TV e Cinema
di Simone Stefanini 10 Ottobre 2017

Perché RuPaul’s Drag Race è il talent migliore di tutti

Paradossalmente il talent sulle drag queen è il più vero, che insegna il rispetto per ogni diversità e ad amare se stessi. Poi è troppo divertente!

 

“Potete chiamarmi lui, potete chiamarmi lei, non m’importa, l’importante è che mi chiamiate!” – RuPaul

RuPaul ha 58 anni ma come caspita faccia a sembrare sempre così giovane proprio non si sa. Nella sua versione maschile, con giacca eccentrica, testa rasata e occhiale vistoso, è proprio un bell’uomo ma quando veste abiti femminili e parrucca, che lo hanno fatto diventare negli anni ’90 la drag queen più famosa del mondo, è addirittura favoloso.

Per chi fosse vissuto in epoca differente da quella attuale (dagli anni ’50 a oggi, per l’esattezza), drag queen è la definizione che si usa per quei maschi, spesso omosessuali o transessuali, che si travestono da donna per lo spettacolo. Avete mai visto Priscilla – La regina del deserto? Esatto. Ricordate il discorso di Agrado in Tutto su mia madre? Esatto. Avete mai visto il film giapponese Funeral Parade of Roses del 1969? Ok, in questo caso siete giustificati, effettivamente è un po’ di nicchia.

 

 

La drag canta live e ancora più di frequente in playback, balla, è eccessiva, spudorata, recita un personaggio che è quello che più gli appartiene, quello che sente la vera incarnazione di se stesso. RuPaul dal 2009 ha creato un talent show per drag queen, dal nome RuPaul’s Drag Race (in italiano America’s Next Drag Queen), una specie di versione di America’s Next Top Model in versione travestita, che fa impazzire i fan di tutto il mondo.

L’edizione italiana è andata in onda per qualche stagione su Fox Life, ma la trovate interamente in catalogo su Netflix, e se non l’avete mai vista, dovete assolutamente dargli una chance. Il format è molto semplice: in ogni puntata i concorrenti (sempre gli stessi per ogni stagione) dovranno fare una mini sfida, una sfida principale e poi la sfilata finale. I due che hanno convinto meno i giudici andranno alla sfida del playback, che decreterà chi resta e chi deve volare via.

 

Il cast della nona stagione cimg - Il cast della nona stagione

 

I premi in palio sono quelli che farebbero gola a ogni drag: dollaroni, cosmetici a vita, parrucche e contratti pubblicitari. Detto così sembra la sagra della frivolezza e lo è, Dio se lo è, però in ogni puntata trova sempre spazio un momento in cui i ragazzi parlano delle loro problematiche e di ciò che li ha fatti andare avanti nei peggiori momenti. Bullismo e omofobia, certo, ma anche pericoli e malattie sessualmente trasmissibili. Un pianto, un po’ di mascara sceso con le lacrime e poi non c’è più il tempo per il dolore, si va in scena.

Ogni drag deve saper cucire i propri vestiti e pettinare le proprie parrucche, deve sapersi truccare come una professionista, deve ballare, cantare e recitare, ma sempre a modo suo. Ecco il vero motivo per cui questo talent è il più bello di tutti: massima espressione personale. Non si tratta di far piacere se stessi tirando su una maschera, un personaggio preconfezionato. Questo casomai capita in tutti gli altri talent.

 

 

Qui il personaggio e la persona sono spesso un’identità condivisa, che cambia volta per volta a seconda della donna che vogliono interpretare. Si va dai costumi impossibili, futuristici e totalmente eccessivi ai tailleur castigati stile Hillary Clinton, quindi non ci si annoia mai. Ogni puntata, i concorrenti si rinnovano del tutto, per stupirci e far rimanere di stucco i giudici.

 

 

Potete iniziare a guardarlo con diffidenza, magari non siete troppo interessati alle drag o alla cultura omosessuale in genere, ma già dopo un paio di puntate vi ritroverete a fare il tifo, a parlare di taglio dei un vestito neanche foste Dolce o Gabbana, di trucco e colori da abbinare che neanche Max Factor.

Noi maschietti etero, più di una volta ci ritroveremo a commentare “Lei è la più bella di tutte”, senza il minimo pudore o la minima esitazione. È uno show talmente avvincente che potrebbe far convertire il più conservatore degli spettatori nella drag più scatenata.

 

 

Ecco perché è il più bel talent di tutti: è sempre sorprendente, fresco, nuovo e ogni volta potrete imparare qualcosa sul rispetto delle diversità, qualsiasi esse siano, ma non solo. Mediante il percorso dei concorrenti, potrete imparare a voler bene a ciò che siete, accettare i vostri difetti e trasformarli in pregi, solo stando comodamente seduti sul divano. Perché come dice RuPaul alla fine di ogni episodio: “Se non riuscite ad amare voi stessi, come diavolo farete ad amare qualcun altro?”

Amen.

 

Don’t go breaking my heart daily mirror - Don’t go breaking my heart

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >