TV e Cinema
di Dailybest 21 Ottobre 2015

Abbiamo fatto vedere Ritorno al Futuro a chi è nato dopo il 2000

I ragazzi di oggi guardano il film simbolo dei ragazzi di ieri

ceci-cover  Cecilia, classe 2006

 

Un cineforum nostalgia, organizzato da chi Ritorno al Futuro l’ha visto al cinema per chi nel 1985 non era ancora nato. E non sarebbe stato in circolazione per un’altra quindicina di anni. Protagonisti di questa visione sono Cecilia (9 anni) e le sue cuginette, ma anche Raffaele e Cristian (12 anni) e Luca (15 anni). Due divani in due case diverse, rigorosamente divisi tra maschi e femmine, come richiede l’età.

La differenza di età tra i protagonisti dell’esperimento è grande, ma tutti sono cresciuti in un mondo cinematografico popolato principalmente dai personaggi digitali della Pixar, molto diversi dal mondo del film di Robert Zemeckis.

Popcorn, castagne, tè, biscotti. Mamme che chiacchierano e dicono di abbassare il volume e papà che alzano perchè “se no i bambini non sentono“. I più piccoli abbandonano il divano per andare a giocare in cameretta, mentre le due cuginette (7 e 9 anni) iniziano ad appassionarsi al film, anche se c’è qualche intoppo nel seguire la trama tra presente passato e futuro. I maschi invece se ne stanno fissi in silenzio sul divano.

 

Cristian, Luca e Raffaele  Cristian, Luca e Raffaele

 

Quando Doc viene ucciso dai libici a cui aveva rubato il plutonio, Cecilia piange e il papà è costretto a spoilerare un pochino che poi andrà tutto bene. Non ci ricordavamo di pianti per Doc quando ero giovane io. Segno dei tempi? Altro momento che provoca reazioni: Cecilia si vergogna per George e si accartoccia dietro il tavolino mentre lui prova ad invitare al ballo Lorraine.

 

Cecilia si nasconde per l'imbarazzo  Cecilia si nasconde per l’imbarazzo

 

Nel frattempo i ragazzi sono imperturbabili: c’è un po’ di noia e qualche sbadiglio, ma non appena le scene si fanno spettacolari, la tensione sale.

 

Gesti anti-noia  Gesti anti-noia

 

Nel passato Marty incontra i suoi genitori. La goffaggine di George McFly è sempre insopportabile, il desiderio di rivalsa del debole/buono contro il forte/cattivo funziona sempre. La scena con lo skateboard tiene tutti col fiato sospeso e Cecilia guarda la fine dell’inseguimento coprendosi gli occhi per paura che Marty venga schiacciato tra due macchine, poco prima di ricoprire Biff e i suoi scagnozzi di letame. I goffi tentativi di pomiciare di Lorraine con il proprio futuro figlio, che resta con una faccia a dir poco scioccata, suscitano ilarità e distruggono qualunque teoria sull’esistenza del complesso di Edipo.

Sull’altro divano, invece, ogni tanto irrompe la contemporaneità.

 

Partitella rapida  Partitella rapida

 

Ehi tu porco levale le mani di dosso” e il pugno che lo sfigato dà al cattivo portano una generale soddisfazione della platea casalinga. Siamo sempre lì: l’eterna lotta tra bene e male, quando giustizia è fatta noi umani siamo felici.

Ritorno al presente e lieto fine: Doc è vivo, si è salvato con un giubbotto anti proiettile e mette il cuore di Cecilia in pace. Sull’altro divano, il finale non entusiasma: Raffaele sperava che Marty e Doc restassero nel passato, mentre per Luca è traumatico il ritorno alla realtà e a un 2015 senza macchine volanti. Sarà per questo che il suo desiderio è andare nel futuro, per vedere quali saranno le nuove tecnologie che avrà a disposizione tra qualche anno. Di verso opposto, invece, il sogno di Raffaele, che vorrebbe tornare indietro nel tempo fino agli anni ’60, per vedere in campo la grande Inter di Helenio Herrera.

Entrambi si sono emozionati guardando il film e non hanno dubbi: vogliono vedere anche gli altri due capitoli della saga. Anche Cecilia è dello stesso avviso, forse perché è rimasta particolarmente intrigata dalle possibili dinamiche dei futuri possibili, dei mondi paralleli e delle realtà alternative…  no, certo, non ha usato queste parole per esprimerlo, ma ha visto in un modo abbastanza semplice che le azioni di oggi provocano conseguenze nel futuro. E non è poco.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >