TV e Cinema
di Marco Villa 4 Settembre 2017

The Leisure Seeker – Il bellissimo film di Paolo Virzì con Helen Mirren e Donald Sutherland

Dare leggerezza a una storia tristissima: non è facile, ma Virzì ci è riuscito

Non che ci fosse bisogno di una ulteriore conferma, ma una delle certezze assolute che si hanno uscendo dalla sala è la bravura di Paolo Virzì. L’altra certezza, invece, ha due nomi: Helen Mirren e Donald Sutherland. È questo terzetto a rendere un film semplice e quasi scontato come The Leisure Seeker qualcosa che ci si ricorderà a lungo.

The Leisure Seeker è stato presentato il 3 settembre alla 74esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia e uscirà in Italia a gennaio con il titolo Ella e John. È il primo film “americano” di Paolo Virzì, girato in lingua inglese e interamente ambientato negli Stati Uniti, per l’esattezza lungo la costa est. Come il precedente La pazza gioia, siamo di fronte a un road movie: il viaggio questa volta lo compiono Ella e John, marito e moglie ormai anziani, che si concedono una vacanza lungo gli stessi itinerari che seguivano quando partivano d’estate con i figli. Anche il mezzo è lo stesso, un vecchio camper che non usano da tempo. A essere diversi sono loro: John soffre di amnesie e fatica a riconoscere le persone, mentre Ella è gravemente malata. Entrambi, però, non si arrendono e tentano con il viaggio di tornare quelli che erano una volta.

Pur avendo come base l’omonimo romanzo di Michael Zadoorian, The Leisure Seeker è in tutto e per tutto un film di Paolo Virzì, in cui si ritrova km dopo km la poetica del regista. Tutto è giocato sull’impresa impossibile di dare al film un tono che sia allo stesso tempo triste e leggero. Anzi: molto triste e molto leggero. The Leisure Seeker è un film strappalacrime nel vero senso della parola, perché sono tante le scene in cui non si può fare a meno di commuoversi, eppure non è mai eccessivamente drammatico, grazie a continue pause in cui si riesce anche a ridere di gusto.

Tutto è sempre trattenuto, mai sparato in faccia e in questo senso gran parte del merito va senza dubbio a Helen Mirren e Donald Sutherland, che hanno tutto per portarsi a casa i premi principali della Mostra di Venezia, ma anche qualcosa di più corposo come l’Oscar. Del resto il film punta a quello: l’uscita americana a ridosso degli Academy ne è la dimostrazione e il fatto che sia girato in lingua inglese permetterà al film di competere in tutte le categorie, non solo quelle dei film stranieri.

I personaggi di Mirren e Sutherland trovano un equilibrio perfetto sotto ogni punto di vista: lei è logorroica e sempre alla ricerca della chiacchiera con altre persone, mentre lui vive nel suo mondo e non fa altro che esternare bisogni o citazioni di Hemingway, come se non ci fosse differenza tra le due cose. The Leisure Seeker ha anche il merito di andare oltre la semplice storia della coppia, provando a raccontare a vari livelli gli Stati Uniti di oggi, riuscendo in questo a non porsi mai in una posizione giudicante di superiorità.

Ci sono anche dei difetti, su tutti una durata forse eccessiva, ma nel complesso è difficile trovare elementi davvero negativi in The Leisure Seeker (o Ella e John, se preferite). Unire tristezza e leggerezza è un’impresa per pochi: Paolo Virzì ha dimostrato per l’ennesima volta di essere in grado di farlo e qui si torna all’inizio: come se ci fosse bisogno di una ulteriore conferma.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >