Viaggi
di Giulio Pons 13 Novembre 2015

Ching Shih, la storia della piratessa più forte del mondo

Mentre al cinema arriva Pan, prequel delle avventure di Capitan Uncino e Peter, vi raccontiamo una storia realmente accaduta che sembra una fiaba

cina-canton-1800  Questa storia si svolse in Cina all’inizio dell’800

 

I pirati più famosi sono quelli dei Caraibi, narrati in libri e film fino a diventare icone romantiche, lontane dalla realtà come il Capitan Uncino di Peter Pan (di cui esce oggi il prequel “Pan”, al cinema). Ovviamente è provato che i pirati siano esisti realmente in molte parti del mondo ed è anche provato che il pirata più potente del mondo sia stata una donna.

Quella che vi racconto è la storia della piratessa cinese Ching Shih, nota poi col nome di Cheng I Sao. Nacque a Canton nel 1775 e lì divenne una prostituta, nel 1801 durante una scorribanda sulla terraferma il potente pirata Cheng I, che possedeva già una flotta di un centinaio di navi, la rapì e se ne innamorò. Lei accettò di sposarlo e chiese la possibilità di comandare una nave.

A questo punto occorre fare una precisazione: diversamente che nel mondo occidentale in Cina le donne erano ben viste a bordo, non portavano sfortuna ed era anzi consuetudine vederle lavorare e governare le navi.

Cheng I Sao (che vuol dire moglie di Cheng I) diede prova della sua capacità di comando e si guadagnò la stima del marito anche in ambito piratesco.

 

Cheng I Sao, la piratessa - Ching Shih historivision - La piratessa Ching Shih, nota anche col nome di Cheng I Sao

 

Il passo successivo fu quello di aiutare  il marito ad organizzare meglio il lavoro, costituendo una confederazione di pirati, nella quale confluirono tutte le organizzazioni piratesche e criminali cinesi.

Nel 1807 Cheng I morì e la nostra eroina riuscì a guadagnarsi l’appoggio dei familiari di lui per farsi eleggere capo supremo della confederazione. Così a soli 32 anni Cheng I Sao governava su 60.000 pirati, con una flotta di diverse centinaia di imbarcazioni. Assaltavano le navi mercantili e si spingevano spesso a terra dove chiedevano il pizzo ai villaggi e se non lo pagavano, ammazzavano e depredavano seminando morte e distruzione. Gente tranquilla.

 

Cheng I Sao (o Cheng I Shih) al potere Youtube - Ching Shih diventa capo supremo di tutt i pirati della Cina

 

Erano talmente forti che le flotte governative provarono per anni a contrastarli, ma vennero sempre sconfitte, perdendo numerose navi in battaglia.

Questa banda di scalmanati criminali comandati da una donna, avevano poche regole, ma chiare:

  • chi disobbedisce ad un ordine o ruba dalle casse viene decapitato
  • diserzione e allontanamento non autorizzato sono puniti con il taglio delle orecchie
  • frustate se nascondi il bottino e non consegni le merci rubate, se recidivo vieni ucciso
  • lo stupro di una prigioniera viene punito con la morte e se la donna è invece consenziente, l’uomo viene decapitato e la prigioniera gettata in mare con un peso ai piedi

Roba da far impallidire i pirati delle Indie occidentali.

 

Illustrazione di Ester Grossi Ester Grossi - La regina dei pirati Ching Shih

 

Come se non bastasse, aggiungiamo ancora un po’ di colore a questa storia. Durante una missione il pirata Cheng I si portò a casa un ragazzino che divenne per la coppia un figlio adottivo. Si chiamava Chang Pao e in pochi anni diede prova di essere un ottimo comandante. Poche settimane dopo la morte del padre adottivo, però, quella saggia donna di Cheng I Sao intraprese una relazione sessuale con lui e anni dopo lo sposò. Insieme governarono la confederazione.

 

vita-in-famiglia boite-aux-curiosites.com - Chang Pao e Cheng I Sao, scene di vita in famiglia

 

Il regno della signora Cheng terminò nel 1810, quando la Cina chiese il supporto all’Inghilterra e al Portogallo per affrontare la flotta pirata. Cheng I Sao, allora, si recò disarmata in delegazione dal governatore generale di Canton per trattare la propria resa. Il governo cinese accettò in toto le condizioni della piratessa, ben consapevole dei danni che poteva fare. Gli accordi furono questi: i pirati consegnavano le navi e le armi, ma si potevano tenere il bottino, amnistia per i crimini commessi e, ciliegina sulla torta, fu dato un ruolo di comando a Chang Pao nella marina militare cinese.

Pao fece carriera e la piratessa si stabilì a Canton dove visse come una ricca signora, gestendo delle case da gioco. Con Pao ebbero un figlio… e -naturalmente- vissero per sempre felici e contenti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >