Perché The Leftovers è stata la serie più visionaria degli ultimi 10 anni

È sempre stata una questione di fede.

Adesso che è finita, possiamo dirlo: The Leftovers è la serie più visionaria e sottovalutata degli ultimi dieci anni. Una serie capace di affrontare temi opprimenti e di porre domande esistenziali, mascherandosi da prodotto mystery. La sua conclusione ha lasciato i numerosi fan a bocca spalancata e a cuore aperto, come nel mezzo di un’operazione che ti può salvare la vita e te la può portare via. Di questo parla The Leftovers: di vita, morte, sparizione, aldilà, apocalisse, rinascita, amore e soprattutto, di fede.

Che pesantezza, vi sento dire dalle retrovie. Sì e no, comunque necessaria, visto l’argomento trattato.

Un giorno di ottobre, il 2% della popolazione mondiale sparisce nel nulla. Tutte le famiglie subiscono almeno una sparizione, e tentano di andare avanti, chiedendosi cosa sia successo. La fede diventa subito uno dei temi principali, perché la sparizione delle persone rimanda per forza di cose a a una figura divina. Chi rimane si sente benedetto o maledetto, ma ha bisogno di rifarsi a un’entità superiore. È la natura umana alla sua condizione di base: spaventata e incapace di comprendere l’universo in cui si trova.

 

 

Il personaggio principale è Kevin Garvey, interpretato da Justin Theroux. È un poliziotto, un uomo che lavora per riportare ordine e legalità in un mondo che è ormai del tutto sconvolto. Tra chi si dispera e chi aspetta una nuova sparizione come un momento di salvezza, emergono con forza i Guilty Remnants, sorta di setta che incarna il senso di colpa di quelli che sono rimasti, in cui spicca una santona carismatica e misteriosa, interpretata da Ann Dowd. Kevin rappresenta la razionalità, ma nel corso di The Leftovers si capisce quanto in fondo sia anche questo un concetto opinabile: il continuo confronto con gli altri personaggi, in particolare la sua donna Nora (Carrie Coon) e il fratello di lei, un reverendo in piena crisi (Christopher Ecclestone), finiranno per mandare in frantumi ogni sua certezza su questo mondo. E pure sull’aldilà. Questi sono i personaggi principali, quelli intorno ai quali si sviluppano le tre stagioni di The Leftovers, ma puntata dopo puntata si assiste alle vicende di figure in apparenza minori, che in realtà sono in grado di allargare lo spettro emozionale della serie, mostrando ogni possibile sfaccettatura della reazione dell’essere umano di fronte a un evento terrificante e inspiegabile.

 

 

Lindelof è lo sceneggiatore principale di Lost, quindi sapevamo già che le cose non sarebbero andate così lisce dall’inizio, e quando dopo la fine della seconda stagione, la HBO ha dichiarato che la terza sarebbe stata quella conclusiva dello show, in molti ci siamo metaforicamente guardati negli occhi aspettandoci, scusate il francesismo, il cazzatone.

Una serie così densa di significato intimo e insieme universale, sulla fede e sulla fine di tutto, sarebbe potuta concludersi in stile Lost, con un finale onirico, privo di spiegazione reale e arrivederci a tutti. Probabilmente Lindelof ha imparato dai molti fan inferociti per quel tipo episodio e stavolta ha voluto creare una vera e propria conclusione. Sì, amici del vorrei guardarlo però non so, stavolta vi trovate di fronte a una serie che ha un inizio e una fine, totalmente assurdi eppure verosimili, a patto che ci crediate.

La fine. Sconvolgente, straziante e insieme liberatoria, come solo il pensiero dell’Apocalisse può esserlo. O anche l’amore. I due interpreti principali sono veri e propri fuoriclasse e nell’ultimo episodio riescono a farti vedere tutto, pur non mostrando niente, con uno spessore e un’emotività rari, confermando Justin Theroux come uno dei più bravi (e belli) attori di oggi e lanciando nella stratosfera delle star Carrie Coon, portata alla notorietà proprio da questa serie tv e oggi protagonista anche di Fargo.

Pensavamo di guardare una serie tv sul destino del mondo e invece quel destino è fatto di tante storie personali, ognuna con il suo svolgimento e la sua conclusione intima. L’unica cosa da fare è aver fede, quella cieca che riserveremmo a un dio. Tramite la morte dell’idolo, possiamo davvero tornare a credere in noi stessi, come fossimo protagonisti e fedeli di una religione pagana che ha per chiesa la nostra persona in relazione all’altro, alla sua versione dei fatti, alla sua sincerità. Solo questo può salvarci dalla fine del mondo.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >