TV e Cinema
di Mattia Nesto 11 Luglio 2018

The Seven Deadly Sins è l’anime giusto per quest’estate

Il cartone animato disponibile su Netflix è fresco, colorato e pure divertente

 

Quali sono i desideri più tipici e ricorrenti in estate? Sicuramente un po’ di riposo, di certo molto divertimento ma pure, perché no, qualcosa di leggero e appassionante da guardare direttamente in spiaggia o all’ombra di persiane abbassate nei nostri salotti invasi dall’afa. Tutti questi tre desideri trovano risposta e soddisfazione nell’anime The Seven Deadly Sins, la cui prima stagione è disponibile su Netflix. The Seven Deadly Sins è, per l’appunto, un anime fresco e leggero, con personaggi tutti quanti molto riconoscibili e ben caratterizzati, un uso intelligente di situazioni ora divertenti e paradossali ora critiche e drammatiche e con disegni davvero bellissimi.

 

Protagonisti dell’avventura è, come nel più classico dei cliché, una banda di cavalieri sui generis, capitanato da Meliodas: ad ogni cavaliere corrisponde un peccato capitale e quello di Meliodas è l’ira. Tanto è vero che egli è anche conosciuto come il drago dell’ira. Meliodas si presenta come un ragazzo adolescente, abbastanza buffo e sempre allegro e solito, come tipicamente avviene in numerosi anime giapponesi (da Happosai di Ramna fino ad il Maestro Muten di Dragon Ball), molestare in modi più o meno pesanti la bella Elizabeth, sua compagnia di viaggio e principessa del regno di Britannia. Assieme a loro viaggia anche un simpatico porcellino parlante, Hawk che a più riprese rischia la vita. O meglio di essere cucinato.

 

 

Il gruppo iniziale composto dai tre viene via via arricchito dai membri dei Sette Peccati che Meliodas va a liberare percorrendo Britannia, una mitica terra ispirata al Medioevo europeo che i disegnatori di The Seven Deadly Sins tratteggiano con grande maestria. I compagni d’arme del drago dell’ira, oltre a rappresentare ovviamente un peccato capitale (dall’avarizia alla gola, passando per la lussuria e l’invidia) recano con sé anche un piccolo tatuaggio, raffigurante il loro animale totemico. Ad esempio la gigantessa Diane, innamorata persa del suo capitano Meliodas, ha tatuato sulla gamba una piccola serpe che rappresenta non soltanto il suo animale totemico ma anche il suo soprannome, “Diane, la serpe dell’invidia” (ed anche il suo potere principale visto che, oltre a possedere una forza sovrumana, può far scaturire dal terreno delle spire di pietra che annichiliscono qualsiasi nemico sia nel loro raggio).

 

 

A doversi scontare, per ragioni che nelle prime puntata paiono abbastanza misteriose ma che poi, come nella più perfetta progressione à la anime e à la gioco di ruolo si chiariranno sempre più, sono i Cavalieri Sacri, custodi della sicurezza e della salvaguardia del Regno di Britannia. Quindi sembrerebbero “i buoni” ma in realtà rappresentano gli antagonisti principali dato che sono raffigurati come despoti prepotenti, approfittatori e vessatori dell’inerme popolo della regione. Ogni Cavaliere Sacro ha un suo potere precipuo e una storia che, quasi sempre, si sottolinea per la sua profondità e particolarità.

 

In questo anime non mancano ovviamente i combattimenti, molto spettacolari e scenografici. Tuttavia Meliodas si segnala per una particolarità. Infatti quando lo vediamo alle prese con qualche scontro, sembra trattenersi, quasi avesse paura del suo stesso potere. Tanto è vero che, invece di imbracciare una poderoso spada, usa soltanto l’elsa, proprio perché “ha paura di poter uccidere qualcuno con un’arma vera e propria” (ma questo comunque non gli impedisce di menare botte da orbi ai malcapitati avversari che gli si frappongono). Quel pizzico di mistero che aleggia sia su Meliodas così come su tutti i compagni è un elemento di grande interesse e curiosità e il desiderio di scoprirne di più sui Sette Peccati Capitali aumenta di episodio in episodio.

 

 

Insomma al netto di qualche carenza (il personaggio di Elizabeth è, per usare un eufemismo, un tantinello stereotipato anche per le metriche giapponesi), The Seven Deadly Sins è un anime godibilissimo, ideale per una visione estiva senza impegno che strapperà qualche risata e ci farà rimanere incollati allo schermo. Perché in fondo non c’è stagione che tenga: un gruppo di cavalieri, più o meno senza macchia, catturerà sempre la nostra attenzione no?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >