TV e Cinema
di Eva Cabras 6 Novembre 2017

La ragazza nella nebbia: ma non l’avevamo già visto?

Il primo film di Donato Carrisi somiglia a un altro film che ha per protagonista Toni Servillo

Ogni volta che in Italia viene realizzato un film che non sia una commedia o un mafia movie dovremmo stappare una bottiglia di quelle buone. Peccato che non sempre i pochi esempi di cinema di genere sfornati in patria possono contare su una riuscita al 100%. C’è sempre qualcosa fuori posto, eccessivo o già visto, caratteristiche che si raccolgono in un tris di pecche in La ragazza nella nebbia, il primo film da regista di Donato Carrisi.

Il film è un adattamento dell’omonimo romanzo scritto da Carrisi e racconta delle indagini sulla scomparsa di Anna Lou, tranquilla e riservata ragazza che vive nel paese alpino di Avechot. Per l’occasione arriva tra i monti l’ispettore Vogel, portandosi dietro il carrozzone mediatico che pensa di poter sfruttare per risolvere il caso. L’ambientazione isolata si presta perfettamente alla classica tirata morale sulla banalità del male, su quanto una piccola comunità non si aspetti di ospitare un criminale, sul sospetto, il dubbio e l’incredulità finale. Di certo “La ragazze nella nebbia” non è né il primo né l’ultimo film a battere questo chiodo, ma non ci sembra tutto un po’ familiare?

 

 

Nel 2007 uscì un film chiamato “La ragazza del lago“, opera prima di Andrea Molaioli e tratto dal romanzo “Lo sguardo di uno sconosciuto” della norvegese Karin Fossum. Al tempo si portò a casa ben 10 David di Donatello, quindi non è semplice capire in quale misura le somiglianze con “La ragazza nella nebbia” siano frutto di coincidenza, omaggio o volontà di ripetere il miracolo. La sensazione di dejà vu inizia a palesarsi con il titolo, ma fin qui non avremmo abbastanza materiale per aprire un’inchiesta. Il secondo campanello d’allarme lo suona Toni Servillo, che nel film di Carrisi interpreta l’ispettore Vogle, così come dieci anni fa intepretava il commissario Giovanni Sanzio, con meno smorfie, dizione meno impostata e medesimo umore saturnino.

Tutti vogliono Servillo, anche questa non è una novità, ma non è ancora tutto. Avechot è la quieta e solitaria cittadina delle Alpi che fa da sfondo a La ragazza nella nebbia. Paesaggi dolenti, maestosi e lividi, quasi come le sponde dei laghi di Fusine, nel Friuli-Venezia Giulia, che ospitano l’isolato centro abitato dove scompare la giovane vittima di “La ragazza del lago”, che per una strana congiunzione astrale si chiama Anna. Chiaramente sono molti i punti di distacco narrativo tra le due opere, ma il cuore della loro ricerca psico-sociologica risulta essere piuttosto simile. Ogni personaggio è pronto a scommettere che nella sua serena comunità non si nasconde alcun mostro, che il cattivo è arrivato sicuramente da fuori. Nessuno ammette a cuor leggero il proprio lato oscuro, mentre a pagare per l’ingenuità comune è sempre l’innocente ragazza dalle buone intenzioni, la vittima sacrificale.

 

 

In sostanza, La ragazza nella nebbia è un film guardabile con diversi punti deboli nello svolgimento narrativo quanto nella costruzione dei protagonisti, molti dei quali soffrono per una recitazione innaturale e parossistica. C’è del buono nella regia di Carrisi, nel coraggio costruttivo ispirato dal noir e dal poliziesco internazionale. Cade però sul più banale degli stereotipi, quello secondo il quale l’Italia si è impantanata nei soliti cliché cinematografici da decenni e tende sempre ad andare sul sicuro con cose già viste e digerite.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >