefault-5  Tutte le foto © Mediaset

 

Nell’anno domini 1985, i dirigenti di Italia Uno impazzirono e decisero di trasformare un cartone animato giapponese di culto, Kiss Me Licia in un telefilm italiano, ad esso ispirato. Ma come nel film La Mosca, la trasposizione andò storta e partorì un orribile mostro ibrido, del quale ancora oggi non possiamo fare a meno.

Il telefilm Love Me Licia, fu però così fortunato da avere ben tre sequel (ora le chiameremmo stagioni): Licia dolce Licia (1987), Teneramente Licia (1987) e Balliamo e cantiamo con Licia (1988). Il corpo drammatico dell’opera si basava sull’amore tra la rockstar Mirko e la ragazza acqua e sapone di umili origini Licia (nell’originale Go e Yakko), con tutto un bagaglio di conflitti generazionali propri della crescita personale, le dinamiche della band, le amiche zoccole ecc.

L’adattamento dei nomi, già nel cartone animato fu fatto un po’ a cazzo, e quindi ci trovammo di fronte alcuni personaggi italiani (Mirko, Licia, Andrea, Giuliano, Marika), altri giapponesi (Satomi), qualche inglese (Sam, Steve, Shiller) e gli ultimi semplicemente inventati alla buona (Marrabbio, Lauro).

 

Il cartone si svolge a Tokyo, dove Licia (Luciana è il vero nome, NON SCHERZO) lavora al Mambo, il ristorante giapponese del padre Marrabbio che ha sempre e solo due clienti, un paio di vecchi di nome Sam e Lauro. Mamma morta o non pervenuta. Un giorno di pioggia, incontra un bambino con la testa enorme ed il suo gatto parlante. Andrea e Giuliano. Scopre che il ragazzino ipercefalo è il fratellino di Mirko, il cantante della band new wave / synth pop /new romantic “Bee Hive”. S’innamora di lui (del cantante, non dell’infante disgraziato), poi mille peripezie, concerti, primi baci, prime notti di sesso, l’amore anche con Satomi, il padre repressivo, l’affetto per il bambinello infelice, le canzoni dei Bee Hive tradotte e cantate da Enzo Draghi.

L’atmosfera notturna, metropolitana, i vestiti glam, gli orecchini alla Boy George, i capelli strani, gli ormoni impazziti. Un cartone animato che trasudava sesso droga e rock’n’roll. I Kiss Relish, la band che stava ai Bee Hive come gli Spandau ai Duran, i contest, le tipe con le menne di fuori, pronte a fare la bamba e giacere con i membri delle band, la piccola Licia trasportata in un mondo che non le apparteneva, il padre che voleva dividere i due amanti. Insomma, questo era. La trasposizione televisiva però ripulì tutti questi aspetti (alcuni dei quali, perdonatemi, inventati di sana pianta da me) e ci restituì un cast da brividi:

Cristina D’Avena era Licia, vestiva con abiti rubati alle cosplayer di Heidi del Lucca Comics e fiocchi o pezzuole ad adornare una massa incredibile di capelli. Le sopracciglia folte come quelle di Elio e una petulanza fuori dal comune. Alla fine però, a differenza del cartone, Licia canta e vive una certa piatta matrimonialità col suo uomo. Cioè:

Pasquale Finicelli è Mirko, che si veste come un impiegato del catasto ma tiene i capelli biondi ossigenati col ciuffo rosso, perché dentro è punk. Canta nei Bee Hive, una band che nella trasposizione italiana diventa di rock neomelodico, una cosa tra i Pooh ed il piccolo Lucio. Il suo amico è:

che-fine-hanno-fatto-i-bee-hive

Sebastian Harrison è Satomi, cioè il Roby Facchinetti dei Bee Hive, che inspiegabilmente calca sul capo un’evidente parrucca lunga coi boccoli. Vi basti sapere che questo attore sta (o stava, vai a sapere) con Lory del Santo. Ed è subito sera. Gli altri Bee Hive sono Steve, bassista, il bello che sembra uscito fuori dai Ragazzi del Muretto e altri due parruccatissimi quanto dimenticabili.

Luca Lecchi era Andrea, il bambino con la testa più grande del mondo, fornito pur’egli di parrucca marrone riccia. Fratello della rockstar. Il suo doppiatore era talmente fastidioso che lo potremmo usare come arma contro l’Isis.

 

love-me-licia3

 

Salvatore Landolina era Marrabbio, probabilmente l’unico attore vero della farsa. Visibilmente confuso nel capire come mai si dovesse vestire da samurai per gestire un ristorante giapponese a Milano 2.

 

matrimonio-di-mirko-e-licia

 

La scena di culto del telefilm, quella che vi fa capire in un botto la potenza dei dialoghi, dei costumi, delle scene, degli attori e dei doppiatori, è quella, diventata ormai famosissima, che chiameremo l'”Operazione Fettine Panate

Dai e ridai, anche Mirko e Licia riescono a fare sesso senza protezione e da quell’unione nascerà un bambino, nella speranza ch’egli non abbia la stessa testa grossa di Andrea, altrimenti  per la povera Licia dovrebbe significare cesareo fino al petto. Ma non lo sapremo mai perché con quella lieta novella, si chiuse la commedia. Fortunatamente però, abbiamo un RVM:

Qui finisce la cronaca di un impazzimento globale, di un telefilm longevissimo, più di 100 puntate, tutte a caso. Intanto, al giorno d’oggi, i Bee Hive senza più parrucche né doppiatori, girano per locali a riproporre la loro miscela esplosiva di neomelodia.

Vi lasciamo con gli occhi lucidi e con un pezzone del cartone, consci che quella stagione di amori di carta tra il rock e la povera gente, non tornerà mai più. Attenti al testo, è impegnato, se perdete una parola vi tocca ripartire da capo.

P.S.: GATTO PARLANTE?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >