TV e Cinema
di Mattia Nesto 18 Gennaio 2019

Vent’anni de La Melevisione

Questa sera su Rai YoYo andrà in onda la maratona notturna dedicata a quella che è stata probabilmente l’ultima programma della “tv dei ragazzi

Questa sera dalle ore 21 su Rai YoYo andrà in onda la maratona notturna de La Melevisione per celebrare i vent’anni dalla prima puntata. Per chi era una bambina o un bambino alla fine degli anni Novanta La Melevisione è stato un appuntamento fisso nei pomeriggi post-scolastici, con i personaggi di Tonio Cartonio o Lupo Lucio veri e propri idoli indiscussi.

La Melevisione è andata in onda per ben 1670 puntate, chiudendo i battenti, va detto piuttosto mestamente, nel 2015, quindi neppure troppi anni fa. Eppure sono le prime edizioni quelle mitiche e quelle che maggiormente sono rimaste come incastonate nella memoria collettiva. Certo l’effetto nostalgia la fa da padrone, con quegli fondali così finti e trash, con quelle avventure da niente popolate da gnometti, bizzarre bevande multicolori e alberi di cartapesta ma forse c’è qualcosa in più. Già perché La Melevisione a conti fatti rappresenta l’ultimo tassello, anzi proprio quello terminale, di tutte quelle trasmissioni assimilabili alla “tv dei ragazzi” (usiamo un termine ormai arcaico per chi è nato dopo il 2001 ce ne rendiamo conto), di cui già ci siamo occupati in passato come in questo articolo su Solletico. E, come se non bastasse, si è trattato di una produzione di tutto rispetto per la Rai.

Già perché stiamo parlando di un programma realizzato dal glorioso centro di produzioni RAI di Torino con attori in carne e ossa come Danilo Bertazzi (il prode Tonio Cartonio, ovvero il locandiere-elfo protagonista delle prime edizioni), scaturito da un’intuizione di “Mela Cecchi e Bruno Tognolini scritta con Janna Carioli, Venceslao Cembalo, Lorenza Cingoli, Martina Forti, Pierluigi Pantini, Lucia Franchitti, Luisa Mattia e con Aldo Valente e Paolo Serazzi per quanto riguarda le musiche” come recita la pagina di Wikipedia collegata.  Chiaro quindi di come siamo di fronte ad un ingente sforzo produttivo, per di più attuato proprio negli stessi anni in cui le altre trasmissioni simili, come, sempre sulla RAI, Go Kart o, invece su Mediaset, Bim Bum Bam o chiudevano i battenti o diventavano dei vuoti contenitori “senza presenza di presentatori umani” diciamo di cartoni in serie.

Oltre quindi a degli attori che mettevano in scena vere e proprie commedie per bambini c’erano anche i cartoni e che cartoni. Infatti raramente sulla televisione generalista si è una vista una selezione così ricercata legata all’animazione che, con gli occhi di oggi, si potrebbe davvero definire indipendente. Innanzi tutto erano cartoni di matrice europea, spesso spagnola, quindi niente anime o cartoni americani e spesso caratterizzati da atmosfere cupe e misteriosi, quasi gotiche. Ad esempio il sublime Wolves, Witches and Giants aveva degli episodi davvero truculenti per il pubblico di allora come quello, indimenticabile, con protagonista un folle barbiere per bambini che, udite udite, amava collezionare bulbi oculari umani!

Ma per gusti, diciamo così, più classici, come non citare Bob Aggiustatutto o Papà Castoro, cartoni che hanno forgiato intere generazioni alla passione per il bricolage e per l’ascoltare storie attorno al fuoco (con le ovvie battute a riguardo su Bob “il perfetto commesso del Brico Center” o di Papà Castoro “un proto tossico sempre in vena di viaggioni allucinogeni”.

Detto questo rimane il fatto che quei pomeriggi passati in compagnia della Principessa Odessa o del Principe Giglio erano davvero dolcissimi, un momento di tregua dalle incombenze dei compiti scolastici o dei classici corsi di nuoto o di chitarra. Ci si ricorda ancora di quel pomeriggio di inizio settembre del 2001 quando, praticamente in diretta, La Melevisione viene interrotta per dare la notizia dell’attentato alle Torri Gemelle. L’epoca dell’innocenza era finita forse per molti in quel pomeriggio ma noi tutti, a vent’anni di distanza, continuiamo ad amare e a volere bene a Tonio Cartonio e a credere in futuro più “fantapignoso”!

https://www.facebook.com/danilobertazziofficial/photos/a.854396221306220/2039643436114820/?type=3&theater

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >