TV e Cinema
di Simone Stefanini 26 Novembre 2019

Se sei razzista, Watchmen di Lindelof non ti piacerà

La serie tv HBO creata da Damon Lindelof è un antidoto contro la stupidità

Watchmen, la serie tv HBO di Damon Lindelof è giunta al sesto episodio e non ci sfuggirà un singolo spoiler, ma sappiate che è una delle migliori ore di serie tv di quest’anno. Per quanto geniale e ambizioso sia questo sequel del fumetto di Alan Moore e Dave Gibbons, per quanto hype abbia creato quando è stato annunciato, per quanto la critica sia praticamente concorde nel giudicarla una delle serie più interessanti degli ultimi tempi, non sembra che stia facendo troppo clamore nelle bolle social.

Forse qualcuno è rimasto deluso perché pensava si trattasse della versione a puntate del graphic novel, forse qualche altro la trova troppo complicata. Ci stanno entrambe le cose, dal momento che non sappiamo mai cosa aspettarci da ogni episodio e spesso accadono cose che a prima vista sembrano inspiegabili, ma agli scettici diciamo di dare a Watchmen più di una possibilità, perché a differenza di molte serie d’intrattenimento, con pochi livelli di lettura, qui ce ne sono da perdersi.

Forse, di nuovo, qualcuno non ha gradito che al posto della Guerra Fredda (l’ambientazione di Moore per il Watchmen originale), quasi 40 anni dopo la battaglia sia tutta incentrata sul razzismo, ma cosa avremmo dovuto aspettarci di diverso? Sembra palese quanto la società occidentale, privilegiata e connessa h24, sia arrabbiata fino alla regressione e questo è un fatto. Qualche esempio? Nel mondo virtuale, che per iperbole diventa quello più reale della realtà, gli esseri umani litigano persino su argomenti che in teoria interessano davvero tutti: ecologia, diritti, lavoro, ambiente; molti si arroccano su posizioni estremiste e si scagliano contro qualsiasi diversità: colore della pelle, orientamento sessuale, politico, religioso, persino sul genere. Ieri era la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, eppure c’è chi ha contestato anche quella.

Watchmen al momento non dà soluzioni, ma evidenzia problemi di una società che appartiene a un multiverso, quindi regolata da leggi e accadimenti diversi, ma con le stesse problematiche del nostro mondo. Dopo le grandi ondate dei giustizieri mascherati, i Minutemen nei 40s, gli Watchmen negli 80s, gli Stati Uniti sono caduti vittima del razzismo organizzato da parte di una congrega diretta discendente del Ku Klux Klan e i poliziotti se ne devono andare a lavoro mascherati per non essere riconosciuti. Certo, in mezzo ci sono calamari giganti che cadono dal cielo, cloni, esplosioni psichiche, pastiglie per rivivere il passato, orologi giganti, Robert Redford presidente e  altri giustizieri mascherati, ma la sostanza è quella: Watchmen del 2019 ti mette di fronte a chi sei veramente, e se sei un razzista non ti piacerà.

Tutte le altre info le trovate qui.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >