TV e Cinema
di Simone Stefanini 3 Novembre 2016

Il trailer di Trainspotting 2 mi ha ricordato che sono passati 20 anni ed è stata una botta enorme

È uscito il trailer di Trainspotting 2 ed è stato come se un treno mi avesse preso in pieno stomaco

Mi sono svegliato un po’ prima e come al solito sono andato al cesso. Non una gran notizia ma ho aperto Facebook e boom, mi sono beccato il trailer di Trainspotting 2 di Danny Boyle (in uscita il 27 gennaio), con tutti gli attori del primo diventati grandi. Non so se sarà bello o meno, magari tutte le scene fighe sono state montate nel trailer ma la questione è un’altra: ho visto me stesso e vi posso giurare che è stata una mezza epifania, ma anche una botta enorme.

Le note di synth col delay di Born Slippy degli Underworld, la voce fuori campo dal marcato accento inglese, le facce di Renton, Sick Boy, Spud e Begbie, hanno aperto uno stargate che dal cesso mi ha risucchiato portandomi direttamente nel 1996, anno in cui anche Manuel Agnelli bestemmiava nelle canzoni e al cinema c’era la fila per vedere questa storia di tossici inglesi di eroina.

 

trainspotting-gif

 

Non che abbia mai avuto il piacere di bucarmi a vent’anni, ma diversi miei amici frequentavano quel club ed era piuttosto accogliente ai tempi. Tra l’altro le news riportano che dopo gli anni della cocaina, l’eroina stia tornando in auge, ma chissà che non sia una campagna di viral marketing per il film.

1996 dicevo, io avevo 21 anni. Come tutti mi stavo avvicinando all’Inghilterra, terra di musica bella, di festival belli e soprattutto abbordabile anche per i poveracci. Ne hanno visti talmente tanti da quelle parti che poi son diventati reazionari e hanno deciso di togliersi dalle palle anche l’Europa. Non sono mai stato un tossico nel senso stretto ma Trainspotting mi gasava tantissimo. Non serve essere assassini per eccitarsi su Pulp Fiction, no? La batteria di Lust for Life di Iggy Pop, che regola la corsa di Mark Renton, un giovane Ewan McGregor fatto come una pera cotta, poi uscivi dal cinema e non c’era un cazzo da fare. Quanti tossici ha creato Trainspotting in provincia, quanto vandalismo, quanta vita marcia.

 

Gli stessi tossici che oggi hanno le pance grosse da rehab di bamba e i gomiti con la psoriasi, i denti che sembrano tasti di un pianoforte vecchio oppure che dal bere e dal fumare le loro facce sono diventate mappe di capillari rotti. I redenti, quelli che quasi ti cacano il cazzo perché tu non sembri invecchiato mentre loro hanno messo su famiglia e gli leggi negli occhi che è stata solo un’altra dipendenza.

Questo sembra essere il tema del nuovo Trainspotting: i ragazzi hanno la mia età e c’è chi ha continuato a fare le stesse identiche cose che faceva vent’anni prima, chi semplicemente ha sostituito una dipendenza con un’altra: il sesso, i soldi, il porno, i social. Ricordate cosa diceva la voce fuori campo di Renton al pubblico nel 1996? Di scegliere un lavoro, una carriera, la famiglia, il maxitelevisore del cazzo, e via dicendo fino a marcire in un ospizio. Questo era il risultato per aver scelto il futuro e la vita.

tumblr_mqbuyktnuj1riai1io1_500

Oggi la stessa voce dice di scegliere Facebook, Twitter o Instagram e sperare che a qualcuno, da qualche parte gliene freghi davvero di noi. Di scegliere un lavoro sì, ma con un contratto di merda, oppure di incontrare di nuovo una vecchia fiamma e di guardare la storia che ripete se stessa. Scegli lo stesso per i tuoi figli, ma peggio e poi fai un respirone.

Questo è avere 40 anni e avete presente quando in Lost in Translation Charlotte chiede a Bob se quell’ovosodo che non va né in su né in giù svanirà col tempo e lui le dice di no? Ecco cosa si prova ad essere svegli da qualche ora e ad aver visto il trailer di Trainspotting 2 sul cesso di casa propria. Mi è presa una paura e insieme una commozione che non so nemmeno come spiegare, una specie di gratitudine per essere ancora qui a parlarne.

 

17866020

 

Il trailer è una bomba, il film chissà, ma il punto è un altro: anche se ho scelto la vita, non ho paura di ubriacarmi nel weekend e di sentire risuonare Lust for Life in testa da 20 anni, né quel maledetto synth degli Underworld che mette tre accordi in fila e che mi fa piangere più di Chopin. Quando entra la cassa poi inizio a ballare e a queste cose finalmente non ci penso più.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >