TV e Cinema
di Simone Stefanini 21 Ottobre 2015

Tutte le profezie dei film di fantascienza anni 80 si sono avverate

Un tempo la fantascienza era al potere e pensava al futuro. Poi cos’è successo?

tron-1982-jeff-bridges builtvisible - Una scena di Tron

 

Negli anni 80 tutto era talmente colorato, positivo e pompato che i film di fantascienza sbancavano il botteghino. Tutti seduti sulle poltrone a vedere come sarebbero stati gli anni 2000, a immaginare invenzioni incredibili, presenti paralleli, robot, robe volanti, alieni, teletrasporto, turismo spaziale fai da te e mai che uno abbia ipotizzato che saremo stati tutti connessi a internet tramite il telefono.

Per quanto riguarda il look, di sicuro non indossiamo tutine multicolor né portiamo capelli cotonati ma siamo del tutto sicuri che un giorno rideremo del look degli hipster come oggi lo facciamo con quello dei nostri genitori da giovani.

 

runningman_3 dorkadia www.dorkadia.com Arnold Schwarzenegger con la tutina in The Running Man, 1987

 

Purtroppo non abbiamo ancora la macchina del tempo, come la Delorean di Doc nella trilogia di Ritorno al Futuro (1985), però per le Nike che si allacciano da sole e gli skate volanti ci stiamo attrezzando.  Il videotelefono ce l’abbiamo già e si chiama Skype (ma anche WhatsApp) mentre non ci inviamo più i fax, ma lettere elettroniche. Ma questo siamo sicuri lo sappiate già.

 

tumblr_nwhospmxqU1sfyws3o1_500 tumblr - Il vero 2015 contro le sue aspettative maturate negli anni 80 in Ritorno al Futuro 2

 

Il robot Johnny 5 di Corto Circuito (1986) non gira in tutte le case, però la robotica ha fatto passi da gigante e ce ne sono di tutti i tipi: quelli che ti battono a morra cinese, quelli che si sfidano a duello e gli androidi che sembrano bambini. Questi ultimi sono senzienti ma meno fighi del simpatico Numero 5.

 

723a5515943531.561bb39643354 behance - Il robot di Corto Circuito visto da Edoardo D’Amore

 

D’altra parte ci sentiamo di escludere che nel 2019 anni saremo invasi dai replicanti, robot dalle sembianze umane da utilizzare come forza lavoro come accade in Blade Runner (1982). Per come stanno ora le cose, più che in un 2029 in cui le macchine hanno preso il sopravvento sugli umani come in Terminator (1984), quello che si aspetta sarà il conflitto uomo macchina su come trovare parcheggio la sera.

 

Schermata 2015-10-21 alle 11.21.15 nitehakwcinema - Il poster ufficiale del primo mitico Terminator

 

L’interattività invece è diventata una cosa normale. Dalla Wii della Nintendo in poi, possiamo vivere una versione economica della realtà virtuale stando comodamente nel proprio salotto di casa e le maggiori consolle sono tutte connesse per i giochi online. Certo, non sarà esattamente come in Tron, in cui Jeff Bridges entrava letteralmente dentro il gioco, ma ci stiamo attrezzando.

 

 

Un po’ come per la tv, che nel 2015 è soprattutto on demand, connessa agli hard disk e a internet, sempre più schermo del computer, sempre meno televisione tradizionale. Non è dato sapere se abbia mai risucchiato qualcuno, come avviene in Videodrome (1983) di David Cronenberg, ma di sicuro i programmi segreti, in codice che in quel film uccidevano la gente si trovano lo stesso. No, non stiamo parlando del dark web. Guardate per un pomeriggio intero le tv regionali dei canali dall’11 al 19 del digitale terrestre. Se alla fine siete ancora vivi scriveteci e vi abbracceremo forte.

 

tumblr_n0ic28fxfw1rqc6hco1_1280 tumblr - James Woods entra letteralmente nella tv in Videodrome

 

Vi ricordate Essi Vivono (1988) di John Carpenter o Brazil (1985) di Terry Gilliam? Il mondo è diventato un posto invivibile, dominato dalla burocrazia o dalla politica, sulla falsariga di 1984 di Orwell. Non sappiamo dirvi se sia davvero così, ma di sicuro Facebook è diventato un megafono privilegiato per complottasti di ogni genere.

 

tumblr_npycwcJidw1s335jfo1_r1_500 tumblr - Svegliaaa!!1!

 

Una cosa però l’avevano vista giusta negli anni 80: Wargames (1983), in cui Matthew Broderick entra nel computer della Nasa e fa scoppiare la Terza Guerra Mondiale. Praticamente il proto hacker, un Anonymous di 30 anni prima.

 

tumblr_n5x4utA7Zp1qcga5ro1_500 tumblr - Gli hacker degli anni 80

 

Nel futuro di Mad Max, la Terra è desertica, non c’è più  acqua e l’aspettativa di vita è inferiore a quella medievale. Di tutti i sogni che potevamo realizzare, è diventato realtà proprio quello di George Miller, il regista della saga. Infatti dagli anni 80 a oggi il riscaldamento globale ha sciolto ghiacciai e ha aumentato la temperatura del pianeta. L’industrializzazione selvaggia e l’enorme quantitativo di lacca per capelli usata proprio in quel decennio ha velocizzato non poco il processo. Se poi siete amanti del look di Mad Max, basta che andiate in un qualche rave in una fabbrica abbandonata e di modelli ce ne sono quanti volete.

 

b796d5fbf7b76d00b199bf6ac46c93ea forum bluray - Un punkabbestia col cane. Ah no, è Mad Max.

 

Nel caso siate preoccupati per la mancanza di giustizia e di ordine pubblico, potete sempre sperare in Robocop (1987), il robot ibrido, Euro 6 che che agguanta i criminali e li fa fuori seduta stante. Ok, la cinematografia americana degli anni 80 era un filino di centrodestra ma se ci pensate, oggi la cosa che più si avvicina al robot poliziotto è il drone che viene mandato nelle zone sensibili di guerra per carpire informazioni o il robot artificiere, che si avvicina alla presunta fonte esplosiva senza pericolo per gli esseri umani. Per quanto riguarda la tecnologia dei missili intelligenti e degli aerei senza pilota: rimandata a settembre.

 

tumblr_npoqzeJafX1qd4q8ao1_500 tumblr - Il videogioco di Robocop

 

Dunque, se volete sfuggire alle catastrofi (ma qui entriamo nel territorio cinematografico anni 90, quello della fine del mondo), potete pensare di farlo alla maniera degli anni 80 e prendere un’astronave alla ricerca di mondi sconosciuti, come accade in almeno 1000 film di fantascienza di quel periodo. Oggi però il turismo spaziale non è esattamente alla portata di tutti, costa svariati milioni di dollari e c’è sempre il rischio che i gitanti cosmici tornino con un regalino alieno nell’astronave, che sia buono come E.T. o cattivo come Alien.

 

 

Alla fine, con tutta questa nostalgia di ritorno e tutta la voglia che abbiamo di guardare i film degli anni 80, di ascoltare la musica degli anni 80 e di vivere spensierati alla moda (indovinate) degli anni 80,  l’unica invenzione di cui davvero avremmo bisogno è la piscina che fa ringiovanire, come quella di Cocoon (1985).

 

cocoon-the-return mubi.com - I vecchietti contenti di Cocoon

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >