TV e Cinema
di Simone Stefanini 2 Febbraio 2017

Non è giusto che i soldi di Sanremo vadano ai terremotati

In un paese civile, lo Stato dovrebbe essere forte e sano, in grado da far fronte alle emergenze

 laguiudapiù

In queste ultime settimane, Carlo Conti e il suo team di lavoro al Festival di Sanremo 2017 (in onda dal 7 febbraio su Rai Uno) sono stati presi di mira dagli assalti del populismo più becero. Su Facebook, migliaia di persone intimavano ai loro contatti di non guardare Sanremo perché ci sono cose più importanti, il terremoto, le tragedie e quelli sono i nostri soldi e devono andare a quelli che stanno male.

Un ragionamento che nasce dalla pubblicazione dei compensi, secondo i quali Carlo Conti prenderà 650mila euro. Per l’occasione, sono scesi dalle Terre Desolate Matteo Salvini e Renato Brunetta, a cavalcare l’ondata di indignazione popolare, tirando fuori il Canone che paghiamo noi e di fatto invocando un socialismo reale che nemmeno Lenin, in cui se sei troppo ricco devi dare qualcosa al povero, altrimenti ti devi vergognare.

Stavamo in pensiero il tempo - Stavamo in pensiero

 

Secondo le stime però, il Sanremo di Carlo Conti funziona alla grande, e le cifre dell’anno scorso parlano di 16 milioni di € spesi contro 22 milioni di € guadagnati grazie agli sponsor pubblicitari. Un’edizione che si è conclusa in attivo di 6 milioni (nessuno dei quali estirpati con la forza dal canone) e che ha contribuito a stabilire il valore di mercato di Carlo Conti, proprio come fosse quello di un calciatore che ha fatto una stagione incredibile e che ha segnato in finale di Champions.

Intendiamoci, che poi Conti abbia deciso di devolvere parte del proprio compenso ai terremotati di sua sponte o perché in pratica forzato dall’opinione pubblica, questo non possiamo saperlo, ma ci sembra davvero assurdo che alcuni professionisti debbano subire ricatti morali dalla politica o dal populismo tipico dei social per quanto riguarda il proprio lavoro.

 

Alcuni degli auguri che ha preso Conti su Facebook facebook - Alcuni degli auguri che ha preso Conti su Facebook

 

La carità non dovrebbe essere forzosa, tanto più che sui compensi da capogiro, gli artisti ci pagano le tasse come tutti e come sapete, la pressione fiscale in Italia è una tra le più alte in Europa, al 5° posto secondo i dati della CGIA di Mestre. Al primo posto c’è la Danimarca, ma non ha molto senso fare il paragone, visto che i servizi offerti dallo Stato e la qualità della vita sono nettamente superiori agli standard italiani. In un paese civile, lo Stato dovrebbe essere sano, forte e organizzato da poter provvedere alle emergenze senza ricorrere alla autotassazione dei singoli.

Non ci addentriamo nei demeriti di chi, conoscendo bene la natura sismica di parte del territorio italiano, ha deliberatamente deciso di non dotare le zone di misure antisismiche, ma di sicuro l’ondata di odio cieco in stile Rivoluzione Francese da casa propria, perde di vista l’obiettivo, tanto più che i politici che cavalcano l’ondata di indignazione sono quelli promotori del liberismo economico e delle privatizzazioni, adoratori di un sistema capitalistico sfrenato che oggi sembra del tutto dimenticato in favore di un casuale comunismo col fondoschiena degli altri.

LATROOOI facebook - LATROOOI

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >