TV e Cinema
di Marco Villa 3 Marzo 2016

Come Masterchef si è trasformato nel thriller perfetto

Questa sera si conclude la quinta edizione di Masterchef, molto più di un programma di cucina

masterchef-5-giudici  Bruno Barbieri, Carlo Cracco, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo: i 4 giudici di Masterchef Italia 5

 

Non dico dieci anni, ma se solo due anni fa mi avessero detto che avrei cancellato ogni impegno per guardare Masterchef, mi sarei messo a ridere. La cucina? E chi se ne frega della cucina. Un piatto è interessante quando è sul tavolo, pronto per essere mangiato. Al limite quando è in corso di preparazione, ma solo se la cucina è fisica, reale e il risultato è destinato comunque a finire sullo stesso tavolo di cui sopra.

E invece è andata così e per la finale di Masterchef Italia 5 sarò attaccato a Sky Uno per scoprire chi la spunterà tra un macellaio con un accento veneto da record, una torinese tecnicissima piuttosto insopportabile (che finirà per vincere?) e una ragazza emiliana con la faccia dolce e il tortellino sempre pronto. Come è stato possibile? La prima risposta, quella istintiva, è un candidissimo scuotere la testa, un “non lo so” di dimensioni epiche. Quella ragionata, invece, è che non poteva essere altrimenti, perché quest’anno, più che nelle altre edizioni, la struttura di Masterchef è stata quella del thriller.

 

cannavacciuolo-masterchef  Il finto villain Antonino Cannavacciuolo

 

La prima novità è stata quella più grande: l’arrivo del quarto giudice, lo chef Antonino Cannavacciuolo. Corporatura, barba e modi sono quelli del villain, del cattivo, ma è apparso subito chiaro che il suo ruolo sarebbe stato differente: a forza di manate e incoraggiamenti, Cannavacciuolo nel corso della stagione ha riportato nel programma calore e vicinanza, elementi che si erano un po’ persi negli anni. Con Cracco e Barbieri sempre più star e Bastianich ormai uomo-Sky a tutto tondo, i tre giudici si sono sempre più allontanati dalla dimensione “normale” dei concorrenti: la figura di Cannavacciuolo ha fatto da ponte, permettendo così lo sviluppo di dinamiche particolarmente efficaci.

La possibilità di liberare Cracco, Barbieri e Bastianich e di issarli ancora di più al ruolo di semidei, ha aumentato la tensione dei rapporti concorrente-giudice, caratterizzati da non-detti, smorfie e sguardi. La presenza di una figura più amichevole tra i giudici ha permesso di creare un vero e proprio scontro tra i concorrenti: da una parte la sindacalista bresciana Lucia, dall’altra le giovani e rampanti ragazze che sono poi arrivate in finale. Lo scontro è stato ovviamente prolungato il più possibile, con ribaltamenti continui, in una logica per cui la cattiva designata (Lucia, appunto) finiva spesso per essere più simpatica al pubblico della coppia Erica e Alida.

 

masterchef-5-alida  Alida, la vincitrice annunciata?

 

In tutto questo si è inserita la sottotrama in cui una delle più brave (Rubina) è stata tormentata dalla puntata zero, massacrata a ogni occasione possibile e quindi fatta fuori molto prima di quanto meritasse. Una parabola da agnello sacrificale che non ha fatto altro che aumentare la tensione tra tutti i personaggi.

Dinamiche relazionali degne di un thriller da tutti contro tutti, con giudizio universale pronto a calare ogni 50 minuti e cliffhanger continui che nemmeno in una serie tv crime. L’unica differenza? Al termine della finale non avremo un colpevole, ma un vincitore. E mi raccomando: che nessuno si sogni di disturbare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >