Bunker Soratte seconda guerra mondiale
Viaggi
di Marcello Farno 3 Maggio 2016

Vicino Roma c’è un bunker nazista a prova di bomba atomica

Una delle più imponenti opere di ingegneria militare d’Europa, che doveva proteggere l’Italia in caso di attacco atomico: e si può visitare

bunker del Monte Soratte Bunker Soratte - L’ingresso del bunker sul Monte Soratte

A pochi chilometri da Roma giace nascosto un pezzo della storia del nostro Novecento di cui molti, ancora oggi, ignorano l’esistenza. È il bunker del monte Soratte, avamposto bellico che nel corso della Seconda Guerra Mondiale ospitò il comando del generale Albert Kesselring, che da quell’angolo remoto d’Italia guidò dal settembre del 1943 al giugno del 1944 i fronti di guerra di tutta l’Europa meridionale.

Situato 300 metri sotto il livello del mare, nel territorio del comune di Sant’Oreste, poco più a nord del Lago di Bracciano, il bunker Soratte venne fatto costruire nel 1937 da Mussolini, sotto le mentite spoglie di fabbrica delle armi della Breda. In realtà, negli obiettivi del Duce, questo dedalo di gallerie sotterranee doveva servire come rifugio antiaereo per le alte cariche dell’Esercito Italiano.

Ancora oggi la struttura – circa 4 km di lunghezza, ma progettata per arrivare a 14 km – rappresenta una delle più imponenti opere di ingegneria militare d’Europa.

bunker soratte Aviazione Civile

Nel momento dello sbarco degli alleati in Sicilia, subito dopo l’armistizio italiano, la galleria venne occupata dalle truppe tedesche di Kesselring, che avevano il compito di bloccare l’ascesa degli invasori. Durante i dieci mesi di permanenza tedesca – dal 13 settembre del ’43 al 3 giugno del ’44 – il bunker Soratte resistette anche a un violento attacco aereo, che gli causò alcuni danni senza però scalfire il suo scheletro.

bunker soratte Aviazione Civile

Quando Kesselring decise di abbandonare l’avamposto del Soratte diede ordine ai suoi militari di dar fuoco a tutta la struttura, che anche in questo caso però si dimostrò altamente resistente, non lasciando che le fiamme suggellassero la sua fine. Dopo uno iato durato qualche anno, in cui venne utilizzata come polveriera dall’esercito, il governo, sotto la spinta della NATO, decise di deputare il rifugio a bunker anti-atomico in caso di attacco nucleare su Roma.

bunker soratte seconda guerra mondiale Aviazione Civile

Il complesso venne collaudato a livello strutturale, ma ovviamente mai utilizzato, e rimase così abbandonato. Dal 2003 il Comune di Sant’Oreste ha avviato però dei lavori di recupero su tutta l’area, per farne un polo museale, e coadiuvato dal prezioso aiuto dell’Associazione Culturale Bunker Soratte il sito ad oggi è visitabile.

bunker soratte seconda guerra mondiale Aviazione Civile

Nel percorso lungo il ventre del Soratte possono essere ammirati veicoli storici militari e civili tra cui missili e carri armati che furono dell’artiglieria tedesca. Scendendo ancora più in profondità può essere poi visitato il bunker a prova di bomba atomica, atto ad ospitare i membri del governo e il Presidente della Repubblica Italiana in caso di conseguenze nefaste durante gli anni della Guerra Fredda.

bunker soratte seconda guerra mondiale Aviazione Civile

Il prossimo 7 e 8 maggio, in occasione del 72° anniversario del bombardamento sul Soratte, l’Associazione organizza delle speciali visite guidate nella struttura, accompagnate anche da una rievocazione storica con dei veri figuranti in uniforme e uno spettacolo aeronautico. Per info e prenotazioni vi basta consultare questo link.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >