TV e Cinema
di Sandro Giorello 18 Gennaio 2016

È davvero possibile sopravvivere a tutto quel che capita a DiCaprio in The Revenant?

Non proprio a tutto, ma diciamo che alcune scene però possono considerarsi realistiche [ATTENZIONE – CONTIENE SPOILER]

Leo-TheRevenant www.konbini.com - Leonardo DiCaprio in The Revenant

 

Noi The Revenant l’abbiamo promosso a pieni voti. Il nuovo film di Alejandro Iñárritu ha raccolto ben 12 nomination agli Oscar, tra cui miglior regia, miglior attore protagonista (Leonardo DiCaprio) e miglior attore non protagonista (Tom Hardy). La trama la conoscete, il film si ispira all’omonimo racconto di Michael Punke, ambientato agli inizi dell’800, dedicato alla storia di un cacciatore di pelli, Hugh Glass, che durante una spedizione viene aggredito da un orso e abbandonato nel bosco dai suoi compagni.

Se non avete ancora visto il film vi consiglio di non proseguire la lettura di questo articolo perché gli spoiler fioccheranno; se l’avete visto, invece, molto probabilmente sarete usciti dal cinema con una sola domanda in testa: ma un uomo può davvero sopravvivere ad una serie di avversità, sfighe, disgrazie, sputi in faccia del destino, simile? Vediamo.

 

Screen-Shot-2016-01-11-at-12.46.26-PM-1200x545_c thecelebritycafe.com - La scena dell’attacco dell’orso

 

È una domanda che il Telegraph ha posto a Ray Mears, volto noto della TV britannica per trasmissioni come Ray Mears’ Bushcraft o Ray Mears’ World of Survival dedicati alle tecniche di sopravvivenza, e conosciuto anche dal pubblico italiano per alcuni suo programmi trasmessi su Mediaset Premium.

Mears ha passato in analisi alcuni punti più violenti della pellicola dando il suo parere su quanto le scene fossero davvero realistiche. È possibile, ad esempio, sopravvivere all’attacco di un orso: tempo fa ha intervistato una donna che, dopo essere stata aggredita in faccia e al petto, ha finto di essere morta aspettando così che la bestia si allontanasse. È poi riuscita a sopravvivere grazie a lunghi interventi di chirurgia plastica.

Oppure la pesca: Mears sostiene che il modo in cui Hugh Glass cattura i pesci nel film non è certo dei più pratici ed efficaci ma è coerente con gli usi di alcune tribù del periodo del 1800. Sul fatto di proteggersi dal freddo rifugiandosi all’interno di un cavallo scuoiato, lo studioso conferma che ci sono stati casi in cui si è ricorso a questa soluzione, ma che è molto difficile riuscire a passare un’intera notte senza morire congelati: “Meglio un bufalo” – commenta Mears – “la sua pelliccia è molto spessa, e all’interno troviamo molto grasso che si congela più lentamente”.

 

a7d36f59be736998db8100b76b3b3f4ea52759f8 s.yimg.com - The Revenant

 

Il punto del film su cui, invece, Mears proprio non concorda è la possibilità che ci si salvi dopo essere precipitati da un dirupo insieme al proprio cavallo: “È improbabile, sarebbe morto insieme al cavallo”. Infine consiglia a tutti di mangiare il fegato crudo di bisonte, proprio come succede in The Revenant:  “Se si mangia fegato crudo, si ottiene una tutta una serie di aminoacidi che bloccano la sensazione della fame. E poi è molto buono: contiene molto sangue e, quindi carboidrati. Vi aiuterà a mantenervi al caldo, a bruciare più lentamente il grasso del vostro corpo e a utilizzare meglio le vostre risorse ”. Piccolo dettaglio da non sottovalutare: Di Caprio è vegetariano.

FONTE |  telegraph.co.uk

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >