TV e Cinema
di Mattia Nesto 9 Giugno 2017

Il pianeta dei dinosauri, la prima volta di Piero e Alberto Angela insieme in un programma bellissimo

Nel 1993 è andata in onda una delle trasmissioni più belle mai prodotte da mamma Rai, al suo comando padre e figlio Angela, insieme a un sacco di dinosauri

 

Il 1993 per la storia del nostro Paese è stato un anno molto particolare. Infatti come è stato raccontato nell’omonima serie 1993, appena terminata su Sky Atlantic, proprio a quest’altezza temporale si può datare la fine della Prima Repubblica, con il suo avviato sistema di raccomandazioni e corruzioni che il Pool Mani Pulite ha tentato, per altro riuscendovi solo in parte, di smantellare. Ma quell’anno domini non è stato cruciale solo per questo: infatti proprio nel 1993 è andata in onda su Rai Uno una delle trasmissioni di divulgazione scientifica più rivoluzionarie, moderne e ambiziose mai viste in Italia. Stiamo parlando dell’ormai mitico Il pianeta dei dinosauri di sua maestà Piero Angela.

 

 

Ogni puntata de Il Pianeta dei Dinosauri inizia col botto ovvero con la meravigliosa sigla di apertura, affidata a Roberto Anselmi, con l’Aria sulla Quarta Corda di Bach (stessa aria utilizzata per la fortunatissima serie di Quark con cui Il Pianeta dei Dinosauri si legava). Quindi, dopo un suggestivo gioco di ombre cinesi che suggeriscono le forme dei vari dinosauri, ecco che la scena si apre su un’immaginaria grotta nella quale Piero Angela introduce i principali temi dell’episodio.

Come per La macchina meravigliosa, trasmissione del 1990 sempre di Piero Angela e conosciuta anche come “Viaggio nel corpo umano”, anche qui c’è una sorta di inviato speciale, interpretato dallo stesso presentatore piemontese. La particolarità era però che in questo invece di ritrovarsi tra il fegato e il pancreas, il doppelgänger dell’Angela senior sfreccia, a bordo dei più improbabili mezzi di locomozione (dalle zattere, alle mongolfiere fino ai deltaplano) per tutto il Mesozoico, ovvero seguendo passo passo l’evoluzione dei dinosauri avanti e indietro nel tempo.

 

 

Tuttavia non finiscono qui gli Angela. Infatti per la prima volta sullo schermo, udite udite, è presente anche Alberto Angela, l’ormai stra-famoso figlio di Piero. Alberto, come si ricorda in questo articolo, veniva da almeno dieci anni di rigorosi studi nell’ambito paleontologico: insomma Alberto Angela già nel 1993 era uno scienziato di fama internazionale e questo ha permesso alla trasmissione di avvalersi del numero uno dei paleontologi dell’epoca.

 

 

Ci stiamo riferendo a Dale Russel, studioso canadese e ideatore, tra le altre cose, della teoria del cosiddetto dinosauroide ovvero di una sorta di “dinosauro-uomo” che sarebbe stato il risultato della naturale evoluzione dei dinosauri se non si fosse messo di mezzo, circa 65 milioni di anni, il dannato asteroide colpevole della loro estinzione.  Grazie a questo super-esperto la trasmissione ha potuto godere di una consulenza scientifica del tutto eccezionale e per gli standard italiani e per gli standard internazionali.

 

 

Ma, come è logico che sia, per i bambini e i ragazzi della prima metà degli anni Novanta che seguivano con passione le quattro puntate, il fascino de Il Pianeta dei Dinosauri non era tanto nella sua fondatezza accademica quanto negli, allora, fantastici rettili giganti proposti. Infatti, grazie ad una notevole sponsorizzazione da parte dell’Agip (leggasi Eni), il programma ha potuto disporre di ingenti risorse per realizzare i modelli dei dinosauri che in effetti erano bellissimi e fighissimi, anche se proprio nel 1993 sul grande schermo sarà trasmesso Jurassic Park alzando quindi per sempre di molto l’asticella per la rappresentazione dei dinosauri. Nonostante questo (come dimostra un’apposita puntata del “dietro le quinte” della trasmissione) i tirannosuari, triceratopi e brachiosauri di Rai Uno erano perfettamente credibili e alcune scene, come ad esempio l’assalto notturno di un gruppo di velociraptor ad un incauto iguanodonte, realizzate davvero alla grande: con tanto di fiotti di sangue, brandelli di carne lacerata e atmosfera molto pulp.

 

 

Un altro fattore di grande ammirazione per la trasmissione viene poi dalla cura e dalla selezione non soltanto dei vari ambienti e scenografie ma addirittura dei costumi. Infatti affidati agli storici collaboratori di Angela Tullio Zikowski per la scenografia e Silvana Pantani per i costumi, Il Pianeta dei Dinosauri, dal punto di vista estetico, era a livello di un film hollywoodiano. Con uno stile a metà strada tra una storia di Jules Verne e qualche avventura di Corto Maltese, gli abiti da scena indossati dal Piero Angela numero 2 erano eccezionali e le strumentazioni utilizzate, dai telescopi ai guanti, meravigliosa. Non scordiamoci poi della puntata ambientata nei mari della Preistoria, con un formidabile sottomarino perfettamente ricreato e  che sembrava uscito pari pari da Ventimila leghe sotto i mari. Steve Zissou non sei nessuno!

 

 

Questa mescolanza tra rigore scientifico, citazionismo letterario, budget a disposizione  e cura maniacale per i dettagli fa de Il Pianeta dei Dinosauri, l’abbiamo detto, una delle migliori trasmissioni mai prodotte in Italia. Trasmissione che tra l’altro ha lasciato un forte segno nell’immaginario collettivo non soltanto grazie alla serie di videocassette commercializzate negli anni (o direttamente registrate il giorno stesso della messa in onda) ma anche per altri programmi, seppur meno riusciti, che dichiaratamente si richiamavano al capolavoro di Angela &co: una per tutta, La Macchina del Tempo di Alessandro Cecchi Paone. Il grado di realtà che aveva saputo dare ai propri animali giurassici però ce l’aveva solo, almeno all’epoca, la trasmissione Rai: se si pensa ai dinosauri fino ad allora proposti  dal cinema e dalla televisione, non c’è proprio paragone (con buona pace dei vari Gojira)

 

 

 

Una delle scene più amate dai bambini degli anni Novanta è senza ombra di dubbio il momento nel quale il Piero Angela 2 mentre sta planando dolcemente col proprio deltaplano viene sorpreso da un colossale esemplare di Quetzalcoatlus, il più grande rettile volante di tutti i tempi. Con un’apertura alare di 12 metri e le dimensioni di un piccolo cacciabombardiere, quest’enorme volatile preistorico, si mette ad inseguire il malcapitato Piero Angela. Ma gli ideatori del programma (tra cui lo stesso figlio Alberto) hanno un colpo di genio: Piero Angela, già allora splendido sessantacinquenne, non si mette a lottare per i cieli del tardo Creataceo col Quetzalcoatlus ma non appena scorge una grotta vi si infila: l’enorme rettile, vista la sua colossale mole, non può entrarci e il presentatore è sano e salvo con tutti i bimbi a casa che tirano un sospiro di sollievo.

 

 

La puntata finale, quella dedicata all’estinzione dei dinosauri è di gran lunga la più triste, dato che vedere questi titanici esseri spazzati via non è mai una bel ricordo. Tuttavia, altro colpo di genio, grazie alla supervisione di Dale Russel, la trasmissione ricorda che non è vero che i dinosauri si sono tutti estinti. Alcuni sono sopravvissuti e si sono evoluti negli ordirmi uccelli. Dopo di che, il gran finale, con il solenne discorso di chiusura di Piero Angela: a risentirlo oggi scendono ancora i lacrimoni.

Il nostro viaggio finisce qui. Quello dei dinosauri, invece, continua, perché molti altri dopo di noi continueranno ad occuparsene, da ogni punto di vista: scientifico, paleontogico o anche divulgativo. Ed è proprio per questo che, paradossalmente, i dinosauri non sono scomparsi, sono sempre tra noi. E ci rimarranno probabilmente ancora per un bel po’ ! 

 

 

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >