Viaggi
di Moreno Scorpioni 25 Novembre 2015

10 cose da sapere assolutamente prima di andare in vacanza in Giappone

Informazioni necessarie per evitare dieci errori che commettereste di sicuro

Giappone mezze stagioni errori  L’autunno in Giappone

 

Le mezze stagioni esistono ancora per un solo motivo: sono il momento migliore per andare in Giappone. Di conseguenza, io ci sono andato in piena estate, quando il tasso di umidità arriva al 92% e la maggior parte dei templi sono chiusi. Purtroppo non è stato l’unico sbaglio, così ho deciso di raccogliere le 10 cose da sapere per evitare altrettanti errori da non fare prima di andare in vacanza in Giappone perché se non fate almeno 10 sbagli, non siete stati in Giappone, e se ne fate più di 100, beh, allora tanto vale andare in Grecia.

1. Una geisha non è una prostituta d’alto bordo
Il primo, e forse il più banale: non partite per il Giappone convinti che una geisha sia una prostituta di classe. E ve lo dice la parola stessa, 芸者, che messa così magari mi rendo conto sia poco fruibile, ma il primo carattere significa arte mentre il secondo persona. E dunque un’artista, un’intrattenitrice che diverte il pubblico con musica, danza e poesia. E poi sì, certo: si concede. Ma a un uomo solo, che diventa il suo danna (marito/protettore).

 

geisha metro Steve McCurry - Anche una geisha prende la metro

 

2. L’inglese non è una lingua universale
Mai, e dico mai, partire per il Giappone convinti che tutti sappiano l’inglese. Specialmente se il vostro itinerario non si limiterà a Tokyo. Fuori dalla grande metropoli sono pochi i giapponesi che parlano l’inglese (in Ciociaria invece, sì eh!). O meglio: lo parlano anche, ma lo pronunciano esattamente come lo sentono. Il giapponese è una lingua sillabica per cui i giapponesi non diranno mai sport ma, al suo posto, diranno spotsu; non diranno orange juice ma orenji jusu e così via. Il rischio? Che non capirete niente. Mai.

3. La tecnologia è ovunque. Anche (se non soprattutto) in bagno.
Attenzione: quello del’ipertecnologia non è un luogo comune. Troverete una plancia di comando ovunque, anche in bagno. Sì, proprio in bagno. Dimenticatevi la tavoletta del water così come la conoscete e preparatevi a fare i conti con un pannello di controllo (scritto naturalmente in giapponese) che regola tutto: dalla temperatura della tavoletta (addio trauma della tavoletta fredda) all’intensità dello schizzo d’acqua inopportuno che una fotocellula farà partire a sua discrezione quando avrà deciso che avete finito di fare quel che dovete, passando per una simpatica musichetta di sottofondo per coprire i vostri rumori, sconvenienti da far sentire in giro (che comunque se parte la musica va da sé che non state propriamente cantando).

 

 

4. Il sushi non si mangia tutto l’anno
Partite convinti di andare nella patria del pesce crudo, speranzosi di strafogarvi di sushi come se non ci fosse un domani? Partite male. Il sushi, alimento freddo, si mangia principalmente d’estate. Scoprirete così che la cucina giapponese è fatta di tanto altro, ma tanto a voi tutto è concesso, perché siete dei bizzarri occidentali. E qui veniamo al quinto punto.

5. Il bizzarro occidentale
Il Giappone è il paese della forma, del rispetto e della cortesia ma voi siete e resterete sempre dei gaijin (外人 letteralmente persona esterna, al Giappone naturalmente) a cui è concessa più o meno qualsiasi bizzarria. Come quella di mangiare il cocomero senza metterci neanche un minimo di sale sopra. Un po’ come un tedesco che ordina pizza e cappuccino insieme al ristorante.

6. No robottoni, sì Hello Kitty
Più di Mazinga, più di Gundam e dei Power Rangers, Hello Kitty è la divinità massima. La troverete ovunque, in qualsiasi negozio, su qualsiasi gadgaet (sì, anche su quei tipi di gadget) e anche fuori dai templi, travestita da Buddha.

 

Hello Kitty Buddha Kuri Curiosities - Hello Kitty nelle grazie del Buddha

 

7. I regali si scartano a casa
E restando in tema di cortesia e rispetto: non rimaneteci male se portate un regalo dall’Italia a un giapponese e lui non lo scarta davanti a voi. Il giapponese, più acuto e intelligente di voi, sa che potrebbe esserci la possibilità che il regalo che gli avete preso faccia schifo. Per cui, imbarazzato, sfoggerà uno dei suoi migliori sorrisi e metterà il regalo in borsa, di modo tale da poterlo scartare nel privato della sua cameretta. Ricordate: lo sta facendo per voi.

8. I cartoni animati avevano ragione
Se avete la certezza granitica che il karaoke sia roba da sfigati, è solo perché da noi ne è arrivata una brutta copia. Il Giappone è la patria del karaoke ed entrare in uno di questi palazzoni a otto piani con cabine private, insonorizzate e servizio open bar al loro interno potrebbe essere una delle esperienze più divertenti della vostra vita. Anche se probabilmente finirete a cantare e ballare ubriachi sui divani come dei turisti inglesi in vacanza in Italia. E sì, tranquilli, c’è anche la Rettore (e cantarla a squarciagola è stato il mio errore numero 11, ma questa è un’altra storia).

 

 

9. Fumatori siete i benvenuti. Ma non all’aria aperta
Per voi che durante il lungo volo che vi porterà nel Paese del Sol Levante non pensate ad altro che alla prima sigaretta che fumerete scesi all’aeroporto di Narita, un brusco risveglio vi attende: in Giappone non si fuma per strada. O meglio, si fuma solo nelle smoking area, dei simpatici cubicoli di un metro per un metro in cui, se vi dice bene, fumerete la vostra sigaretta e anche quella del compare di fronte a voi, posto a una distanza di sicurezza di 4 cm circa.

10. Non ti diranno mai di no, ma non significa sì
Last, but not the least: i giapponesi sono un popolo gentile. E voi, se foste una persona gentile, direste mai di no? No (purtroppo io non sono molto gentile, è evidente). Per quanto folle possa essere la vostra proposta, un giapponese non vi dirà mai di no apertamente ma userà tutta una serie di perifrasi per favi capire che forse, probabilmente, l’idea che avete avuto non è poi così brillante come sembrava e potrebbero esserci delle idee leggermente migliori. Che sempre di un no si tratta, siamo d’accordo, ma ehi: con quanta eleganza l’han detto!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >