Viaggi
di Gabriele Ferraresi 2 Maggio 2016

Chi affitta con Airbnb a Berlino dal 1° maggio rischia una multa da 100mila euro

È entrata in vigore una legge che vieta l’affitto di interi appartamenti

airbnb  Periodo di grossi cambiamenti per i proprietari di casa che affittano con Airbnb a Berlino

 

Tempi duri per Airbnb a Berlino: dopo un periodo di transizione durato due anni, dal 1° maggio 2016 infatti è entrata definitivamente in vigore una norma che minaccia multe salatissime – fino a 100mila euro – ai proprietari che affitteranno l’intero appartamento agli inquilini.

Tutto tranquillo invece per chi affitta solo una stanza o più di una del proprio appartamento, ma quel che conta è che non sia l’intero appartamento o addirittura il palazzo a essere dato chiavi in mano agli inquilini. Volete farvi una cultura sul tema? C’è un progetto di data journalism proprio sulla querelle Airbnb contro Berlino, e si chiama Airbnb VS Berlin. È tutto in inglese.

 

affitti berlino airbnb AirbnbVSBerlin - Le zone di Berlino dove si concentrano il maggior numero di appartamenti affittati su Airbnb

 

I motivi del giro di vite voluto dal legislatore? Le fluttuazioni del mercato immobiliare causate proprio dall’arrivo di una delle piattaforme simbolo della sharing economy: troppi i proprietari che preferivano affitti a breve o brevissimo termine rispetto a quelli che sceglievano lunghi contratti di locazione, magari pluriennali.

Il mercato degli affitti berlinese con prezzi tradizionalmente molto accessibili si stava quindi restringendo, con la conseguenza diretta di prezzi schizzati alle stelle. Ricapitoliamo: meno case in affitto per lunghi periodi, domanda di affitti in crescita, prezzi che vanno in su: un dato preciso? Gli affitti a lungo termine a Berlino sono cresciuti del 56% tra il 2009 e il 2014.

 

affitti berlino airbnb resto germania AirbnbVSBerlin

 

Insomma, per mille motivi Airbnb a Berlino era la tempesta perfetta. Raffaele Oriani scriveva sul Venerdì di Repubblica a proposito di Berlino ed Airbnb che “con i flussi turistici sono aumentate anche le camere messe a disposizione dai privati: solo quelle targate Airbnb erano 1.600 nel 2011, ben 17.500 a fine 2015. La sharing economy corre tanto veloce da mettere a dura prova la proverbiale efficienza del sistema legale tedesco: dal maggio 2014, data di entrata in vigore della legge sul «divieto di alterazione dello scopo dello spazio abitativo» (in tedesco è un’unica parola!), l’offerta di Airbnb invece di crollare è cresciuta di oltre il 50 per cento, mentre l’invito agli «abusivi» ad autodenunciarsi per godere di due anni di tolleranza amministrativa ha raccolto poche migliaia di adesioni.E se fosse il rigore teutonico a doversi arrestare di fronte all’avanzata dell’«economia della condivisione»?“.

Nella norma berlinese “anti Airbnb” c’è poi anche spazio per la delazione, dato che si potranno denunciare in forma anonima i proprietari che violeranno le regole, affittando per esempio l’intero appartamento. E in Italia? In Italia si parla di una legge che arriverà domani, il 3 maggio, in Parlamento. L’iter sarà lunghissimo, ma intanto, si parla di come pagheranno le tasse i proprietari che affittano in Italia con Airbnb. Infatti si legge su Repubblica che: “L’altro discrimine fissato dalla legge, il confine tra chi condivide per hobby (o per arrotondare) e chi lo fa per lavoro, è quello dei 10mila euro annui. Sotto questo tetto le entrate (cumulate tra tutte le piattaforme) figurano come “redditi da condivisione”, con tassazione agevolata al 10%. Sopra, si sommano ai normali redditi da lavoro, con relative aliquota (…) La norma prevede che le piattaforme agiscano per gli utenti da sostituto di imposta. Una misura che permetterebbe di far emergere attività per 450 milioni di euro, finora nascoste al Fisco“.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >