SUBURRA
TV e Cinema
di francescarusso_ 27 Febbraio 2019

La seconda stagione di Suburra ti insegna come voler bene ai cattivi

La seconda stagione di Suburra ci piace più della prima

È uscita venerdì sulla piattaforma streaming Netflix, la seconda stagione di Suburra, serie tutta all’italiana ambientata a Roma che narra le vicende di politici e cardinali immischiati nella malavita della capitale e che ha consacrato l’attore Alessandro Borghi.

Innanzitutto qualche premessa: questo articolo non contiene in alcun modo spoiler, inserimento di prodotti a fini commerciali e olio di palma.

La seconda stagione di Suburra è molto diversa rispetto alla prima stagione. Ritroviamo i tre protagonisti, Aureliano, Spadino e Lele, ancora uniti contro il nemico comune, Samurai, ma il clima tra loro si è fatto più glaciale e le tensioni lasciate in sospeso emergono già nei primi minuti della prima puntata.

Intanto siamo catapultati tre mesi dopo gli avvenimenti narrati nell’ultimo episodio della prima stagione, e Aureliano (Alessandro Borghi), dopo aver perso il padre e la sua compagna, riporta le ferite che l’hanno forgiato, mostrandosi diverso anche nell’aspetto (non è più sbarbato e con capelli ossigenati, ma ha la barba folta e tatuaggi sul collo).
Aureliano Adami è diventato l’erede di Ostia ora che sua sorella Livia è sparita.

In questa stagione Spadino (Giacomo Ferrara) vive una doppia vita: da una parte cerca di ricoprire il ruolo del fratello, agendo come capo degli zingari e da marito, dall’altra fugge appena può dal suo amante, avendo ormai preso piena coscienza della proprio omosessualità.
Il potere questa volta non è conteso tra Spadino e suo fratello, che prima del coma era a capo delle famiglie zingare, ma tra Spadino e sua madre Adelaide che, insieme ad Angelica, è la vera rivelazione della stagione. È inoltre interessante l’evoluzione del rapporto tra Angelica e Spadino, di complicità e autentica alleanza.

Avevamo lasciato Lele (Eduardo Valdarnini) deciso ad entrare in polizia per onorare la memoria di suo padre, ucciso da Aureliano, e in soli tre mesi ha guadagnato la posizione di vice ispettore. Ovviamente, la sua carriera promettente è dovuta a Samurai, che investe su Lele per avere il controllo del corpo di polizia.
Seppur Lele, all’apparenza, sembra essere protagonista della sotto-trama più “noiosa”, aspettate di arrivare all’ultima puntata per ricredervi.

Ad arricchire la storia; l’ingresso di nuovi personaggi, il ruolo sempre più massiccio giocato dalla politica, rappresentata dal personaggio di Amedeo Cinaglia (Filippo Nigro), che si mischia con gli affari mafiosi di Samurai, e dalla chiesa, che interviene tramite Sara Monaschi (Claudia Gerini) per risolvere l'”emergenza migranti” a Roma, occupando i tanto agognati terreni di Ostia, luogo di spaccio controllato dagli Adami.

La serie va vista, senza dubbio, e la seconda stagione è ben costruita, oltre a completare le premesse della stagione precedente si caratterizza di numerosi colpi di scena, tematiche attuali, momenti di suspense e di piena empatia verso i personaggi, che nonostante non giochino sempre il ruolo dei buoni, è inevitabile non volere per loro un lieto fine.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >